Home Cultura =BESNIK SOPOTI. E TU, CHI SEI?=
=BESNIK SOPOTI. E TU, CHI SEI?= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Lunedì 08 Agosto 2011 09:15

 

sopoti_PRESO_31

Gli orrori e la follia del secolo scorso lo riguardano molto, molto da vicino. Un fantasma carico di colori approdato da straniero a casa sua, nel paese mancato di Modugno e in una Nazione, la sua, che lo guarda con occhio razzista.

 

a cura di Nicola Sacco

_____________________

foto Buttiglione/Sudcritica  

  

Di Besnik Sopoti, Italia Giusta secondo la Costituzione e la rivista Sudcritica.it si sono occupati e si vanno occupando ormai da anni [v., tra l’altro, Un paese che divora se stesso].

Ce ne andiamo occupando in un oceano di indifferenza istituzionale, dal Comune di Modugno ai Ministeri “di Roma”. Tutti sanno tutto, nessuno muove un dito. Me ne sto occupando io personalmente, con l’aiuto prezioso e gratuito dell’amico avvocato Ascanio Amenduni; a farla breve, abbiamo una causa in corso davanti al Tribunale di Roma per ottenere che venga riconosciuto a Sopoti quello che è suo e che gli è stato tolto con la prepotenza propria dei regimi: la cittadinanza italiana.

Vedremo fino a quale disonore si spingerà lo Stato italiano negando all’”albanese italiano” il suo diritto che la Costituzione italiana gli riconosce come inviolabile. Le ultime decisioni della Corte di Cassazione e della Corte Costituzionale gli danno ragione per il semplice motivo che egli ha ragione. Non gli dà ragione il Comune di Modugno, soggetto istituzionale che di illegalità e di supponenza plebea si nutre, e non gli dà ragione il Ministero dell’Interno, soggetto impegnato ad escludere stranieri e che, se tra gli stranieri ci scappa un italiano, chiude gli occhi o guarda altrove.

Va bene; vedremo come finirà questa miseria istituzionale grazie alla quale si tiene in vita il senso, la “cultura” e la lettera stessa della “Legislazione razziale” che riesce a sopravvivere, forte dell’ottusità del potere pubblico, alla stessa Costituzione. Vedremo.


sopoti_donna

Mi sono chiesto, però, se nel frattempo non sarebbe il caso di capire meglio e più compiutamente chi è questo “italiano fantasma”, dove vive, che cosa fa, cosa pensa, quale bagaglio di cultura, di torti subiti egli si porta appresso.  E infine, ma non per minore importanza, per sapere qual è la pittura di Sopoti e che cosa scrive e che cosa conserva nella sua “botte”. Ho pregato Nicola Sacco di capire tutto questo per noi e per i lettori di questa rivista. Sacco va svolgendo il “suo compito” con ammirevole, leggera e acuta curiosità culturale ed umana, e perché no politica. Le foto sono di Giovanni Buttiglione che non fa il fotografo per professione ma il  fotografo per amore faticosamente praticato di libertà, sua e degli altri.

Insomma, un concorso di volontariato - che sta tutto dentro alla storia di Italia Giusta secondo la Costituzione e di Sudcritica - disperatamente e orgogliosamente gratuito in un mare di retorica solidaristica che ci sta inebetendo di menzogne e che ha sfumato Sopoti, strappandolo alla sua terra e alla sua comunità vera, tra i veli e i lineamenti nebbiosi di un fantasma che pure vedi tutti giorni, e tutti i giorni gli parli e lo ascolti; tranne lì, al Comune e ai Ministeri dove tutti i cittadini sono messi alla porta, fantasmi orribili. Ma tu, Besnik Sopoti, chi sei?  [n.m.]bambin_per_titoli

_______


LA CONVERSAZIONE DI NICOLA SACCO CON BESNIK SOPOTI NELLA "BOTTE" DI MODUGNO - PRIMA PARTE -

sopotiPRESO_12 

La botte di Diogene

Vai a trovare Besnik a casa sua e subito non puoi fare a meno di associarlo a Diogene e alla botte che questi si scelse come abitazione. “E questa è la mia botte” ti dice il poeta-pittore di origini albanesi che vive però in Italia ormai da più di vent’anni e che in Italia nacque nel 1935 da madre italiana, senza che tutto questo sia bastato a fargli riconoscere la cittadinanza italiana. Besnik ti accoglie che quasi non sai dove ricavarti un punto d’appoggio per come il suo stambugio è stipato di tele, libri, incartamenti, faldoni, bozze e singoli fogli volanti sui quali ha magari appena ‘schizzato’ i suoi ultimi soggetti, letterari e pittorici. Le pareti, interamente ricoperte da una stratificazione di suoi dipinti, traboccano di colore, questo Dio al quale sembra aver consacrato la sua vita. “L’arte”, è il suo convincimento, “in qualunque sua espressione, in qualunque sua forma, è colore. Come la musica, nella sua specificità, è suono, così le altre manifestazioni artistiche possono, anzi devono, addirittura rivendicano di “limitarsi” ad essere colore.” Questa la visione, la poetica di Besnik Sopoti. Questa la conclusione a cui perverrà svolgendo un pensiero di una coerenza, di un’organicità, di un nitore, quasi senz’appello. 

Nel buio del Novecento

Man mano che passavano le ore, nelle mie conversazioni con Besnik, mi sono convinto che non si poteva parlare con lui di letteratura, di musica, delle arti figurative senza attraversare il buio del Novecento. Un secolo le cui tragedie stanno marchiate a fuoco sulla pelle di questo anziano signore e non solo: impresse con dolore nella sua biografia, nella sua memoria, nel suo sangue e nel sangue del suo sangue. Insomma, gli orrori e la follia letteralmente allucinante del secolo scorso sono cose che lo riguardano molto, molto da vicino. Che gli appartengono.

Oggi lui spinge avanti la sua vecchiaia in questo paese mancato che sta alle porte di Bari e forse non ci può essere destino più beffardo né approdo più canzonatorio per una esistenza tormentosamente vissuta proprio nel segno della ricerca di una patria.

L’Albania e l’Italia. L’incubo e il paese delle meraviglie, per un uomo che ha visto e vissuto persecuzioni inenarrabili. Inferno e paradiso che però, a conti fatti, si sono spesso scambiati i ruoli.sopoti_PRESO_18

“Gli albanesi hanno sempre coltivato il desiderio dell’Italia nella convinzione che sia ancora oggi il paese dell’arte e della cultura”, dice Besnik. E questa considerazione può essere compresa a pieno solo se si assume come punto di partenza che “la storia dell’Albania non è stata ancora scritta. Dalla scissione dell’impero romano l’Albania, relegata nel regno di Bisanzio, sempre ha nutrito una grande nostalgia dell’Occidente. Scanderbeg è il nostro eroe nazionale perché resistendo, nel 1400, agli assalti degli ottomani, difendeva non solo l’Albania ma anche l’Europa. E poi c’è buona parte del Novecento in cui anziché rendere il giusto merito agli albanesi è successo che prima le grandi potenze occidentali si sono disputate la loro terra,  poi la dittatura comunista, per tutta la seconda metà del secolo, ha continuato a dilaniare il paese dando luogo a un vero e proprio olocausto in nome dell’eterno panslavismo russo e delle sue mire ad avere sbocchi sul Mediterraneo. La nascita del partito comunista albanese (fu fondato nel 1941 da Mugosha e Popovic, entrambi jugoslavi) nei fatti fu un disegno di Tito, concepito tra l’altro allo scopo di sottrarre il controllo del Kosovo all’Albania.

Nel 1943, il comandante della prima brigata d’assalto partigiana, Shehu, calpestò platealmente la bandiera albanese alzando quindi quella jugoslava e giurò di uccidere tutti i nazionalisti albanesi. Shehu divenne poco più tardi un ministro del regime hoxhista e nel 1981 si suicidò. L’episodio della bandiera diede avvio alla guerra fratricida degli albanesi.”

Mazar Sopoti e il fronte nazionale

In questo momento gli avvenimenti della Grande Storia incrociano proprio le vicende familiari di Besnik Sopoti.

“Mio padre Mazar”, ricorda Besnik, “uomo di vastissima cultura, fu protagonista in quel fronte nazionale, organizzazione anticomunista e antifascista, costituitosi (sull’esempio della lega di Prizren del 1879) per ottenere l’indipendenza e l’unione del Paese delle Aquile, dunque per la salvaguardia della storia, delle tradizioni e della lingua albanesi. Salvaguardia che necessariamente passava attraverso una battaglia politico-culturale a difesa di quei confini che altri si ostinavano a ridisegnare per spartirsi regioni come il Kosovo e la ÇamerÏa (guarda il caso, le regioni più dotate di risorse) largamente popolate da albanesi e sentite, a tutti gli effetti, come appartenenti alla Grande Albania. Mazar Sopoti, una delle voci giornalisticamente più significative del tempo, non smise mai di scrivere da patriota su svariati quotidiani e riviste. Fu per questo un illustre perseguitato, dapprima strumentalmente accusato d’essere un reazionario e dopo apertamente avversato come NEMICO DEL POPOLO, persino oggetto di attentati. E almeno a due di questi è scampato mentre, io bambino, vi assistevo con i miei occhi. Si trattava di un’anticipazione del trattamento che la vicina dittatura comunista avrebbe poi riservato, per un tempo lunghissimo, a un enorme numero di intellettuali. Ma non solo di intellettuali. Cosa poteva fare allora uno spirito indipendente in un clima di sicure persecuzioni? Andarsene dall’Albania. Mio padre, avvertito della minaccia sempre più incalzante, lo fece.”sopoti__1

Il papà di Besnik venne assassinato il 1 dicembre 1944 a Bari, poco dopo avervi messo piede. Gli chiedo che cosa successe a loro, a Besnik, a sua madre a suo fratello, rimasti in Albania.“Ci portarono via tutto” dice bruscamente e subito dopo mi mostra il documento che attesta la spoliazione d’ogni bene della famiglia Sopoti. “Questa era la dittatura di dichiarato stampo marxista-leninista di Enver Hoxha: sequestro di patrimoni, eliminazione fisica dei dissidenti, imprigionamento degli intellettuali, persecuzione dei propri figli (tratto molto stalinista), sterminio. Sterminio di cui ancora oggi poco si dice, lo ripeto.”

Nazifascismo e comunismo 

Occorre mettere attenzione al carattere marxista-leninista del regime albanese perché questo punto chiarisce, secondo Besnik Sopoti, molti equivoci sui totalitarismi novecenteschi. Perché se è vero che quando si parla di stalinismo non si fa fatica a identificarlo con un crimine mostruoso (lo sterminio di decine e decine di milioni di persone), quando si pensa ad un sistema marxista-leninista si tende invece a riconoscere in esso il più autentico progetto comunista, quello che, lasciato libero di perseguire il superamento della società divisa in classi, realizza infine un mondo più giusto.

Chiedo a Besnik se non siano queste delle differenze di cui si deve pur tener conto al fine di non cadere nella faciloneria di mettere comunismo e nazifascismo sullo stesso piano. Gli chiedo se almeno nelle premesse ideologiche, con riferimento cioè ai testi sacri delle grandi ideologie novecentesche, non emerga chiaramente la diversità tra un sistema e l’altro.

“Nessuna differenza.” Besnik non ha esitazioni e non teme la faciloneria.

“Come? Nessuna differenza tra Il Manifesto di Marx ed Engels e il Mein Kampf  hitleriano? Non c’è in quest’ultimo, e diversamente dal primo, già in fase d’elaborazione teorica, l’aggressione, la violenza, l’annientamento?”

“E perché la lotta di classe invece cos’è? Non è aggressione, violenza contro l’uomo, annientamento?” Besnik mi ha guardato negli occhi più a lungo e più intensamente, come se mi stesse chiedendo di pensarci più attentamente. Ne è seguito qualche istante di silenzio poi ha ripreso il suo pensiero: “La storia la fanno gli uomini, e questi sistemi di pensiero, totalitari appunto, trovano sempre l’uomo giusto al momento giusto.” Che è come dire, nell’ottica delle vittime, l’uomo sbagliato nel momento sbagliato.

In definitiva, tornando alle vicende albanesi, l’esperienza marxista-leninista di Hoxha altro non è stato che dittatura e come tutte le dittature ha vissuto di polizia segreta (il Sigurimi), spiate, arresti, esili, esecuzioni. E di paranoia che moltiplicava tutto questo.sopoti_25

“Parli di violenza contro l’uomo? Allora ti dirò che nel 1967, nella rivoluzione culturale applicata in Albania, Hoxha demolì duemiladuecento tra chiese e moschee, proclamando il paese ufficialmente ateo. L’Albania diventa il primo e l’unico paese al mondo ufficialmente ateo. Nei primi cinque anni della dittatura sono stati uccisi, torturati e imprigionati sette arcivescovi, quattro monsignori, cinquantasei abati, tredici padri gesuiti, dieci seminaristi. A padre Mark Harapi chiesero: «Sai tu che Gesù fu il primo comunista?», lui rispose: «Sì, è vero, ma Gesù non aveva armi». Lo colpirono coi calci dei fucili e lo pestarono. Invece al padre francescano Giorgio Fishta, morto nel 1940, primo poeta albanese candidato al Nobel, quando nel ’44 vennero al potere i comunisti, profanarono la tomba e ne dispersero le ossa calunniandolo come agente del Vaticano. Quello che non fecero gli occupanti stranieri fecero gli albanesi dall’animo straniero al servizio del panslavismo.

“E se non ti basta, ti parlerò di Leka e Bloshmi. Due ragazzi che scrivevano poesie negli anni ‘70, poesie di ventenni, tu puoi immaginare, non certamente politicamente impegnate. Bene, scovate le loro poesie, questi due ragazzi furono imprigionati. E impiccati.

“In rapporto alla popolazione, l’Albania è al primo posto tra i paesi dell’est europeo per numero di vittime e di persecuzioni.

“Io stesso scrivevo poesie e racconti, e per paura ho dovuto tenere accuratamente nascosto ciò che scrivevo. Nelle relazioni con gli altri mi sono sempre mostrato altro da ciò che sentivo di essere. Sempre per paura ho dovuto bruciare una parte di quanto ho scritto e quando sono venuto in Italia ho portato gli altri miei scritti con me, ma ben nascosti sotto la blusa.

“Da ragazzo leggevo Nietzsche e Dostoevskij con grande difficoltà nel reperire i loro libri e senza possibilità di averli o passarli in prestito per non incorrere nell’accusa di essere persona che fa attività contro lo stato.”

sopoti_34“L’arte non è terapeutica” 

Visto che ci siamo incontrati per parlare di arte diventa inevitabile spostare un poco il tema della conversazione e gli domando se nel disastro albanese, nelle sue personali avversità, l’arte ha rappresentato per lui una specie di riparo. 

“Mi stai chiedendo se l’arte è terapeutica? Ti dico di no! L’arte è il mio scopo di vita e basta. E in generale essa non è stata arricchita dalle persecuzioni, cioè non ha tratto alimento da esse, anzi, niente affatto accresciuta, ne è uscita rovinata. L’Espressionismo fu osteggiato dal III Reich. Le scienze e la cultura, complessivamente intese, sono state egualmente annientate da nazifascismo e comunismo. In Spagna, quando il grande filosofo Unamuno tenne una conferenza su Il ruolo della cultura della civiltà moderna, Franco disse: «Abbasso la cultura!», e ammanettò e imprigionò Unamuno.

Quello che voglio dire è che se l’umanità avesse seguito il principio non di conquistare il potere ma di dare il sapere, ebbene oggi si starebbe molto, molto meglio. E, venendo al tempo presente, quando sento dire che la cultura costa, io dico che è vero, la cultura costa, ma a noi costa molto di più l’ignoranza.”

[CONTINUA]

 

Tutti i diritti riservati a Sudcritica.it L'articolo e le immagini possono essere ripresi per specifiche citazioni solo alla condizione che se ne indichi la fonte. bambin_per_titoli

Ultimo aggiornamento Lunedì 10 Ottobre 2011 17:32
 

Commenti  

 
+1 #1 vittorio fabbricatti 2011-08-09 10:18
Tutti quelli che a vario titolo ed uguale impegno stanno ripercorrendo la storia di Sopoti e, con essa, una pagina nostra, di Bari di Modugno meritano un ringraziamento particolare da parte di tutti. E la speranza che siano rimossi al più presto gli ultimi ostacoli per "fare e dare giustizia" a Sopoti non deve abbandonarci:sa rà anche per chi ci ha creduto e combattutto un voler credere che, se anche in ritardo e a fatica, giustizia c'è: anche su questa terra.
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sudcritica Flash

==MARIO MARANGI, PER L'EXTRAVERGINE DI PUGLIA 'CREARE RETE' TRA I PRODUTTORI=Le ‪‎difficoltà‬ ma anche le grandi ‪opportunità‬ dei ‪‎produttori‬ ‪‎oleari‬ che puntano all'‪‎innovazione‬ e alla ‪‎qualità‬, in ‪Puglia‬ come a Modugno‬.
‪‎Investire‬ nell'‪olivicoltura‬ significa anche ‪valorizzare‬ il ‪territorio‬ e il tessuto‬ ‪sociale‬.
Ecco le ‪sfide‬ che affrontiamo noi ‪giovani‬ ‪‎imprenditori‬ ‎agricoli‬.
[v.in Sudcritica Modugno]

Sudcritica Flash

=IL COMUNE DI MODUGNO ABBATTE IL 'MURO'. LO ACQUISTO' COME OPERA D'ARTE, LO DISTRUGGE COME BAGNO FATISCENTE=
di Francesca Di Ciaula.Il 2 febbraio scorso, in piazza Romita Vescovo, un tempo adibita a mercato del pesce, sono iniziati i lavori di demolizione della parete adiacente ai bagni pubblici.
La motivazione è presto detta: sicurezza e salvaguardia della pubblica incolumità, fatiscenza delle strutture. Il tutto per una spesa di 35 000,00 €.
La parete ricoperta di marmo nero, fu costruita a ridosso della chiesa seicentesca delle Monacelle in pieno centro storico, per nascondere un bagno pubblico, alla vista di chi sostava nella piazzetta. Una visione dai contrasti indicibili. Un monolite scuro e dietro la parete chiara dell'antica chiesetta. L'antico e il nuovo, maldestro tentativo di dare dignità al piastrellato che ha invaso il paese, eppure opera pubblica. La modernità imposta per capriccio o arbitrio, il marmo contro la pietra povera antica. Oggi ulteriore denaro pubblico è stato impiegato per distruggere quel manufatto a nessuno mai piaciuto per la sua manifesta volgarità.

[v.leggi tutto in Sudcritica Modugno]

Sudcritica Flash

=ITALIA GIUSTA, IL COMUNE DI MODUGNO BLOCCHI LO 'SFRATTO' DELL’ISTITUTO DEL NASTRO AZZURRO=
di Tina Luciano.

Il movimento Italia Giusta secondo la Costituzione sollecita il Commissario prefettizio a Modugno perché blocchi lo ‘sfratto’ dell’Istituto Nastro Azzurro fino a quando sarà pronta la nuova sede ad esso destinata, in locali comunali che oggi ospitano i Servizi sociali.Il Museo e le Associazioni combattentistiche raccolte nell’Istituto custodiscono oggi le poche tracce esistenti di una memoria collettiva di Modugno, perse le quali va definitivamente in frantumi l’identità dell’intera città.
Un luogo della memoria va protetto e tutelato: insistere nel volerlo ‘sfrattare’ ha il sapore iconoclasta della provocazione, del voler far apparire come insensibile al bene pubblico una pubblica amministrazione che deve invece avere a cuore unicamente le esigenze sociali.

[v.anche in Sudcritica Modugno]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=CONSUMO DI SUOLO E COMUNITA' SENZA IDENTITA'. INCONTRO CON GIUSEPPE MILANO=
Il 23 gennaio 2015. Sono intervenuti Pasquale De Santis e Nicola Magrone."Contro il mostruoso consumo di suolo in tutta Italia, serve una mobilitazione dei cittadini, una coscientizzazione che ci faccia capire che la cementificazione costante ha un forte impatto sociale, significa alienazione, perdita di coesione della comunità, significa che non esiste più un'identità delle nostre città. Sentiamo spesso dire che si vuole 'costruire il futuro': ma lo si dice a vuoto, mentre si perpetuano questi atteggiamenti di noncuranza e di malapolitica. Costruire il futuro significa cominciare a far le cose per bene ogni giorno nelle nostre città. Quel che è successo a Modugno lo sapete voi, non ho titolo per parlarne ma parlano i fatti. Basta col dire che edilizia e urbanistica vanno visti come motore dello sviluppo, se poi sappiamo che servono per creare solo lo sviluppo di pochi... basta!"

Riprese video di A.Covella per Italia Giusta/Sudcritica

[v.anche in Sudcritica Modugno]

=DISCUSSIONI=

=SOVRANITA' NAZIONALE
MONETARIA
E DEBITO PUBBLICO=

Serafino Pulcini/
Mino Magrone

Monete-antiche-riportate-alla-luce-in-uno-scavo-archeologico


_________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=PROTEZIONE CIVILE, INCONTRO CON GIUSEPPE DI CIAULA=
Il 9 gennaio 2015. Coordinamento, formazione, esercitazioni, sicurezza sono i cardini di una buona protezione civile.Fondamentale un piano dettagliato di intervento, con volontari professionali i quali - quando dovessero verificarsi emergenze - sanno che fare ma non usurpano i compiti dei professionisti. Partecipano il presidente di Italia Giusta secondo la Costituzione, Pasquale De Santis, e Francesca Di Ciaula, della segreteria del movimento.
Riprese video di A.Covella per Italia Giusta/Sudcritica

[v.anche in Sudcritica Modugno]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=PROTEZIONE CIVILE, INCONTRO CON WILLIAM FORMICOLA=
Il 12 dicembre 2014, su ''Stato di salute del territorio italiano e ruolo della protezione civile''.Al centro dell'intervento, le azioni che gli amministratori devono compiere per prevenire, e per intervenire nel verificarsi di emergenze; gli effetti della mano dell'uomo sull'aggravamento dei rischi, i pericoli legati al consumo del territorio e al costruire senza regole. E' intervenuto il presidente di Italia Giusta, Pasquale De Santis.
Riprese video di A.Covella per Italia Giusta/Sudcritica

[in Sudcritica Modugno]

=POLITICA E CONSENSO=

=LA POLITICA
DELLE LOCUSTE=

locuste-madagascar


se si vuole tentare
un recupero
delle regole
che tutelino tutti,

bisognerà scontentare
i gruppetti di interesse
che si concentrano come locuste
intorno al patrimonio pubblico

di  Tina Luciano
__________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=CULTURA, SCUOLA E
TERRITORIO E LA 'NUOVA'
FIERA DEL CROCIFISSO
A MODUGNO=

seminario IG di ciaula longo lobaccaro

Per i Seminari di Italia Giusta
secondo la Costituzione,
incontro - il 21 novembre 2014 -
col musicista dei Radiodervish
Michele Lobaccaro
e con Francesca Di Ciaula
e Valentina Longo.
Su politiche culturali a
Modugno, sul successo
della 'nuova' Fiera
del
Crocifisso inaugurata
con l'amministrazione
Magrone
e sull'importanza
delle relazioni
tra scuola e territorio.

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=ECONOMIA E UE.
CI VORREBBE KEYNES
MA E' TROPPO
DI SINISTRA=

keynes-main-photo


Ilquadro
macroeconomico

dell’Europa
dovrebbe suggerire
la ripresa di politiche economiche
poggiate sulle argomentazioni
della cosiddetta sintesi postkeynesiana.
Invece, ciò è ancora molto lontano
dall’essere preso in considerazione
dalle istituzioni europee

di  Mino Magrone

____________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=LE SCELTE FISCALI DELLA GIUNTA MAGRONE PER PROTEGGERE I CETI MENO ABBIENTI=
Incontro con Dino Banchino.

Per i seminari di Italia Giusta secondo la Costituzione, incontro con l'assessore al Bilancio dell'amministrazione comunale di Modugno guidata da Nicola Magrone.Banchino ha parlato delle scelte fiscali fatte dalla giunta, tutte improntate all'art.53 della Costituzione italiana, per il quale il sistema tributario nel nostro Paese "è informato a criteri di progressività”.
Per questo, per il 2014 a Modugno non si è pagata la TASI, preferendo scaricare il peso maggiore della contribuzione dei cittadini sull'Irpef. Sono intervenuti Pasquale De Santis, presidente di Italia Giusta secondo la Costituzione, e Nicola Magrone.

[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=MODUGNO, LA GIUNTA MAGRONE E L'AIUTO AI PIU' DEBOLI=
Incontro con Rosa Scardigno

Per i seminari di Italia Giusta secondo la Costituzione, incontro con l'assessore ai servizi sociali dell'amministrazione comunale di Modugno guidata da Nicola Magrone.Al centro dell'intervento dell'assessore, gli sforzi per ricostituire servizi disastrati (Ufficio di Piano, in primis), le necessità cui assolvere senza arbitrio, la descrizione di un lavoro interrotto a poco più di un anno dall'insediamento, quando avrebbe potuto dare aiuti più congrui.

[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

=DISCUSSIONI=

=MODUGNO.
CON ITALIA GIUSTA
PER ROMPERE
L'AGGLOMERATO
DI POTERE=

logo italia giusta internet


Da queste parti
smuovere la stagnazione
di poteri è stato
un azzardo
ed una scelta
 coraggiosa.
E tuttavia la dimostrazione
che un movimento possa spezzare

un meccanismo consolidato
c'è stata.
[...] Che si possano tentare
scelte politiche limpide e nette,
l'esperienza amministrativa
modugnese ce lo insegna

di  Francesca Di Ciaula
____________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=MODUGNO, LA NUOVA FIERA DEL CROCIFISSO=
Incontro con Tina Luciano -
"Queste sono le ragioni e le modalità della nuova configurazione della Fiera del Crocifisso......da un lato riannodare i fili con il centro della città, dall’altro garantire la sicurezza in un sito che, oltre ad essere isolato non garantiva nemmeno l’incolumità dei visitatori".

[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

=I LUOGHI=

=BORGO TACCONE.
STORIA PICCOLA
DEL SUD=

taccone7


Borgo Taccone
è questo luogo
dell'assenza,
una storia mancata
di insediamenti rurali.
Eppure non riesci
ad individuare la parola fine
a questa storia.
Il borgo intero sembra piuttosto
un racconto interrotto.

di  Francesca Di Ciaula
______________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=IL MATTONE DI CALVINO.
60 ANNI DOPO=

Credits-LaPresse h partb


“Un sovrapporsi
geometrico di parallelepipedi
e poliedri, spigoli e lati di case,
di qua e di là, tetti, finestre,
muri ciechi per servitù contigue
con solo i finestrini smerigliati
dei gabinetti uno sopra l’altro”.

di  Nicola Sacco
______________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=CRISI. PER SALVARE
L'EUROPA BASTEREBBE
SVEGLIARE IL GIGANTE=

images


Una modesta
frazione

di questo gigante finanziario
narcotizzato e costretto
a stare improduttivo può,
purché l’Europa e la Germania
lo vogliano, finanziare opere
e interventi comuni di sviluppo
e crescita dell’occupazione
di lavoratori in Italia ed in Europa

di  Mino Magrone
______________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=MODUGNO.
LA DIGNITA' POSSIBILE=

francesca4


Questo, il sindaco
di Modugno,
Nicola Magrone,
ha insegnato nel primo anno
di amministrazione a chi
ha voluto comprendere:
a essere chiari,
a pronunciare il nome delle cose
senza timore, pubblicamente,
non in cenacoli all’ombra
di qualche interesse
che non fosse quello
di tutti i cittadini.

di  Francesca Di Ciaula

____________________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=TAMARO, IL GRANDE NEMICO
E' IL NIENTE. O LO E'
PIUTTOSTO IL NICHILISMO?=

rotoletti010


L'angoscia e il disagio
non sono soltanto
sentimenti dei giovani,
sono invece
di noi tutti
in quanto mortali
destinati a finire,
al niente

di  Mino Magrone

_______________

[Leggi tutto]

Sudcritica Modugno

=GUASTO A PASSAGGIO A LIVELLO MODUGNO. IL SINDACO, SITUAZIONE ASSURDA CHE SI RIPETE= 5 aprile 2014 - Dice Nicola Magrone: "Prendero' le opportune iniziative per l'attuazione puntuale di intese precise sui compiti i di Fal e Rete Ferroviaria Italiana. Quello che serve e' scongiurare ulteriori situazioni di grave pericolo".[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

=DISCUSSIONI=

=“La grande bellezza”?=

la grande bellezza


Finché continua
l’umana avventura
in questa valle,
ci sarà scienza, arte,
religione
e l’apocalisse del pensiero
lasciamola ai meno dotati.
Non ci riguarda.

di  Pippo De Liso

_______________

[Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=JOBS ACT, LAVORO

SENZA DIRITTI

E SENZA DIFESE=

CGIL crisi

 
l’Europa solidifica
interessi preminenti
anche sottraendo
ai Paesi
a sovranità nazionale
le tradizioni politiche
e i documenti storici d’identità.
L’Italia è in prima fila con la cessione
della Costituzione e la fiammata
di follia collettiva del cambiamento
a tutti i costi, soprattutto in peggio

di  Pippo De Liso

_______________

[ Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=Per far ripartire l'Italia

non serve stravolgere

la Costituzione=

costituzione

Proposta, da parte di un attivista

di Italia Giusta, di una piccola

guida pratica, aperta a suggerimenti,

per orientarsi tra i temi

di stretta attualità politica

di  Nicola Sacco

_______________

[ Leggi tutto]

Sudcritica Modugno

=RACCOLTA DIFFERENZIATA A MODUGNO, SUDCRITICA INTERVISTA L'ASSESSORE = 17 marzo 2014 - Puoi seguire l'intervista anche alla pagina di Sudcritica Modugno.Tra breve, finalmente, anche a Modugno (e per l'intero Aro del quale Modugno è capofila) ci sarà un bando di gara per una vera raccolta differenziata. Con l'aiuto e la collaborazione di tutti i cittadini dovrà portare al traguardo 'rifiuti zero'. L'assessore comunale Tina Luciano spiega a Sudcritica come accadrà.

Riprese e post produzione di Alberto Covella

Per discutere con il Movimento Italia Giusta secondo la Costituzione, questi gli indirizzi:
sede: via X marzo 88 - 70026 MODUGNO
posta elettronica: [email protected]
[email protected]
rivista: www.sudcritica.it

=DISCUSSIONI=

Larroganza

della Rai

In nessun altro

Paese europeo

si assiste al pagamento

di un canone obbligatorio

a fronte di una pubblicità

invadente e accentratrice

di  Pippo De Liso

_______________

[ Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

Il documento

alternativo

"Il sindacato

è un'altra cosa"

per il XVII Congresso

della Cgil

 

di  Pippo De Liso

__________________

[ Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

Una sinistra

nata piccolo-borghese

 

di  Franco Schettini

__________________

a mio avviso il nostro “marxismo” altro non è stato che riformismo piccolo borghese, nemmeno socialdemocratico

Il 15 giugno del 1975 Pasolini scriveva, dopo le effimere vittorie delle sinistre, che “l’Italia è nel suo insieme ormai un Paese spoliticizzato, un corpo morto i cui riflessi non sono che meccanici. L’Italia cioè non sta vivendo altro che un processo di adattamento alla propria degradazione”.

[ Leggi tutto]

Contro la violenza sulle donne

MAGRONE, PALMINA E LE SUE PAROLE HANNO CAMBIATO LA MIA VITA
Casacalenda, 16 novembre 2013 - intervista di Maurizio Cavaliere. Magrone ricorda il giorno in cui palmina martinelli gli parlò in punto di morte, rivelandogli i nomi dei suoi aguzzini. La 14enne di fasano morì data alle fiamme nel novembre 1981, si era rifiutata di prostituirsi.

=LA VIOLENZA ESIBITA=

di Francesca Di Ciaula

____________________

violenza2 [ Leggi tutto]  

DON TONINO BELLO - LA COSCIENZA E IL POTERE

IL POTERE, LA LEGGE, LA COSCIENZA
Don Tonino Bello ricordato dal sindaco di Modugno, Nicola Magrone, a Mola di Bari, il 16 ottobre 2013, con l'assessore regionale Guglielmo Minervini e don Gianni De Robertis.La speranza nel patto tra deboli, se non per rovesciare il potere almeno per attenuarne l'abuso. Tornare alle origini di don Tonino Bello è tornare alle origini del nostro popolo, cioè la Costituzione. Secondo il sindaco di Modugno, oggi la costituzione non deve essere modificata.

cronache dall'interno

=IL SINDACO DI MODUGNO NICOLA MAGRONE E LA SUA GIUNTA INCONTRANO I CITTADINI=
26 settembre 2013 - Filmato integrale dell'incontroPer la prima volta nella vita amministrativa di Modugno, l’amministrazione parla con i cittadini in un incontro pubblico.

Riprese e post produzione di Alberto Covella

Per discutere con il Movimento Italia Giusta secondo la Costituzione, questi gli indirizzi:
sede: via X marzo 88 - 70026 MODUGNO
posta elettronica: [email protected]
[email protected]
rivista: www.sudcritica.it

Newsletter

Grazie per esserti iscritto alla newsletter di Sudcritica. Stay tuned :)
Banner

Contattaci

Da (email)
Oggetto
Inserire questo testovmcufzac
 No SPAM