Home Politica =MA E' QUESTA LA REPUBBLICA CHE ABBIAMO SOGNATO?=
=MA E' QUESTA LA REPUBBLICA CHE ABBIAMO SOGNATO?= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Lunedì 02 Giugno 2014 00:51
2 giugno. 68/o anniversario della Repubblica Italiana
 
bambinagrande
 
 
 
 Italia Giusta.
L’impegno per la difesa
e l’attuazione
della Costituzione italiana
continua e si rinnova
____________
 
 
 
 
 letture utili
 

I mali che affliggono lItalia non dipendono dalla Costituzione del 48, ma dagli intrighi di potere, dai tentativi golpisti, dallo stragismo impunito, dalle associazioni criminali coperte da oscure complicità, dalla corruzione dilagante, dallo spreco selvaggio e dall'appropriazione delle istituzioni da parte degli apparati di alcuni partiti”.

 
di Ettore Gallo *

_________________

Cari amici, consentitemi una premessa prima di dar luogo alla celebrazione dell'anniversario della Repubblica. Innanzi tutto, vi chiedo scusa di questa mia voce chioccia ma da circa una settimana ho addosso una bronchite, anche con qualche linea di febbre e quindi vorrete indulgere. E poi, se me lo consentite, una precisazione: alcuni quotidiani, molto autorevoli, che io molto rispetto del resto, hanno pubblicato che io sarei venuto qui quale presidente della Corte Costituzionale a tenere una lezione. Beh, devo rettificare che non c'è niente di più erroneo di questo, perché intanto sono sicuro che quanto a Resistenza e a Repubblica i partigiani d'Italia non hanno bisogno delle lezioni di nessuno! E poi perché, compagni partigiani, io non vengo qui quale presidente della Corte Costituzionale, ma sono orgoglioso di venire qui come partigiano combattente, regolarmente delegato. E vengo soltanto, quindi, a conversare, a parlare qui fra voi e con voi di questa nostra Repubblica.
 
 
Autorità della Repubblica, che ci avete onorato della vostra presenza, compagni partigiane e partigiani, amici carissimi, io non so dove foste in quel lontano anno di grazia 1946, quando il giovane sole di giugno scaldava le chiome allora fiorenti dei nostri anni verdi. So, però, di certo che, dovunque voi foste, eravate sulle piazze delle ridenti contrade d'Italia ad attendere ansiosi, ma fiduciosi, il risultato del referendum istituzionale, nella cui campagna avevamo impegnato tutte le nostre forze.
E quando la roca voce della modesta radio di allora ebbe reso noto attraverso gli altoparlanti il fausto risultato, alto si levò dai nostri petti il grido che inneggiava alla Repubblica italiana. Che speranze, amici, che cori!, avrebbe detto il poeta di Recanati. Dalle gelide baite dei monti, dal fondo delle orribili celle di tortura, dai lager dello sterminio nazista la Resistenza, o almeno la sua stragrande maggioranza, aveva sognato quel giorno radioso in cui la sovranità sarebbe passata al popolo e il popolo, attraverso i suoi Costituenti, si sarebbe dato finalmente le istituzioni della libertà, dell'eguaglianza, della fraternità. E mentre il triste re di maggio lasciava dignitosamente il Quirinale io pensavo a quel gesto di fierezza e di ribellione che egli aveva osato davanti al pallido padre che fuggiva, ai generali che con lui si eclissavano, al governo e ai dignitari spauriti e smarriti che con il re se ne andavano. Alludo a quel giorno in cui, sceso dall'automobile, chiese al re di poter restare alla difesa di Roma e non gli fu concesso: era il 9 settembre del 1943. Non credo che il gesto solitario del rampollo avrebbe mai potuto riscattare l'intero destino di una dinastia che aveva consegnato il popolo italiano alla dittatura fascista; forse ha riscattato la sua personale dignità di uomo. Ma sulle nostalgie romantiche dei pochi che in quel giorno radioso dell'incipiente giugno '46 accompagnavano il commiato del re di maggio, io pensavo invece ai tanti compagni che quel giorno avevano sognato ma non avevano potuto vedere perché falciati in campo aperto, fucilati, impiccati, massacrati nelle prigioni e nei lager, pensavo alle migliaia d'italiani caduti sui fronti dell'inutile guerra o sacrificati, inermi e innocenti, nelle feroci stragi delle rappresaglie nazifasciste, pensavo alle distruzioni di ogni bene e di ogni benessere che bombardamenti e battaglie avevano portato sul suolo della patria, e al freddo, alla fame, al dramma di tante famiglie abbandonate ad un tragico destino.
E allora, nel suono gioioso delle campane, levando gli occhi alla felicità di quella luce radiosa, ci pareva davvero, compagni, davvero di poter gridare in quel giorno anche per conto dei compagni che non erano più tornati, gridare per i vivi e per i morti come fremente auspicio per gli anni dell'avvenire: Viva la Repubblica italiana!  
 
Ma era questa, compagni, la Repubblica che avevamo sognato e per la quale era stato versato il sangue della Resistenza?
Questa della mafia e della camorra? Questa della corruzione e del peculato nella pubblica amministrazione? Questa dei giochi di potere e dello stragismo impunito? Questa che la comunità europea vuol respingere ai margini per il suo enorme debito pubblico? Questa delle spaventose evasioni fiscali, che devono essere poi ripianate dall'ulteriore sacrificio di chi lavora e osserva il suo dovere di cittadino? Questa del preoccupante ritorno dell'inflazione che mortifica le scarse pensioni di chi ha lavorato per tutta una vita, e i salari e gli stipendi di coloro che, non essendo né corrotti né mafiosi, stentano e arrancano per congiungere un mese all'altro? Questa di alcuni partiti che hanno invaso l'area delle istituzioni al punto da menomarne la funzionalità, al punto da scoraggiare i cittadini, che spesso si allontanano dalle urne o vi immettono voti di disperazione e di sfiducia?
Eppure, i deputati che il popolo della Resistenza aveva eletto alla Costituente avevano compiuto appieno il loro dovere.
Attraverso due anni e mezzo di fervido lavoro, di accesi dibattiti e anche di reciproche rinunzie alle rivendicazioni massimalistiche, avevano pazientemente tessuto la tela della Costituzione, la legge fondamentale dello Stato. In grazia del sincero e dignitoso compromesso delle tre grandi componenti dell'organizzazione politica italiana, che rappresentano anche i tre grandi movimenti spirituali e di pensiero del nostro paese (liberalismo, cattolicesimo e socialismo), la Costituzione aveva rifondato tutto ex novo. Era stato concordato un nuovo patto e aveva preso vita anche il compromesso delle classi sociali e il popolo si era dato quelle nuove istituzioni, prima impensabili, che riorganizzavano la società in strutture del tutto diverse. La caratteristica saliente di questo diverso modo d'essere della convivenza sociale fu contrassegnata dall'irradiarsi del metodo pattizio, della decisione collettiva che dall'interno della Costituzione raggiungeva le sedi istituzionali e sociali. Il conflitto tra le forze politiche si svolgeva così all'interno di una pluralità anche di forze sociali, culturali, economiche fra loro in competizione, che s'intersecavano, si alleavano, si contrastavano, in un viluppo tale che nessuna di loro era più in grado di prevalere sulle altre fino a diventare egemone ed assumere il predominio. Nasceva così la democrazia pluralista: da un disegno costituzionale che aveva dettato norme di principio e valori etici integranti un nuovo compiuto sistema degli assetti sociali e politici.
 
C'era, insomma, nella Costituzione tutto quanto bastava ad una giovane Repubblica nascente per intraprendere e percorrere un lungo cammino di ricostruzione laboriosa ed ordinata e per riprendere il posto che ad essa spettava fra le nazioni più civili e progredite, nel contesto dei principi di libertà, di uguaglianza e di solidarietà. Proprio quella che Kelsen chiamava la «rarefazione teorica della sovranità», vale a dire la sua frammentazione, nel senso che essa, appartenendo a tutto il popolo nel suo complesso, era ormai di tutti ma di nessuno in particolare, essendo predisposta ad impedire il ritorno di oligarchie o di personalità egemoni garentendo il popolo dalle tentazioni autoritarie dei leaders di turno.
Cos'è accaduto, invece? Che mentre nel leale dibattito del Palazzo le forze della Resistenza costruivano in reciproca buona fede le linee di un pacifico Stato democratico fondato sul lavoro, all'esterno, favorito dalla divisione dell'Europa fra i due blocchi contrapposti, e poi dalla vera e propria guerra fredda, riprendeva vigore il revanscismo degli sconfitti che si alleava alle forze conservatrici, quelle che mai avevano abbandonato il controllo dell' economia del paese e delle leve del potere.
Fu così che, mediante oculate manovre politiche che portarono alle grandi scissioni (sindacale, politica, partigiana), le più penetranti forze democratiche dell'epopea resistenziale furono fiaccate e poté essere conseguentemente attuato il disegno ritardatore dell' attuazione della Costituzione.
Io non sostengo che incompatibilità non vi fossero tra le frange estreme del sindacalismo, del socialismo partitico e nella stessa partigianeria ma sicuramente non erano tali da esigere rotture traumatiche, tant'è vero che oggi sono state in grado di riavvicinarsi e di esprimere una politica sostanzialmente comune. Così è vero, ad esempio, che nel partito socialista di allora, ad ispirazione marxista, esistevano forze che miravano invece ad instaurare all' esterno come all'interno un'autentica democrazia fondata sulla libertà. Ma gran parte di queste forze rimasero nei partiti originari nonostante palazzo Barberini, tant'è vero che poterono poi negli anni portarli a quelle mete di democrazia senza perdere d'identità. Ebbene, se non ci fossero state le scissioni, tutte quelle forze democratiche riunite avrebbero potuto anticipare di qualche decennio la svolta liberal del paese, tra l'altro aumentando i consensi in modo rilevante e mantenendo così intatta una grande forza laica d'attrazione, capace di proporsi, d'intesa anche con l'evoluzione democratica dell'altro grande partito socialista, come protagonista di una vera alternativa. Altrettanto è avvenuto per la scissione sindacale, che rese il padronato più aggressivo e intraprendente, magari portando il paese al cosiddetto boom economico, per gran parte però a spese dei lavoratori dipendenti, anche se in senso relativo miglioravano talune condizioni di vita, e soprattutto a scapito delle condizioni ambientali e della salute umana. Infatti, il permissivismo dovuto all'immobilismo e purtroppo spesso anche alla corruttela della pubblica amministrazione - l'inquinamento dell'aria, dei fiumi, del mare e dell'acqua potabile - cagionava quella devastazione delle nostre bellezze naturali, da rischiare di rendere invivibile questo nostro paese, che è fra i luoghi più belli del mondo. E infine, la scissione partigiana, che ha indebolito il fronte antifascista facendo persino risorgere certe arroganze dimenticate e comunque impedendo che nella protesta la voce della Resistenza assumesse carattere unitario.
Fu facile allora farci apparire come eversori, o nella migliore delle ipotesi per noi intellettuali come utili idioti. Noi però non ci lasciammo avvilire e combattemmo in quegli anni dalla nostra tribuna pertinacemente e ostinatamente la nostra buona battaglia di sempre, quella che veniva dallo spirito della Resistenza e dal ricordo dei nostri morti, la lotta per la libertà, per la democrazia, per l'uguaglianza, per la solidarietà umana e quindi per la pace.
Ma ci sentivamo forti. Perché? perché tutto questo era scritto nella Costituzione e sapevamo quindi di essere nel giusto e di combattere per la legittimità costituzionale, per i principi fondamentali della coesistenza civile. 
 
Questo divario, questo “gap” fra realtà socio-politica del paese reale e dettato della Costituzione testimoniava, infatti, che non vivevamo nella Repubblica che avevamo sognato, e allora inventammo lo slogan «la Resistenza continua», per indicare che volevamo continuare con le idee quella lotta per il diritto che avevamo cominciato con il plastico ed il fucile, facendo guerra alla guerra, all'ingiusto privilegio, alla sopraffazione e alla violenza.
Io non posso, compagni partigiani, ripercorrere qui tutte le tappe di quel nostro confronto incandescente, ma è certo che l'esistenza di una Costituzione democratica e la nostra decisa determinazione, unita a quella dei democratici di tutti i partiti, hanno contribuito a salvare il paese dalla guerra civile almeno in due occasioni.
Una prima volta quando all'epoca di Tambroni partigiani e lavoratori furono costretti a scendere nelle piazze di Genova, di Reggio, di Modena e di altre città, bloccando una pericolosa involuzione e condizionando invece l' evolvere della situazione politica verso un più ampio riconoscimento dei diritti civili e verso la formazione di un governo più aderente al pluralismo e al rapporto delle forze politiche con conseguente consolidamento dell'area democratica. Una seconda volta quando la fermezza del popolo nelle case e nelle fabbriche, la nostra irriducibilità e la solidarietà tra le istituzioni e le forze dell'ordine hanno bloccato e sconfitto lo sconsiderato terrorismo armato. Ma all'una come all'altra situazione di crisi si giunse lungo un arco di tempo di circa un ventennio per l'ostinata miopia di chi non adeguava le leggi ordinarie ai principi costituzionali della Repubblica, deludendo le richieste dei giovani, dei lavoratori, dei democratici e le nostre stesse continue denunce. Tutto l'articolato complesso della vita istituzionale, politica e sociale del paese fu posto sotto il nostro obiettivo: dalla intollerabile lentezza della giustizia, non dovuta certo alla magistratura italiana, alla situazione delle carceri, ridotte a vivaio ed incentivo di delinquenza e di drogati e gravate dalla carenza di riforme radicali a parole sempre promesse ma attuate alla fine con insopportabili ritardi di decine di anni - quella del codice penale sostanziale e del codice di procedura civile ancora attendono - fino al divario, tuttora incolmato, tra nord e sud d'Italia che ha determinato quell'esplosiva situazione economica e sociale su cui le associazioni criminali mafiose, purtroppo, hanno esteso e consolidato il loro dominio di oppressione e di sangue sostituendosi virtualmente al potere dello Stato. Certo che a combattere siffatto grave fenomeno occorrono ormai oculate riforme che consentano la presenza nelle regioni inquinate di forze di polizia strettamente coordinate e di magistrati esperti, ma a tanto non saremmo giunti se negli anni invano trascorsi si fosse fondata e sviluppata in quelle zone una sana economia, che avesse consentito agli onesti e soprattutto ai giovani di sfuggire al ricatto mafioso scegliendo la strada di un lavoro proficuo e corretto. A tanto non saremmo giunti se gli amministratori corrotti fossero stati subito incarcerati, prima che associazioni criminali riuscissero grazie a loro ad introdursi negli organismi pubblici alterandone il funzionamento e le finalità. Invece, senza alcuna preordinazione programmatica e senza alcuna capillare vigilanza sugli enti e sugli uomini si sono fatti affluire laggiù nel corso degli anni enormi capitali diventati poi subito preda della speculazione mafiosa. Sicché alla fine anche l'iniziativa privata non ha trovato più spazio e ha dovuto soggiacere alle intimidazioni e alle estorsioni, pena la vita. Qualcosa di simile è avvenuto per il fenomeno droga: anche qui è mancata in tempi utili una diffusa prevenzione nelle scuole, nelle famiglie, nei mezzi di comunicazione di massa, soprattutto nella televisione, così come è mancata una capillare repressione, lungo le coste come davanti alle scuole, per grandi e piccoli spacciatori, sino al punto che si è tollerato persino il pubblico spettacolo di gente che assumeva e si iniettava droga liberamente per le vie del paese. E sulla droga si è innestato il morbo letale dell'Aids, e su tutto poi il riciclaggio del denaro sporco, frutto delle corruzioni e delle estorsioni mafiose.
 
Compagni partigiani, ma c'entra tutto questo con la Repubblica che la Resistenza aveva voluto e che la Costituzione del 1948 aveva adeguatamente prefigurato?
C'è scritto in qualche articolo di questa Costituzione che la droga, la mafia, la corruzione, la delinquenza anche minorile dev'essere favorita? E l'enorme indebitamento dello Stato in quale titolo della Costituzione è contemplato? O non dipende, invece, dal clientelismo che ha gonfiato di gente inutile gli organici di tutte le amministrazioni senza che ora sia nemmeno lecito ridimensionarli, e dagli sprechi da ogni parte perpetrati a piene mani, tanto in via amministrativa quanto in via normativa, mediante leggi senza coperture? E che dire dei lavori pubblici programmati con preventivi già elevati, e poi ritardati per anni fino a quando i preventivi lievitavano a cifre astronomiche?
C'era scritto nella Costituzione che si dovesse amministrare, governare, legiferare in quel modo?
La Costituzione all'articolo 97 impone il buon andamento e l'imparzialità della pubblica amministrazione e prescrive che, salvo i casi espressamente stabiliti dalla legge, agli impieghi pubblici si debba accedere per concorso e non per compiacente assunzione diretta da parte dell'assessore o del sottosegretario. E l'articolo 81, ultimo comma, vuole che ogni legge che importi nuove o maggiori spese debba indicare i mezzi per farvi fronte. E infine l'articolo 32 dice che la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo, e l'articolo 2 soggiunge che però si richiede dai cittadini l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà. Questo ed altro dice la Costituzione di questa Repubblica. Ma francamente, compagni partigiani, io non riesco a riconoscere né Repubblica né Costituzione nel degrado generale del paese, nell'inefficienza dei servizi, nello squallore di certi ospedali.
Ecco perché non credo che per porre rimedio a tutto ciò si debba cambiare Costituzione e Repubblica. Sono gli uomini che vanno cambiati! E' il modo di fare politica, di amministrare, di governare, che deve cambiare. Con questo non intendo fare d'ogni erba un fascio. Conosco uomini politici, governanti e amministratori che hanno dedicato e dedicano tutto il loro impegno al servizio della società, in rettitudine e in tutta buona fede. Ma i loro sforzi, compagni, i loro sforzi sono resi vani dalla pratica diffusa del lassismo, dall'assenteismo e dalla corruzione. Così quando si afferma che le istituzioni non funzionano perché i partiti le hanno occupate e lottizzate, io domando: ma che cosa s'intende per “partiti”? Conosco centinaia di brave persone appartenenti ai partiti più diversi che si rodono di rabbia per questo stato di cose e che non hanno mai compiuto occupazioni nemmeno di una panca.
Perciò, lasciamo stare i partiti come tali che la Costituzione all'articolo 49 prevede e tutela come libere associazioni di cittadini per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale, e non a occupare gli spazi istituzionali. Diciamo, invece, chiaramente che sono alcuni dirigenti di alcuni partiti che, quando la legge, ma più spesso la consuetudine costituzionale, prevedono che una designazione venga dai partiti, anziché mettere l'uomo giusto al posto giusto guardando al bene del paese, collocano gli uomini a loro personalmente devoti nei gangli essenziali del potere senza tanto guardare per il sottile e spesso al solo scopo di esercitarvi la loro influenza o di accrescere l'area elettorale del proprio partito o persino della propria fazione. Da qui derivano gli eccessi e le ingiustizie delle cosiddette lottizzazioni sulle quali è dovuta intervenire con la sua sentenza persino la Corte Costituzionale. Si è così evitato che nei pubblici concorsi invece degli esperti nelle varie discipline di esame venissero inseriti quali commissari uomini dei partiti quasi sempre assolutamente incompetenti nelle materie di esame. Certo, un esperto laico magari c'era, altrimenti la commissione non sarebbe stata nemmeno in grado di procedere all'esame, ma il giudizio poi dipendeva quasi sempre esclusivamente dal modo in cui venivano a formarsi le maggioranze politiche all'interno delle commissioni. 
Ebbene, compagni partigiani, noi siamo stanchi di questo modo di far funzionare la Repubblica e di stracciare i principi fondamentali della Costituzione, ma non siamo stanchi né della Costituzione né della Repubblica che sono state fondate sul sangue della Resistenza.
Basterà che ci siano al Parlamento e al governo uomini di buona volontà che restituiscano alle istituzioni il rispetto e il valore che è scritto nella Costituzione. E perché questo possa verificarsi occorre dare ai cittadini la seria, concreta, effettiva possibilità di determinare con il voto le realtà umane che dovranno dare vera attuazione alla Costituzione e far funzionare in uguaglianza e libertà tutti gli istituti della Repubblica democratica.
Certo, io non intendo con questo negare che qualche adeguamento della struttura costituzionale occorra. Ho più volte ripetuto che non si può pretendere che 45 anni fa i costituenti potessero antivedere lo sviluppo demografico, sociale, economico, politico che il nostro paese ha avuto in quasi mezzo secolo.
Ma basterà allora rettificare i modi della produzione normativa, accelerando la formazione delle leggi mediante alcune modifiche che consentano lo snellimento delle procedure, basterà ridare prestigio e centralità al Parlamento della Repubblica, evitando che le crisi di governo si risolvano nelle sedi dei partiti, anziché nel dibattito e sotto il controllo del Parlamento. Basterà ridare prestigio e potere politico al presidente del Consiglio, basterà modificare la legge elettorale, senza bisogno di ricorrere ad avventure, cariche bensì di fantasia ma anche di gravi pericoli.
Ma soprattutto non possiamo e non vogliamo privarci delle garenzie che i Costituenti hanno posto a difesa di questa Costituzione.
Se di questa voi sfogliaste il titolo VI, vi accorgerete che due sono le garenzie che stanno a baluardo della Costituzione: la Corte Costituzionale, innanzi tutto, che ha il compito di annullare tutte le leggi che non sono conformi ai principi costituzionali e di dirimere tutti i conflitti che possono sorgere fra i poteri dello Stato, fra lo Stato e le regioni e fra le regioni stesse.
Spetta alla Corte anche giudicare dei delitti di alto tradimento e di attentato alla Costituzione che dovessero essere commessi dal presidente della Repubblica, sempre che il Parlamento ritenga di porlo in stato di accusa. Con quest'ultima sua competenza la Corte garentisce il paese da teoriche vocazioni autoritarie del Capo dello Stato che soggiacesse alla tentazione di violare la Costituzione.
La seconda garanzia è nella Sezione II ed è rappresentata dall'ormai famoso articolo 138. Un articolo che, fino a qualche settimana fa, era conosciuto soltanto dagli addetti ai lavori, e che ora è quasi sulla bocca di tutti. Un articolo che qualcuno ha proposto di neutralizzare perché rende lunghe e difficoltose le modifiche alla Costituzione: e così è, infatti, proprio perché i padri costituenti hanno voluto impedire che il legislatore ordinario, a suo piacimento, con la stessa facilità con cui legifera sul prezzo del gas, potesse togliere di mezzo principi costituzionali che il popolo si è guadagnato col suo sangue e con i suoi lutti. E allora hanno voluto che, per procedere alla revisione della Costituzione, ciascuna Camera dovesse adottare la modifica con due successive votazioni, frapponendo tra le due un intervallo non minore di tre mesi, e che la modifica, per essere approvata, dovesse ricevere i voti della maggioranza assoluta dei componenti delle due Camere, capite?, dei componenti non dei votanti! Ma non basta. Se poi, entro tre mesi dalla pubblicazione della modifica, un quinto dei membri di una delle Camere oppure 500.000 elettori oppure cinque consigli regionali ne fanno domanda la modifica stessa dev'essere sottoposta a referendum popolare. Solo se essa fosse stata approvata in seconda votazione a maggioranza di due terzi dei membri di ciascuna Camera, anziché, come si è detto, a semplice maggioranza assoluta, solo in tal caso non si potrebbe far luogo a referendum.
Come vedete, i fondatori della Costituzione hanno preteso che, prima di modificarla, deputati, senatori e popolo ci riflettessero bene, perché si tratta della procedura che ci garentisce da colpi di mano anche sui nostri diritti più gelosi, quali quelli dell'uguaglianza e delle libertà. Sì, è vero, c'è una corrente di pensiero che ritiene che non possano essere sottoposti a revisione diritti che la costituzione definisce inviolabili. Purtroppo, però, non tutti i costituzionalisti sono d'accordo e in realtà sta di fatto che soltanto la forma repubblicana è espressamente sottratta dalla Costituzione al procedimento di revisione costituzionale.
Perciò è evidente che il tentativo d'indebolire questa procedura, o accorciando i tempi o diminuendo i quorum necessari per l'approvazione o inserendo altre gherminelle, sono tutti tentativi che mirano a indebolire la garenzia dei nostri diritti più sacri e della stessa Costituzione.
La Costituzione non sarebbe più rigida ma fluida e perderebbe così il suo carattere essenziale. Ma poi, dico, teniamo tanto ad adottare i sistemi degli altri paesi in taluni settori, magari in quello della Repubblica presidenziale per la quale s'invidiano gli Stati Uniti d'America, ebbene perché non andiamo a vedere come funziona negli Stati Uniti, ma anche negli altri paesi, la procedura di revisione costituzionale. Negli Stati Uniti, per modificare la Costituzione, ci vuole l'approvazione dei due terzi del Congresso - così si chiama il Parlamento degli Stati Uniti - ma anche il consenso di almeno tre quarti dei Parlamenti degli Stati federali; cioè, voi capite che tutti gli Stati che compongono gli Stati Uniti si devono pronunciare e solo se si raggiunge il numero di tre quarti degli Stati è possibile poi passare al giudizio del Congresso. E due terzi di ambo le Camere esige anche la Germania; la Spagna e il Belgio poi vogliono addirittura che gli emendamenti alla Costituzione siano approvati in due legislature diverse. Come vedete, si tratta di procedure di revisione costituzionale molto più rigorose e difficili delle nostre. Il nostro paese, anzi, è il più blando e il più corrivo e lo dobbiamo a Perassi che alla Costituente propose ed ottenne questa semplificazione in contrapposizione a Paolo Rossi - che fu poi, come ricorderete, anche presidente della Corte Costituzionale - che aveva proposto il sistema belga delle due legislature. E ciò nonostante, benché si tratti del sistema più semplificato del mondo lo si vuole indebolire ancora di più, così rendendo addirittura fragili le già modeste garenzie della nostra Costituzione.
 
Sì, amici, è vero: la società italiana durante tutti questi anni è cambiata ed io concordo - l'ho detto - sulla necessità di adeguare il funzionamento e le strutture di taluni organi costituzionali alle nuove esigenze della società. Ma modificare, adeguare, non vuol dire cambiare addirittura la forma della Repubblica ed anche per modificare ed adeguare occorre molta saggezza e prudenza e tempi di riflessione.
Certi mutamenti, che implicano comprensione e consapevolezza dei fenomeni giuridico-costituzionali connessi e dei loro riflessi sulla politica e sulla società, non si possono promuovere a colpi di “sì” e di “no”, ma attraverso studi, riflessioni e discussioni dei politici e dei giuristi, di coloro, insomma, cui il popolo riterrà di delegare il difficile compito.
Certo, il popolo ha approvato col suo “sì” la nascita della Repubblica, ma poi ha delegato ai deputati della Costituente lo stabilire che forma dovesse avere e quali dovessero essere i suoi principi e le sue regole.
Certo, si può anche prevedere che, una volta studiata, discussa e approvata la riforma nelle sedi competenti istituzionali, si sottoponga poi il tutto, per referendum, all'approvazione del popolo: ma allora il popolo avrà dinanzi una precisa configurazione che gli consentirà di meditare e di esprimere la sua volontà a ragion veduta.
Marsilio da Padova, che alla vigilia dell'Umanesimo è stato uno dei più grandi pensatori politici che abbia avuto l'Europa, noto soprattutto anche oggi per avere affermato sempre ostinatamente - pensate, in quei secoli - in contrasto col Papa, e perfino con lo stesso imperatore che era il suo protettore, che tutto il potere doveva sempre appartenere al popolo; tuttavia, per quanto si riferiva alla formazione delle leggi e degli statuti egli scrisse: «E' cosa appropriata e altamente utile che tutto il corpo dei cittadini affidi a coloro che sono prudenti e sperimentati la ricerca delle regole di future leggi o statuti concernenti quanto è giusto e vantaggioso per la società» e suggeriva perciò che questi uomini prudenti e sperimentati fossero eletti dal popolo. E riteneva inopportuno che fosse il popolo direttamente a fare leggi e statuti, cioè le nostre attuali costituzioni, perché, parole testuali, «i meno dotti gioverebbero poco nella ricerca di queste regole giuridiche».
E quanto al capo plebiscitato dal popolo, munito di amplissimi poteri e «custode della Costituzione», rimanderei a Schmitt che lo aveva tanto auspicato in polemica con Kelsen, fautore invece di un pluralismo democratico.
E alla fine Schmitt l'ha avuta vinta e ha ottenuto il gran capo plebiscitato ma era Adolf Hitler! Che portò in tutta l'Europa la dittatura più spietata, l'aggressione armata a popoli inermi, il genocidio e lo sterminio degli oppositori negli atroci lager di Mauthausen, Buchenwald, Auschwitz ed altri deliziosi soggiorni.
Si obietta: beh, ma oggi non sussistono più le condizioni per così gravi conseguenze. E allora io vi rimando a Montesquieu che giustamente ammoniva che «ogni uomo che detiene il potere tende ad abusarne e si spinge così lontano fino a toccare il limite».
Se non si vuole che l'uomo abusi del potere - soggiungeva Montesquieu - è necessario che, secondo l'ordine naturale delle cose, vi siano altri poteri che lo arrestino e lo contrastino.
Amici, compagni partigiani, sono arrivato alle conclusioni. Forse ci sarà anche un po' di romanticismo in questo nostro viscerale attaccamento a questa Costituzione e a questa Repubblica, che oggi festeggiamo perché le abbiamo viste nascere. E chi non ha combattuto perché questa Repubblica fosse, capisco che sia anche disponibile a sbarazzarsene senza troppi rimpianti.
Ma noi, no! Noi che l'abbiamo tanto sognata, noi che abbiamo visto cadere al nostro fianco, o morire nelle torture, i compagni che l'avevano voluta, noi diciamo che si può correggere, si può emendare, si può rettificare nella sua legge fondamentale, ma si può e si deve salvare.
Soprattutto non vogliamo correre pericoli per le libertà che ci siamo conquistate col nostro sacrificio e col sacrificio del popolo italiano.
Perciò, non vogliamo un'altra, una diversa o seconda Repubblica, come non vogliamo continuare a vivere in questa nella quale ci hanno costretto. Noi vogliamo che sia realizzata quella che con il sangue dei nostri morti è stata scritta nella Costituzione, perché quella è la Repubblica degli ideali partigiani, la nostra Repubblica!
Vogliamo la Repubblica dell'amore, della fraternità e della pace: la Repubblica di tutti e non del Presidente, la Repubblica dove l'uomo, dalla nascita alla morte, possa sviluppare in pace e in eguaglianza il suo destino, senza dover sopportare il peso degli errori dei reggitori.
 
I mali che affliggono l'Italia non dipendono dalla Costituzione del '48, ma dagli intrighi di potere, dai tentativi golpisti, dallo stragismo impunito, dalle associazioni criminali coperte da oscure complicità, dalla corruzione dilagante, dallo spreco selvaggio e dall'appropriazione delle istituzioni da parte degli apparati di alcuni partiti.
Ebbene, noi siamo rimasti pochi e ormai anziani, ma dietro a noi c'è tutta l'Italia sana che lavora e che ancora crede a quegli ideali di probità e di fraternità che hanno illuminato la nostra vita. E allora noi “resisteremo” ancora, con tutte le nostre residue forze, e grideremo sempre con la voce dell'anima: viva la Repubblica nata dalla Resistenza!
 
* presidente emerito della Corte Costituzionale. Prolusione nel 45° anniversario della Repubblica. Da: Nicola Magrone, Ernesto Balducci, Tonino Bello, Fabrizio Canfora, Mario Dilio - LAICI E CRISTIANI - IL SEME SOTTO LA NEVE - edizioni dall'interno-Sudcritica, 1996
Ultimo aggiornamento Lunedì 02 Giugno 2014 01:02
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sudcritica Flash

==MARIO MARANGI, PER L'EXTRAVERGINE DI PUGLIA 'CREARE RETE' TRA I PRODUTTORI=Le ‪‎difficoltà‬ ma anche le grandi ‪opportunità‬ dei ‪‎produttori‬ ‪‎oleari‬ che puntano all'‪‎innovazione‬ e alla ‪‎qualità‬, in ‪Puglia‬ come a Modugno‬.
‪‎Investire‬ nell'‪olivicoltura‬ significa anche ‪valorizzare‬ il ‪territorio‬ e il tessuto‬ ‪sociale‬.
Ecco le ‪sfide‬ che affrontiamo noi ‪giovani‬ ‪‎imprenditori‬ ‎agricoli‬.
[v.in Sudcritica Modugno]

Sudcritica Flash

=IL COMUNE DI MODUGNO ABBATTE IL 'MURO'. LO ACQUISTO' COME OPERA D'ARTE, LO DISTRUGGE COME BAGNO FATISCENTE=
di Francesca Di Ciaula.Il 2 febbraio scorso, in piazza Romita Vescovo, un tempo adibita a mercato del pesce, sono iniziati i lavori di demolizione della parete adiacente ai bagni pubblici.
La motivazione è presto detta: sicurezza e salvaguardia della pubblica incolumità, fatiscenza delle strutture. Il tutto per una spesa di 35 000,00 €.
La parete ricoperta di marmo nero, fu costruita a ridosso della chiesa seicentesca delle Monacelle in pieno centro storico, per nascondere un bagno pubblico, alla vista di chi sostava nella piazzetta. Una visione dai contrasti indicibili. Un monolite scuro e dietro la parete chiara dell'antica chiesetta. L'antico e il nuovo, maldestro tentativo di dare dignità al piastrellato che ha invaso il paese, eppure opera pubblica. La modernità imposta per capriccio o arbitrio, il marmo contro la pietra povera antica. Oggi ulteriore denaro pubblico è stato impiegato per distruggere quel manufatto a nessuno mai piaciuto per la sua manifesta volgarità.

[v.leggi tutto in Sudcritica Modugno]

Sudcritica Flash

=ITALIA GIUSTA, IL COMUNE DI MODUGNO BLOCCHI LO 'SFRATTO' DELL’ISTITUTO DEL NASTRO AZZURRO=
di Tina Luciano.

Il movimento Italia Giusta secondo la Costituzione sollecita il Commissario prefettizio a Modugno perché blocchi lo ‘sfratto’ dell’Istituto Nastro Azzurro fino a quando sarà pronta la nuova sede ad esso destinata, in locali comunali che oggi ospitano i Servizi sociali.Il Museo e le Associazioni combattentistiche raccolte nell’Istituto custodiscono oggi le poche tracce esistenti di una memoria collettiva di Modugno, perse le quali va definitivamente in frantumi l’identità dell’intera città.
Un luogo della memoria va protetto e tutelato: insistere nel volerlo ‘sfrattare’ ha il sapore iconoclasta della provocazione, del voler far apparire come insensibile al bene pubblico una pubblica amministrazione che deve invece avere a cuore unicamente le esigenze sociali.

[v.anche in Sudcritica Modugno]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=CONSUMO DI SUOLO E COMUNITA' SENZA IDENTITA'. INCONTRO CON GIUSEPPE MILANO=
Il 23 gennaio 2015. Sono intervenuti Pasquale De Santis e Nicola Magrone."Contro il mostruoso consumo di suolo in tutta Italia, serve una mobilitazione dei cittadini, una coscientizzazione che ci faccia capire che la cementificazione costante ha un forte impatto sociale, significa alienazione, perdita di coesione della comunità, significa che non esiste più un'identità delle nostre città. Sentiamo spesso dire che si vuole 'costruire il futuro': ma lo si dice a vuoto, mentre si perpetuano questi atteggiamenti di noncuranza e di malapolitica. Costruire il futuro significa cominciare a far le cose per bene ogni giorno nelle nostre città. Quel che è successo a Modugno lo sapete voi, non ho titolo per parlarne ma parlano i fatti. Basta col dire che edilizia e urbanistica vanno visti come motore dello sviluppo, se poi sappiamo che servono per creare solo lo sviluppo di pochi... basta!"

Riprese video di A.Covella per Italia Giusta/Sudcritica

[v.anche in Sudcritica Modugno]

=DISCUSSIONI=

=SOVRANITA' NAZIONALE
MONETARIA
E DEBITO PUBBLICO=

Serafino Pulcini/
Mino Magrone

Monete-antiche-riportate-alla-luce-in-uno-scavo-archeologico


_________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=PROTEZIONE CIVILE, INCONTRO CON GIUSEPPE DI CIAULA=
Il 9 gennaio 2015. Coordinamento, formazione, esercitazioni, sicurezza sono i cardini di una buona protezione civile.Fondamentale un piano dettagliato di intervento, con volontari professionali i quali - quando dovessero verificarsi emergenze - sanno che fare ma non usurpano i compiti dei professionisti. Partecipano il presidente di Italia Giusta secondo la Costituzione, Pasquale De Santis, e Francesca Di Ciaula, della segreteria del movimento.
Riprese video di A.Covella per Italia Giusta/Sudcritica

[v.anche in Sudcritica Modugno]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=PROTEZIONE CIVILE, INCONTRO CON WILLIAM FORMICOLA=
Il 12 dicembre 2014, su ''Stato di salute del territorio italiano e ruolo della protezione civile''.Al centro dell'intervento, le azioni che gli amministratori devono compiere per prevenire, e per intervenire nel verificarsi di emergenze; gli effetti della mano dell'uomo sull'aggravamento dei rischi, i pericoli legati al consumo del territorio e al costruire senza regole. E' intervenuto il presidente di Italia Giusta, Pasquale De Santis.
Riprese video di A.Covella per Italia Giusta/Sudcritica

[in Sudcritica Modugno]

=POLITICA E CONSENSO=

=LA POLITICA
DELLE LOCUSTE=

locuste-madagascar


se si vuole tentare
un recupero
delle regole
che tutelino tutti,

bisognerà scontentare
i gruppetti di interesse
che si concentrano come locuste
intorno al patrimonio pubblico

di  Tina Luciano
__________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=CULTURA, SCUOLA E
TERRITORIO E LA 'NUOVA'
FIERA DEL CROCIFISSO
A MODUGNO=

seminario IG di ciaula longo lobaccaro

Per i Seminari di Italia Giusta
secondo la Costituzione,
incontro - il 21 novembre 2014 -
col musicista dei Radiodervish
Michele Lobaccaro
e con Francesca Di Ciaula
e Valentina Longo.
Su politiche culturali a
Modugno, sul successo
della 'nuova' Fiera
del
Crocifisso inaugurata
con l'amministrazione
Magrone
e sull'importanza
delle relazioni
tra scuola e territorio.

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=ECONOMIA E UE.
CI VORREBBE KEYNES
MA E' TROPPO
DI SINISTRA=

keynes-main-photo


Ilquadro
macroeconomico

dell’Europa
dovrebbe suggerire
la ripresa di politiche economiche
poggiate sulle argomentazioni
della cosiddetta sintesi postkeynesiana.
Invece, ciò è ancora molto lontano
dall’essere preso in considerazione
dalle istituzioni europee

di  Mino Magrone

____________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=LE SCELTE FISCALI DELLA GIUNTA MAGRONE PER PROTEGGERE I CETI MENO ABBIENTI=
Incontro con Dino Banchino.

Per i seminari di Italia Giusta secondo la Costituzione, incontro con l'assessore al Bilancio dell'amministrazione comunale di Modugno guidata da Nicola Magrone.Banchino ha parlato delle scelte fiscali fatte dalla giunta, tutte improntate all'art.53 della Costituzione italiana, per il quale il sistema tributario nel nostro Paese "è informato a criteri di progressività”.
Per questo, per il 2014 a Modugno non si è pagata la TASI, preferendo scaricare il peso maggiore della contribuzione dei cittadini sull'Irpef. Sono intervenuti Pasquale De Santis, presidente di Italia Giusta secondo la Costituzione, e Nicola Magrone.

[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=MODUGNO, LA GIUNTA MAGRONE E L'AIUTO AI PIU' DEBOLI=
Incontro con Rosa Scardigno

Per i seminari di Italia Giusta secondo la Costituzione, incontro con l'assessore ai servizi sociali dell'amministrazione comunale di Modugno guidata da Nicola Magrone.Al centro dell'intervento dell'assessore, gli sforzi per ricostituire servizi disastrati (Ufficio di Piano, in primis), le necessità cui assolvere senza arbitrio, la descrizione di un lavoro interrotto a poco più di un anno dall'insediamento, quando avrebbe potuto dare aiuti più congrui.

[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

=DISCUSSIONI=

=MODUGNO.
CON ITALIA GIUSTA
PER ROMPERE
L'AGGLOMERATO
DI POTERE=

logo italia giusta internet


Da queste parti
smuovere la stagnazione
di poteri è stato
un azzardo
ed una scelta
 coraggiosa.
E tuttavia la dimostrazione
che un movimento possa spezzare

un meccanismo consolidato
c'è stata.
[...] Che si possano tentare
scelte politiche limpide e nette,
l'esperienza amministrativa
modugnese ce lo insegna

di  Francesca Di Ciaula
____________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=MODUGNO, LA NUOVA FIERA DEL CROCIFISSO=
Incontro con Tina Luciano -
"Queste sono le ragioni e le modalità della nuova configurazione della Fiera del Crocifisso......da un lato riannodare i fili con il centro della città, dall’altro garantire la sicurezza in un sito che, oltre ad essere isolato non garantiva nemmeno l’incolumità dei visitatori".

[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

=I LUOGHI=

=BORGO TACCONE.
STORIA PICCOLA
DEL SUD=

taccone7


Borgo Taccone
è questo luogo
dell'assenza,
una storia mancata
di insediamenti rurali.
Eppure non riesci
ad individuare la parola fine
a questa storia.
Il borgo intero sembra piuttosto
un racconto interrotto.

di  Francesca Di Ciaula
______________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=IL MATTONE DI CALVINO.
60 ANNI DOPO=

Credits-LaPresse h partb


“Un sovrapporsi
geometrico di parallelepipedi
e poliedri, spigoli e lati di case,
di qua e di là, tetti, finestre,
muri ciechi per servitù contigue
con solo i finestrini smerigliati
dei gabinetti uno sopra l’altro”.

di  Nicola Sacco
______________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=CRISI. PER SALVARE
L'EUROPA BASTEREBBE
SVEGLIARE IL GIGANTE=

images


Una modesta
frazione

di questo gigante finanziario
narcotizzato e costretto
a stare improduttivo può,
purché l’Europa e la Germania
lo vogliano, finanziare opere
e interventi comuni di sviluppo
e crescita dell’occupazione
di lavoratori in Italia ed in Europa

di  Mino Magrone
______________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=MODUGNO.
LA DIGNITA' POSSIBILE=

francesca4


Questo, il sindaco
di Modugno,
Nicola Magrone,
ha insegnato nel primo anno
di amministrazione a chi
ha voluto comprendere:
a essere chiari,
a pronunciare il nome delle cose
senza timore, pubblicamente,
non in cenacoli all’ombra
di qualche interesse
che non fosse quello
di tutti i cittadini.

di  Francesca Di Ciaula

____________________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=TAMARO, IL GRANDE NEMICO
E' IL NIENTE. O LO E'
PIUTTOSTO IL NICHILISMO?=

rotoletti010


L'angoscia e il disagio
non sono soltanto
sentimenti dei giovani,
sono invece
di noi tutti
in quanto mortali
destinati a finire,
al niente

di  Mino Magrone

_______________

[Leggi tutto]

Sudcritica Modugno

=GUASTO A PASSAGGIO A LIVELLO MODUGNO. IL SINDACO, SITUAZIONE ASSURDA CHE SI RIPETE= 5 aprile 2014 - Dice Nicola Magrone: "Prendero' le opportune iniziative per l'attuazione puntuale di intese precise sui compiti i di Fal e Rete Ferroviaria Italiana. Quello che serve e' scongiurare ulteriori situazioni di grave pericolo".[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

=DISCUSSIONI=

=“La grande bellezza”?=

la grande bellezza


Finché continua
l’umana avventura
in questa valle,
ci sarà scienza, arte,
religione
e l’apocalisse del pensiero
lasciamola ai meno dotati.
Non ci riguarda.

di  Pippo De Liso

_______________

[Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=JOBS ACT, LAVORO

SENZA DIRITTI

E SENZA DIFESE=

CGIL crisi

 
l’Europa solidifica
interessi preminenti
anche sottraendo
ai Paesi
a sovranità nazionale
le tradizioni politiche
e i documenti storici d’identità.
L’Italia è in prima fila con la cessione
della Costituzione e la fiammata
di follia collettiva del cambiamento
a tutti i costi, soprattutto in peggio

di  Pippo De Liso

_______________

[ Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=Per far ripartire l'Italia

non serve stravolgere

la Costituzione=

costituzione

Proposta, da parte di un attivista

di Italia Giusta, di una piccola

guida pratica, aperta a suggerimenti,

per orientarsi tra i temi

di stretta attualità politica

di  Nicola Sacco

_______________

[ Leggi tutto]

Sudcritica Modugno

=RACCOLTA DIFFERENZIATA A MODUGNO, SUDCRITICA INTERVISTA L'ASSESSORE = 17 marzo 2014 - Puoi seguire l'intervista anche alla pagina di Sudcritica Modugno.Tra breve, finalmente, anche a Modugno (e per l'intero Aro del quale Modugno è capofila) ci sarà un bando di gara per una vera raccolta differenziata. Con l'aiuto e la collaborazione di tutti i cittadini dovrà portare al traguardo 'rifiuti zero'. L'assessore comunale Tina Luciano spiega a Sudcritica come accadrà.

Riprese e post produzione di Alberto Covella

Per discutere con il Movimento Italia Giusta secondo la Costituzione, questi gli indirizzi:
sede: via X marzo 88 - 70026 MODUGNO
posta elettronica: [email protected]
[email protected]
rivista: www.sudcritica.it

=DISCUSSIONI=

Larroganza

della Rai

In nessun altro

Paese europeo

si assiste al pagamento

di un canone obbligatorio

a fronte di una pubblicità

invadente e accentratrice

di  Pippo De Liso

_______________

[ Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

Il documento

alternativo

"Il sindacato

è un'altra cosa"

per il XVII Congresso

della Cgil

 

di  Pippo De Liso

__________________

[ Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

Una sinistra

nata piccolo-borghese

 

di  Franco Schettini

__________________

a mio avviso il nostro “marxismo” altro non è stato che riformismo piccolo borghese, nemmeno socialdemocratico

Il 15 giugno del 1975 Pasolini scriveva, dopo le effimere vittorie delle sinistre, che “l’Italia è nel suo insieme ormai un Paese spoliticizzato, un corpo morto i cui riflessi non sono che meccanici. L’Italia cioè non sta vivendo altro che un processo di adattamento alla propria degradazione”.

[ Leggi tutto]

Contro la violenza sulle donne

MAGRONE, PALMINA E LE SUE PAROLE HANNO CAMBIATO LA MIA VITA
Casacalenda, 16 novembre 2013 - intervista di Maurizio Cavaliere. Magrone ricorda il giorno in cui palmina martinelli gli parlò in punto di morte, rivelandogli i nomi dei suoi aguzzini. La 14enne di fasano morì data alle fiamme nel novembre 1981, si era rifiutata di prostituirsi.

=LA VIOLENZA ESIBITA=

di Francesca Di Ciaula

____________________

violenza2 [ Leggi tutto]  

DON TONINO BELLO - LA COSCIENZA E IL POTERE

IL POTERE, LA LEGGE, LA COSCIENZA
Don Tonino Bello ricordato dal sindaco di Modugno, Nicola Magrone, a Mola di Bari, il 16 ottobre 2013, con l'assessore regionale Guglielmo Minervini e don Gianni De Robertis.La speranza nel patto tra deboli, se non per rovesciare il potere almeno per attenuarne l'abuso. Tornare alle origini di don Tonino Bello è tornare alle origini del nostro popolo, cioè la Costituzione. Secondo il sindaco di Modugno, oggi la costituzione non deve essere modificata.

cronache dall'interno

=IL SINDACO DI MODUGNO NICOLA MAGRONE E LA SUA GIUNTA INCONTRANO I CITTADINI=
26 settembre 2013 - Filmato integrale dell'incontroPer la prima volta nella vita amministrativa di Modugno, l’amministrazione parla con i cittadini in un incontro pubblico.

Riprese e post produzione di Alberto Covella

Per discutere con il Movimento Italia Giusta secondo la Costituzione, questi gli indirizzi:
sede: via X marzo 88 - 70026 MODUGNO
posta elettronica: [email protected]
[email protected]
rivista: www.sudcritica.it

Newsletter

Grazie per esserti iscritto alla newsletter di Sudcritica. Stay tuned :)
Banner

Contattaci

Da (email)
Oggetto
Inserire questo testopafvedzh
 No SPAM