Home
Sudcritica
=25 APRILE 2018. LA DIFESA DELLA COSTITUZIONE CONTINUA E SI RINNOVA= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Martedì 24 Aprile 2018 08:27

Difendere e applicare la Costituzione italiana:

sta tutta qui la difesa della nostra democrazia

Prima, seconda, terza Repubblica.... Nicola Magrone, sindaco di Modugno, magistrato, presidente del Movimento Italia Giusta secondo la Costituzione, spiega qui perché l'identità di popolo e la difesa dei diritti e della democrazia contro le involuzioni e le alchimie di potere resta ancorata alla nostra Carta costituzionale.

E un intervento del 2012: lo riproponiamo oggi, in un 25 aprile ancora una volta dilaniato dalle polemiche. Perché si ricordi che per governare uno Stato (o amministrare una città o una regione) è opportuno anche indicare valori, rinsaldare quel patto di cittadinanza che crea una comunità: un grumo di bisogni e d'interessi materiali e nello stesso tempo di sogni, passioni e aspirazioni comuni, l'affermazione di diritti e contemporaneamente di doveri civici accolti con consapevolezza e con rispetto.

In estrema sintesi, è necessaria la difesa strenua e la pervicace applicazione della Costituzione italiana.

 

Riprese e postproduzione di Alberto Covella per Italia Giusta/Sudcritica.

Ultimo aggiornamento Martedì 24 Aprile 2018 08:28
 
=DON TONINO. IL POTERE, LA LEGGE, LA COSCIENZA= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Venerdì 20 Aprile 2018 21:13

Per ricordare, nel 25/o anniversario della morte, don Tonino Bello, profeta dei nostri tempi.

Pubblichiamo qui oggi il video di un incontro tenuto a Mola di Bari il 16 ottobre 2013 da Nicola Magrone con la giornalista Annamaria Minunno e con don Gianni De Robertis e Guglielmo Minervini, che era allora assessore della Regione Puglia e che è scomparso circa un anno e mezzo fa. L'occasione dell'incontro fu la presentazione di un libro che, nel ventennale della morte di don Tonino Bello, le edizioni 'La Meridiana' pubblicarono, su concessione gratuita della fondazione onlus Popoli & Costituzioni: “La coscienza e il potere. Conversazione con Nicola Magrone, Guglielmo Minervini e Clara Zagaria”, una conversazone con don Tonino Bello del 1992, pubblicata per la prima volta sulla rivista Sudcritica.

Una conversazione che fornisce diverse risposte ai bisogni dei tempi nostri, tempi di cambiamento, tempi in cui bisogna recuperare la speranza. Le lotte più feroci - afferma don Tonino Bello - le fanno tante persone di potere non per raggiungere il potere, ma per conservarlo. La conservazione del potere provoca più sangue di quanto non comporti la conquista del potere. Bisogna costantemente avere questa capacità critica per sapersi estraniare dalla struttura, per saperne uscire”

Il volume è la trascrizione della conversazione avvenuta in episcopio, nel marzo 1992, un anno prima della morte del vescovo di Molfetta, una conversazione intorno a Ignazio Silone, che si svolse in particolare tra il vescovo e il magistrato: don Tonino e Nicola Magrone si confrontano sul rapporto tra il potere e la ‘struttura’, sul rigore a cui la coscienza non può sottrarsi, a partire da alcune sollecitazioni di Silone. È a partire dai nodi della riflessione siloniana che don Tonino giunge ad affrontare nodi centrali verso cui il cristiano (e in particolare il politico cristiano) non può arretrare: il ruolo e il servizio, la libertà e l’obbedienza, il dogma e la fede, la conservazione e il cambiamento, la verità e la carità. In sintesi, la coscienza e il potere. Un'occasione per raccontare la solitudine, anzi la clandestinità, all'interno della struttura nella quale si è riposta la propria fiducia. La speranza nel patto tra deboli, se non per rovesciare il potere almeno per attenuarne l'abuso. Tornare alle origini di don Tonino Bello è, per noi, anche tornare alle origini del nostro popolo, cioè la Costituzione.

       

Affido al testo che pubblichiamo il mio affetto e la mia solitaria e mai celebrata ammirazione per don Tonino uomo; se volete, per quanto a me è possibile (ma a quelli come me che non vagano per sagrestie e per segreterie, forse è “più possibile”), per don Tonino vescovo. Può darsi che nei molti ‘eredi’ di don Tonino si risvegli l’orgoglio della libertà e della dignità del pensiero e dell’azione, e che essi si sentano e si facciano, nell’inverecondo gioco delle parti e delle apparenze, meno ‘eredi’, magari per pudore."

[dall’Introduzione di Nicola Magrone alla prima edizione apparsa sulla rivista Sudcritica del febbraio1994]

Ultimo aggiornamento Venerdì 20 Aprile 2018 21:34
 
=IL CITTADINO ITALIANO BESNIK SOPOTI, LA SUA PRIMA CARTA D'IDENTITA'= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Lunedì 16 Aprile 2018 10:24

Il mondo non è dei dittatori, ma di tutti e di nessuno

SOPOTI festeggiam. IG  21

Festeggiare il compleanno insieme a tutti voi è una cosa veramente bella, ma brindare al riconoscimento della cittadinanza italiana è un evento di un’importanza non comune perché da anni richiesta e sempre negata.

L’Italia giusta secondo la costituzione e il dottor Nicola Magrone, oggi sindaco del Comune di Modugno, hanno cambiato un sogno in realtà. E non è la prima volta che l’uomo che ha fatto della giustizia la sua causa dà merito a chi spetta (Besnik Sopoti)

 SOPOTI festeggiam. IG  eNella storica sede di Italia Giusta secondo la Costituzione, in Largo Palmina Martinelli, a Modugno l’artista Besnik Sopoti ha festeggiato con tutto il movimento il suo 83/o compleanno e la sua prima CARTA DI IDENTITÀ italiana. E’ infatti divenuta esecutiva la sentenza del Tribunale di Roma del 25 settembre 2017 che ha riconosciuto “cittadino italiano dalla nascita” Sopoti, il quale, pur essendo nato a Bari, nel 1935, da madre italiana, non aveva potuto avere sinora il riconoscimento della cittadinanza italiana a causa di una legge razziale che negli Anni Trenta aveva fatto perdere col matrimonio la cittadinanza italiana a sua madre, Anna Turi, di Bari.

Ultimo aggiornamento Lunedì 16 Aprile 2018 10:40
 
SOGGETTIVITA'. I DIRITTI DELLE 'POTENZE DI VITA' PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Domenica 01 Aprile 2018 10:53

CHAGALL MINO

L’essere di ogni cosa

 

Ogni corpo e ogni cosa - dice Spinoza - “effettua” la quantità di essere che possiede e che gli è propria. Le distinzioni così cadono. Tra viventi e non viventi, tra chi vede, pensa e sente e chi non vede, non pensa e non sente. Le differenze costituiscono l’ultimo diaframma dell’antropocentrismo. La pietra non pensa e neppure parla. Ciononostante “effettua la quantità di essere che le è propria”. Ed è completa. Non è mancante di niente. La sua potenza di vivere è effettuata totalmente.

di  Mino Magrone
________________

Se ne discute sempre molto poco. Per cui non c’è molto da lamentarsi se durante la recente campagna elettorale in Italia non se ne è discusso affatto. Salvo che nel suo prologo, quando l’on. Michela Vittoria Brambilla ha prospettato la possibilità della presenza di una lista autonoma di candidati in difesa dei diritti degli animali. La lista poi è scomparsa perché alcuni candidati sono stati mescolati nella coalizione di centrodestra.
Noi ne parliamo. E chiediamo con l’urgenza che la situazione mostra non solo in Italia ma in tutto il mondo: gli animali hanno diritti? Esiste la soggettività animale? E la sofferenza animale, per il principio di eguaglianza, richiede che sia valutata quanto l’analoga sofferenza di un altro essere? Infine, la nuova frontiera: esiste la soggettività delle cose? Questi sono argomenti sui quali sia il pensiero filosofico sia quello scientifico non si discostano granché dal senso comune. Tuttavia, ai nostri fini, allo scopo cioè di mostrare che gli animali hanno diritti e soggettività propria, sono molto preziose quelle che non è sbagliato chiamare eccezioni, quasi stonature, nel coro della regola del comune sentire.

 

Ultimo aggiornamento Domenica 01 Aprile 2018 11:13
 
=QUARANT'ANNI FA MORO= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Venerdì 16 Marzo 2018 18:15

moro rs1Una strage senza misteri

Aldo Moro, tra i fondatori della Democrazia Cristiana, fu rapito il 16 marzo 1978 a Roma dalle Brigate Rosse. Il rapimento fu compiuto con un assalto, avvenuto in via Fani, all’auto con la quale Moro si stava recando in Parlamento dove stava per votarsi la fiducia al quarto Governo Andreotti, un governo di “solidarietà nazionale”, che per la prima volta nella storia d’Italia includeva il Partito comunista nella maggioranza, sia pure senza una presenza di ministri comunisti nel governo. Nell’agguato vennero uccisi i due carabinieri che erano sull’automobile di Moro, Oreste Leonardi e Domenico Ricci, e i poliziotti che viaggiavano nell’auto di scorta, Raffaele Iozzino, Giulio Rivera e Francesco Zizzi.

Ultimo aggiornamento Venerdì 16 Marzo 2018 21:04
 
=ECONOMIA. STATO 'LEGGERO' E VECCHI E NUOVI POVERI= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Mercoledì 14 Marzo 2018 09:23

altan1I molti peccati dei socialismi europei

Lo Stato e la finanza pubblica non possono essere “leggeri” in presenza di milioni di nuovi e vecchi poveri assoluti. Non può, quando la disoccupazione dei giovani (specie delle giovani donne) è del 40%; non può quando il lavoro che c’è è soltanto quello precario e i licenziamenti fioccano senza giusta causa; non può allorché gli investimenti pubblici calano di oltre il 20% all’anno lasciando interi territori, nazioni e continenti privi di interventi pubblici che accelerino l’uscita dalle crisi economiche e non lascino alla lenta e difficile ripresa spontanea dell’economia il parziale rimedio al profondo disagio sociale. Se tutto questo e tanto altro ancora non fa più parte del bagaglio politico, culturale e di lotte sociali dei socialismi europei, è in ciò che va ravvisata la crisi profonda del socialismo e la forza che lo sospinge verso l’imminente estinzione.

 

di  Mino Magrone
________________

Non è raro sentire commenti sulla mancanza in Europa di figure politiche carismatiche che si facciano interpreti di idee, teorie e azioni pratiche risolutive della crisi in cui versa la cultura socialista europea.
Si sono appena svolte le elezioni politiche in Italia, con esito disastroso per i partiti e i movimenti di ispirazione socialista, che vanno scomparendo in Italia come già avviene in tutta l’Europa.

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 14 Marzo 2018 09:23
 
=COSTITUZIONE ITALIANA. FLAT TAX, UN'ALTRA MINA IN AGGUATO = PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Domenica 25 Febbraio 2018 09:32

Lire-25-articolo-53-costituzione-300x189Difendiamo l’articolo 53 della Costituzione.
E’ in gioco la democrazia.

La flat tax, se introdotta, porterà aumenti vertiginosi dell’imposizione indiretta per coprire la spesa pubblica indispensabile, che rimarrà scoperta. Questo significa, in sostanza, aumento vertiginoso dei costi a carico dei più poveri, a tutto beneficio dei più ricchi. Insomma: che meno del 10 % possegga oltre il 90% della ricchezza al mondo, non basta; per qualcuno occorre rafforzare il dato.

di  Gianvito Pugliese
__________________

Trattare temi di carattere fiscale è sempre rischioso. La politica, quella con la p minuscola, si ricorda della questione in due casi:

1.quando deve rastrellare risorse ingenti per un’emergenza sopravvenuta o raschiare il fondo del barile per una spesa sottovalutata, che esplode in tutta la sua concreta entità;
2. 
allorché, appropinquandosi le elezioni, generalmente le politiche, è necessario far finta di essere attenti ai problemi della gente, che in quel caso assume nome e connotazione di “elettori” e bisogna d’urgenza mettere un pannicello caldo sulla piaga purulenta.

Avviene così che, nell’imminenza delle elezioni politiche fissate per il 4 marzo 2018, data in cui il popolo italiano sovrano, ma sempre meno ascoltato e rispettato dai politicanti, andrà a votare con il Rosatellum, legge elettorale che, stando ai più autorevoli sondaggi, produrrà l’assoluta impossibilità di un governo, si appalesi un fronte elettorale che fa della flat tax una delle principali bandiere. La flat tax, dice Wikipedia, l’enciclopedia dei cybernauti, è un sistema fiscale proporzionale e non progressivo, soprattutto se non accompagnato da deduzioni fiscali o detrazioni, nel qual caso, anche se l’aliquota legale è costante, l’aliquota media diviene crescente.

Ultimo aggiornamento Sabato 03 Marzo 2018 13:17
 
=POESIA. GIOVANNI GENTILE LETTO DA BESNIK SOPOTI PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Mercoledì 14 Febbraio 2018 18:00

sopoti donnaAbbiamo avuto anche noi / il nostro cielo in una stanza

Le poesie di Giovanni Gentile (raccolte nel volume Stronza come un assolo di contrabbasso), lette con stima e affetto da Besnik Sopoti

 ________________

C’è un tempo biologico al quale tutti noi siamo unificati e un tempo interiore che varia a individuo a individuo, che si riflette nei versi dei noti poeti di ogni epoca. Questo perché l’artista, essendo voce della società di cui fa parte, è allo stesso tempo anche l’espressione viva della sua propria identità: esteriorità e interiorità dell’essere umano. Questa la ragione per cui l’opera d’arte non è un semplice rispecchio della nostra vita, ma diventa la realtà di quel rispecchio in cui gli uomini vivono e si battono nel loro quotidiano. Che sia poesia o romanzo, quando nasce dall’esigenza interiore ed è frutto di un’autentica personalità, tocca l’anima, scuote le coscienze accennando perfino anche a qualcosa sul futuro di noi tutti. C’insegna, senza darci però lezioni e prediche, che dopo ogni caduta o sconfitta, sia personale sia sociale, si può e si deve trovare la forza di rialzarsi e andare avanti.

Con questa raccolta di poesie, in apparenza senza pretese ma di contenuto abbastanza impegnativo, Giovanni Gentile si presenta davanti ai lettori come un autore serio e pienamente maturo. Ecco la ragione per cui, non essendo un critico, mi limiterò a dare solo qualche mia semplice impressione personale.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 14 Febbraio 2018 20:03
 
=10 FEBBRAIO, IL RICORDO DELLE FOIBE E DELL'ESODO GIULIANO-DALMATA= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Sabato 10 Febbraio 2018 09:59

modugno piazza martiri delle foibe

A Modugno, per il “Giorno del Ricordo” delle vittime delle foibe, dell’esodo giuliano-dalmata, delle vicende del confine orientale, in collaborazione con il Comitato Nazionale “10 Febbraio” l'Amministrazione Comunale terrà domenica 11 febbraio, alle ore 11.00, una celebrazione commemorativa nel “Parco del Ricordo - Vittime delle Foibe” (viale della Repubblica), alla quale parteciperà il Sindaco, Nicola Magrone.

Il ‘Giorno del Ricordo’ venne istituito, 14 anni fa, con la legge n.92 del 30 marzo 2004, per conservare la memoria delle migliaia di vittime, nelle terre al confine italo-jugoslavo, causate dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale dalla violenza delle forze politiche comuniste jugoslave guidate da Josip Broz (noto col nome di battaglia ‘Tito’), e per ricordare le centinaia di migliaia di italiani costretti all’esodo da territori che dal 1918 al 1943 erano stati amministrati dall’Italia.

Ultimo aggiornamento Sabato 10 Febbraio 2018 15:47
 
=27 GENNAIO. LE LEGGI RAZZIALI DEL FASCISMO= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Giovedì 25 Gennaio 2018 18:47

CodiceBreveRazzismoFascistaNel Codice breve del razzismo fascista - La “questione razziale”. Stato totalitario e democrazia costituzionale, volume che raccoglie ed analizza tutti i documenti della legislazione razziale fascista, scrive Nicola Magrone:Le “leggi razziali” del fascismo hanno goduto di un “trattamento” particolarmente benevolo: quello che si dà a una cosa straordinariamente eccezionale, anomala, imprevedibile, imprevista, e nemmeno voluta. Detto questo, il caso sarebbe chiuso. E dunque, non conterebbe nulla tutto il resto, una mostruosità potendoci toccare in sorte sotto tutti i regimi e ad ogni latitudine; un mostro è un mostro. E nemmeno conterebbe nulla l’affanno di chi si ostinasse a collocare sentinelle armate di tutto punto ai confini dell’ “abitato costituzionale”: la mostruosità non viene da dentro ai confini, viene da fuori, non si sa da dove, non si sa perché; se viene, non si fa annunciare, un fulmine, un tuono, una calamità.

Purtroppo, le leggi razziali del fascismo non vennero da fuori. Il 17 novembre del 1938, Vittorio Emanuele III, per grazia di Dio e per volontà della Nazione, Re d’Italia, Imperatore d’Etiopia, “ritenuta la necessità urgente ed assoluta di provvedere”, decreta - “su proposta del DUCE, Primo Ministro Segretario di Stato, Ministro per l’Interno, di concerto coi Ministri per gli affari esteri, per la grazia e giustizia, per le finanze e per le corporazioni” - un complesso, pignolo e accanito sistema di norme che porta la difesa della razza praticamente ovunque. E’ il Regio Decreto legge 17 novembre 1938 - XVII, n.1728, contenente Provvedimenti per la difesa della razza italiana. E’ il testo fondamentale della legislazione razziale del fascismo: Sudcritica vuole ricordare, per il Giorno della Memoria, l’ignominia delle leggi razziali con testi tratti dal libro di Nicola Magrone, Codice breve del razzismo fascista, e con le parole di una grande amica di Sudcritica, Elisa Springer, ebrea austriaca, costretta a subire le atrocità dei campi di sterminio nazisti e poi vissuta a lungo in Puglia. Di Elisa pubblichiamo la Testimonianza apparsa anch'essa nel Codice Breve.

Ultimo aggiornamento Giovedì 25 Gennaio 2018 19:09
 
=ECONOMIA. TROPPO STRETTE LE MAGLIE DEL FISCAL COMPACT= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Mercoledì 24 Gennaio 2018 08:54

padoan-moscoviciSe leconomia Ue diventa ideologia, lItalia muore


Affinché l’economia europea, ma il discorso vale anche più in generale, si svincoli dai ceppi che la tengono ferma sul punto inferiore (di crisi) del ciclo economico può essere necessaria una forte dose di investimenti pubblici in deficit. Mentre la sequenza meno deficit, meno debito, più crescita è, durante la crisi, peggiore del male del quale intende essere il rimedio.

 di  Mino Magrone
________________

Per il commissario europeo agli affari economici, Pierre Moscovici, la riduzione del deficit produce la diminuzione del debito pubblico. Ovviamente per il commissario europeo ciò promuove anche la crescita economica. Contenere il deficit entro i limiti imposti dal Fiscal Compact è una necessità specialmente per Paesi come l’Italia con un elevato debito pubblico. A questi imperativi economici non ci si può sottrarre, pena, dice ancora il commissario europeo, la rovina dei conti pubblici e l’inevitabile dissesto economico-finanziario dell’intero Paese.troika-monti

A tale proposito è chiarificatore il riferimento, in Italia, agli anni 2010-2011 quando lo spread era oltre 500 punti base e gli interessi sui titoli pubblici strozzavano la nostra finanza pubblica. Fu il governo del senatore a vita Mario Monti a sostituirsi alla troika adottandone però i compiti.
La storia è nota: dal 2010 si è ridotto di tutto. I consumi, gli investimenti, i prezzi, la spesa pubblica. Ciò che è cresciuto da allora (2010) è il debito pubblico che oggi è del 136% del Pil. Se ci si pone al di fuori del pensiero unico si può raccontare una storia diversa. Non improvvisata, con radici antiche e di sperimentato valore teorico e pratico.

Ultimo aggiornamento Giovedì 25 Gennaio 2018 16:36
 
=CI MANCHI, NICOLA SANTULLI= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Martedì 23 Gennaio 2018 23:16

SANTULLI1

A DUE ANNI DALLA MORTE DEL NOSTRO AMICO, E COMPAGNO INSTANCABILE DI VIAGGIO, NICOLA SANTULLI

Nicola Santulli è rimasto nei nostri cuori. Vogliamo ricordarlo oggi con le parole che due anni fa gli dedicò Nicola Magrone e col suo sorriso, sempre leale e rassicurante

 

Abbiamo perso un compagno di viaggio leale e generoso, che ci ha accompagnato da sempre e ci ha dato ben più di quanto siamo stati capaci di dargli

 

La scomparsa di Nicola Santulli è per me, per il Movimento Italia Giusta secondo la Costituzione, per la rivista Sudcritica e per la Fondazione onlus Popoli & Costituzioni la perdita di un compagno di viaggio leale, coraggioso, instancabile eSANTULLI2 generoso. Nicola ha dato a tutti noi, giovani e meno giovani, un contributo culturale, politico e umano che ha superato sempre quello che siamo stati capaci di dargli. E’ stato con noi dalle origini della nostra esperienza sociale e politica. Fino ad oggi. Saremo capaci, tutti, di tenercelo con noi, nel nostro cuore. (Nicola Magrone)

Ultimo aggiornamento Mercoledì 24 Gennaio 2018 09:12
 
ITALIA. PENSIONI, UNA LOTTA CONTRO LA VITA PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Scritto da Redazione   
Sabato 06 Gennaio 2018 12:27

pensionati-italiani-fuga-estero-620x430Pensionandi
contro pensionati,
una curiosa lotta
per la vita


 la maggiore speranza di vita porta paradossalmente a trovarci di fronte, quasi in una lotta virtuale di sopravvivenza, due categorie di lavoratori: da una parte i pensionati e dall’altra i pensionandi.

 

 di  Giovanni Lopez
________________

La L. 102/2009 stabilisce che i requisiti di età anagrafica per andare in pensione siano adeguati all’incremento della speranza di vita accertato dall’Istat, con riferimento al quinquennio precedente.

Nei mesi scorsi si è acceso il dibattito in ordine al contenuto del decreto direttoriale del Ministero dell’economia e delle finanze di concerto con il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, con cui, entro il 31 dicembre 2017, si aggiorna il predetto requisito anagrafico.

Sulla base dei numeri forniti dall’ISTAT, che certifica un’aumentata aspettativa di vita nel 2016, la nuova soglia d’età, dal 2019, sale a 67 anni (ora è di 66,7 anni).

Ultimo aggiornamento Sabato 06 Gennaio 2018 18:40
 
=URBANISTICA MODUGNO. IN 15 ANNI NORME ILLEGITTIME HANNO PRODOTTO TANTI GUASTI, PAROLA DI TECNICI= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Sabato 23 Dicembre 2017 09:35

urbanistica modugno, DSC 0129 bis

A Modugno per 15 anni ha prosperato unurbanistica che ha prodotto tanti guasti e degradato la città, perché si è guardato ai volumi da edificare invece che alla qualità del costruire e alla vivibilità. Ora, allesito di una battaglia di quattro anni, si torna alla legalità e alla trasparenza e si aprono scenari sostenibili.

 

Il Consiglio comunale di Modugno ha discusso e varato, il 21 dicembre scorso, la delibera conclusiva sulle Norme tecniche di Attuazione del Piano Regolatore Generale di Modugno [NTA]. Col voto della maggioranza (e grazie alla determinazione di tutti i componenti della maggioranza: dal Sindaco Magrone al Vicesindaco e Assessore allUrbanistica, Francesca Benedetto, dallintera giunta comunale alla Presidente della Commissione urbanistica, Luciana Volpicella, e a tutti i consiglieri di maggioranza) si chiude, dunque, quel processo fortemente voluto dallAmministrazione guidata da Nicola Magrone per ricondurre a trasparenza e legalità l’apparato amministrativo che sovrintende all’assetto urbanistico della Città. Un impegno assunto nel 2014 dal Sindaco stesso e dall’arch.Francesca Sorricaro allora Responsabile del Servizio Assetto del Territorio e condotto in stretto collegamento con la Regione Puglia, ente sovraordinato nell'Assetto del Territorio, attraverso una complessa e faticosa analisi giuridica e urbanistica, nell’interesse della Città, del territorio e dei cittadini.

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 25 Dicembre 2017 19:03
 
=TI RICORDI DI PIAZZA FONTANA? 12 DICEMBRE 1969, LA STRAGE= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Martedì 12 Dicembre 2017 15:35

ti_ricordi_di_piazza_fontana

 12 dicembre 1969, la strage.

 

Le commemorazioni non sempre consolano, piú spesso inquietano. Da piazza Fontana partí, sí, la tenebrosa stagione del terrorismo e delle stragi, ma di lí iniziò anche il lungo e perverso cammino a colpi di piccone sugli assetti costituzionali sulla strada da nessuno veramente contrastata della trasformazione del nostro Stato e della nostra società in un simulacro di democrazia liberale nelle parole, autoritaria e ormai quasi feudale nelle prassi e finanche nelle leggi (Nicola Magrone, Piazza Fontana Memoria e Verità, La Gazzetta del Mezzogiorno, 12 dicembre 2009).

12 Dicembre 1969, ore 16:37, una bomba esplode nella Banca Nazionale dell’Agricoltura in piazza Fontana a Milano uccidendo 17 persone e ferendone altre 88. Era “la strage di Piazza Fontana”, divenuta negli anni nota come la madre di tutte le stragi. Dopo processi tenuti per circa 35 anni in varie città d’Italia, tutti gli imputati sono sempre stati assolti in sede giudiziaria. Anche se i nomi dei responsabili, benché assolti, sono “concordemente” noti, persino nelle sedi giudiziarie, e il contesto nel quale la strage maturò assolutamente ben definito. Le edizioni "dall'Interno-Sudcritica", per iniziativa di Nicola Magrone, alla fine degli anni Ottanta dedicarono alla strage e ai processi di Piazza Fontana tre volumi e migliaia di pagine (Ti ricordi di piazza Fontana?). Oggi, nel 48.o anniversario della strage, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha sottolineato che "il percorso della verità va perseguito per giungere a un traguardo atteso dai familiari e da tutti gli italiani", rilevando che "il valore del tenace e coraggioso lavoro di tanti servitori dello Stato è riuscito a disvelare sia la matrice neofascista sia le gravi complicità nella vicenda di taluni apparati deviati".

Ultimo aggiornamento Martedì 12 Dicembre 2017 20:51
 
=PALMINA SIMBOLO DELLE DONNE CHE NON DEVONO PIU' TACERE= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Sabato 25 Novembre 2017 15:22

Palmina-MartinelliGiornata contro la violenza sulle donne.

Non è una commemorazione,

sia invece un momento di impegno civile

Oggi che il processo è stato aperto
nel tentativo di individuare corresponsabili
dell'uccisione di Palmina Martinelli,
noi abbiamo l’opportunità,
grazie alla presenza di Nicola Magrone
e alla sua mai spenta fiducia sulla riapertura delle indagini,
di capire meglio e pensare
questa Giornata contro la violenza sulle donne
in modo il meno commemorativo possibile,
il meno possibile ridotta a momento culturale o letterario,
renderla invece momento di impegno civile.


di  Francesca Di Ciaula
____________________

 Qui a Modugno in questa occasione della Giornata contro la violenza sulle donne, ricordare Palmina Martinelli, la ragazza di quattordici anni bruciata viva trentasei anni fa nella sua casa a Fasano in provincia di Brindisi, è cosa che viene quasi immediata. E non solamente perché il pubblico ministero all’epoca dei fatti, nelle indagini e in primo appello, colui che perseguì la tesi dell’omicidio, solo, contro un muro di omertà e di miseria morale, era Nicola Magrone, ora sindaco di questo paese. Non solamente perché qui abbiamo come sindaco quel magistrato ostinato, che avvertì la portata di quel processo, la dignità di quella ragazzina, la sua vita considerata cosa di scarsissimo valore, punita in modo orribile per la sua ribellione a quell’ambiente di vita e a chi le aveva riservato come futuro la prostituzione.

Ultimo aggiornamento Sabato 25 Novembre 2017 15:31
 
=I CONTI A SINISTRA CON VITTORIO FOA= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Giovedì 23 Novembre 2017 12:16

 

I CONTI A SINISTRA

 

CON VITTORIO FOA

 

 

LA SINISTRA HA PERSO LA PAROLA. MA LA RITROVA,

ECCO, LA RITROVA, QUESTO E’ SICURO”.

LA RITROVA?

[conversazione con Nicola Magrone]

 

foa 0036

Ripubblichiamo la storica conversazione tra Sudcritica e Vittorio Foa del 16 gennaio 1998, edita dalla nostra Rivista on line il 19 febbraio 2011. Alla ricerca della Sinistra tra solitudine e speranza; sullo sfondo Ignazio Silone. A leggerla, sembra di oggi. La sinistra senza parola e senza storia. E tuttavia, “la sinistra ha perso la parola ma la ritrova, questo è sicuro”.

La ritrova?

[Sudcritica]

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 24 Novembre 2017 18:44
 
=PALMINA MARTINELLI. IL CORAGGIO DELLA DENUNCIA E I 'CONTESTI'= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Sabato 11 Novembre 2017 20:46

Palmina-MartinelliPalmina simbolo di vittime

che non devono più tacere

Magrone: Sono ancora fiducioso
che Palmina ottenga giustizia.
Una decisione che le restituisca la credibilità
e dia dignità alla sua denuncia.
È una battaglia di civiltà”


 

L’11 novembre 1981, a Fasano (Brindisi), Palmina Martinelli, 14 anni, fu trovata in casa dal fratello Antonio con il corpo avvolto dalle fiamme. Sia al fratello sia a coloro che le prestarono soccorso sia ai carabinieri la ragazzina fece i nomi di chi l’aveva aggredita, dandole fuoco per punirla per essersi rifiutata di entrare in un giro di prostituzione. Nel Centro di Rianimazione del Policlinico di Bari, Palmina Martinelli morì il 2 dicembre 1981 dopo 20 giorni di agonia. Prima di morire, però, continuò ad avere il coraggio e la forza di dare la propria testimonianza sull’aggressione subita: al pubblico ministero Nicola Magrone e al dott.Tommaso Fiore, medico rianimatore, fece ancora una volta il racconto di quel che aveva dovuto subire e denunciò i suoi aggressori.

 

Il processo che ne seguì si concluse in primo e in secondo grado con l’assoluzione degli imputati per insufficienza di prove, nonostante fossero state ripercorse in aula tutte le verifiche possibili delle parole di Palmina: fu persino smontato l’alibi di uno degli aggressori, il quale, il giorno dell’aggressione a Palmina, avrebbe dovuto stare a fare il militare in Veneto e invece era fuggito dalla caserma. La Corte di Cassazione andò anche oltre: nel 1989, a otto anni dai fatti, sostituì la formula dubitativa di secondo grado con quella liberatoria della insussistenza del fatto: così, di fatto, “giudicando” che Palmina avesse accusato falsamente coloro che additava come suoi aggressori.

 

Nonostante questo e nonostante gli anni trascorsi, tuttavia, oggi Palmina è più viva e più credibile che mai: per quel suo sorriso che ancora illumina la foto d’epoca ormai nota a tutti e per l’opera portata avanti da tutti quelli che le hanno creduto, in primis il pm inquirente dell’epoca, Nicola Magrone, e i medici che la soccorsero e l’ascoltarono (Lello Di Bari, Tommaso Fiore) e tutti coloro che per anni si sono battuti perché Palmina avesse giustizia: primo tra tutti, l’anatomopatologo Vittorio Pesce Delfino, che ha lavorato sino al suo ultimo giorno di vita sulle dimostrazioni scientifiche della veridicità delle parole di Palmina, insieme con i ricercatori che hanno lavorato con lui.

 

Quest’anno vogliamo ricordare il “contesto” nel quale Palmina fu “giudicata” con un documento d’epoca: il video della trasmissione “Telefono Giallo”, condotta da Corrado Augias e andata in onda nel gennaio 1989, a ridosso della sentenza della Cassazione che, lungi dal rendere giustizia a Palmina e al suo coraggio della denuncia, l’aveva “bollata” come calunniatrice. E un documento lungo (per questera di video spot), composto di due parti, che occupano complessivamente oltre due ore: tuttavia, ci è sembrato un documento che, per alcune prese di posizione nel dibattito che si svolge nella seconda parte, ben renda l’idea anche del “contesto giudiziario” nel quale certe decisioni maturarono.

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 13 Novembre 2017 18:29
 
=IL 31 OTTOBRE 2002 DI S.GIULIANO DI PUGLIA= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Lunedì 30 Ottobre 2017 23:32

san giulianoAlle 11.32.59 del 31 ottobre di 15 anni fa, nel piccolo centro molisano di San Giuliano di Puglia (1.050 abitanti circa), un’ala dell'edificio scolastico “Francesco Iovine” - che comprendeva scuola materna, elementare e media - crollò sulla parte sottostante: sotto le macerie rimasero intrappolati 58 bambini, 4 insegnanti e 2 bidelle. La scossa - durata 60 secondi e con una magnitudo di 5,4 gradi della scala Richter - fu avvertita nitidamente nel basso Molise e in aree limitrofe.

La scuola subì l’unico crollo avvenuto durante quel terremoto: vi morirono 26 bambini e la maestra Carmela Ciniglio; un altro bambino morì un mese dopo nell’ospedale “Bambin Gesù” di Roma, dov’era stato ricoverato. Sempre a San Giuliano, durante il terremoto, morirono anche altre due persone in circostanze diverse.

Nel crollo, una classe intera, quella dei piccolini di prima elementare, quasi tutti nati nel 1996, venne spazzata via.

Vogliamo ricordarli uno per uno, i bambini morti in quella “scuola assassina”: Luca Jacurto, 6 anni. Morena Morelli, 6 anni. Valentina Picanza, 6 anni. Raffaele Picanza, 6 anni. Paolo Romano Jacurto, 6 anni. Antonella Borrelli, 6 anni. Maria Colantuono, 6 anni. Michela Buonaugurio, 6 anni. Valentina Ianiri, 6 anni. Martina Vassalli, 7 anni. Giovanna Ritucci, 7 anni. Maria Di Renzo, 7 anni. Luigi Petacciato, 7 anni. Maria Celeste Picanza, 8 anni. Sergio Di Cera, 8 anni. Antonio Astore, 8 anni. Antonio Di Renzo, 8 anni. Luigi Occhionero, 8 anni. Gianni Nardelli, 9 anni. I gemellini Gianmaria e Luca Riggio, 9 anni. Melissa De Lisio, 9 anni, Lorenzo Francari, 10 anni. Giovanna Nardelli, 10 anni. Costanza Ferrecchia, 10 anni. Domenico La Fratta, 10 anni. Umberto Visconti, 9 anni.

Le indagini giudiziarie sulle morti nella scuola, portate a compimento dal procuratore della Repubblica presso il tribunale di Larino, Nicola Magrone, e sfociate in un processo, hanno stabilito che il crollo era stato determinato da responsabilità umane: costruttori, progettisti, tecnico comunale e sindaco dell'epoca sono stati definitivamente condannati dalla Corte di Cassazione tra il 2010 e il 2012. «Volevamo giustizia e verità - disse Antonio Morelli, portavoce dei genitori delle piccole vittime, commentando la sentenza della Cassazione del 2012 - e l'abbiamo avuta».

Ultimo aggiornamento Martedì 31 Ottobre 2017 00:23
 
=MODUGNO, L’INCONTRO DI SINDACO E GIUNTA CON I CITTADINI= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Lunedì 23 Ottobre 2017 11:02

nicola magrone 2 incontro 13102017Un esercizio di democrazia

inaugurato e divenuto una consuetudine

solo con l’Amministrazione Magrone

 

Siamo unamministrazione che pone attenzione ai problemi più minuti e ai progetti più grandi dove si possono intercettare i fondi dai quali ormai dipendono tutti i comuni italiani. Ce li siamo già aggiudicati, questi fondi, in misura rilevantissima e siamo in gara su tutti i fronti per aggiudicarcene altri. Sono grandi successi per un'amministrazione che non deve la sua esistenza a chissà quale apparato politico, che non vive di opportunismi e non ha nessuno da approvvigionare

Lo ha sottolineato il Sindaco di Modugno, Nicola Magrone, nell’ultimo incontro periodico con i cittadini, tenuto il 13 ottobre scorso, incontro periodico inaugurato dalla sua Amministrazione per partecipare con costanza ai cittadini come viene amministrata la città.

Ultimo aggiornamento Lunedì 23 Ottobre 2017 18:57
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 22

Sudcritica Flash

==MARIO MARANGI, PER L'EXTRAVERGINE DI PUGLIA 'CREARE RETE' TRA I PRODUTTORI=Le ‪‎difficoltà‬ ma anche le grandi ‪opportunità‬ dei ‪‎produttori‬ ‪‎oleari‬ che puntano all'‪‎innovazione‬ e alla ‪‎qualità‬, in ‪Puglia‬ come a Modugno‬.
‪‎Investire‬ nell'‪olivicoltura‬ significa anche ‪valorizzare‬ il ‪territorio‬ e il tessuto‬ ‪sociale‬.
Ecco le ‪sfide‬ che affrontiamo noi ‪giovani‬ ‪‎imprenditori‬ ‎agricoli‬.
[v.in Sudcritica Modugno]

Sudcritica Flash

=IL COMUNE DI MODUGNO ABBATTE IL 'MURO'. LO ACQUISTO' COME OPERA D'ARTE, LO DISTRUGGE COME BAGNO FATISCENTE=
di Francesca Di Ciaula.Il 2 febbraio scorso, in piazza Romita Vescovo, un tempo adibita a mercato del pesce, sono iniziati i lavori di demolizione della parete adiacente ai bagni pubblici.
La motivazione è presto detta: sicurezza e salvaguardia della pubblica incolumità, fatiscenza delle strutture. Il tutto per una spesa di 35 000,00 €.
La parete ricoperta di marmo nero, fu costruita a ridosso della chiesa seicentesca delle Monacelle in pieno centro storico, per nascondere un bagno pubblico, alla vista di chi sostava nella piazzetta. Una visione dai contrasti indicibili. Un monolite scuro e dietro la parete chiara dell'antica chiesetta. L'antico e il nuovo, maldestro tentativo di dare dignità al piastrellato che ha invaso il paese, eppure opera pubblica. La modernità imposta per capriccio o arbitrio, il marmo contro la pietra povera antica. Oggi ulteriore denaro pubblico è stato impiegato per distruggere quel manufatto a nessuno mai piaciuto per la sua manifesta volgarità.

[v.leggi tutto in Sudcritica Modugno]

Sudcritica Flash

=ITALIA GIUSTA, IL COMUNE DI MODUGNO BLOCCHI LO 'SFRATTO' DELL’ISTITUTO DEL NASTRO AZZURRO=
di Tina Luciano.

Il movimento Italia Giusta secondo la Costituzione sollecita il Commissario prefettizio a Modugno perché blocchi lo ‘sfratto’ dell’Istituto Nastro Azzurro fino a quando sarà pronta la nuova sede ad esso destinata, in locali comunali che oggi ospitano i Servizi sociali.Il Museo e le Associazioni combattentistiche raccolte nell’Istituto custodiscono oggi le poche tracce esistenti di una memoria collettiva di Modugno, perse le quali va definitivamente in frantumi l’identità dell’intera città.
Un luogo della memoria va protetto e tutelato: insistere nel volerlo ‘sfrattare’ ha il sapore iconoclasta della provocazione, del voler far apparire come insensibile al bene pubblico una pubblica amministrazione che deve invece avere a cuore unicamente le esigenze sociali.

[v.anche in Sudcritica Modugno]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=CONSUMO DI SUOLO E COMUNITA' SENZA IDENTITA'. INCONTRO CON GIUSEPPE MILANO=
Il 23 gennaio 2015. Sono intervenuti Pasquale De Santis e Nicola Magrone."Contro il mostruoso consumo di suolo in tutta Italia, serve una mobilitazione dei cittadini, una coscientizzazione che ci faccia capire che la cementificazione costante ha un forte impatto sociale, significa alienazione, perdita di coesione della comunità, significa che non esiste più un'identità delle nostre città. Sentiamo spesso dire che si vuole 'costruire il futuro': ma lo si dice a vuoto, mentre si perpetuano questi atteggiamenti di noncuranza e di malapolitica. Costruire il futuro significa cominciare a far le cose per bene ogni giorno nelle nostre città. Quel che è successo a Modugno lo sapete voi, non ho titolo per parlarne ma parlano i fatti. Basta col dire che edilizia e urbanistica vanno visti come motore dello sviluppo, se poi sappiamo che servono per creare solo lo sviluppo di pochi... basta!"

Riprese video di A.Covella per Italia Giusta/Sudcritica

[v.anche in Sudcritica Modugno]

=DISCUSSIONI=

=SOVRANITA' NAZIONALE
MONETARIA
E DEBITO PUBBLICO=

Serafino Pulcini/
Mino Magrone

Monete-antiche-riportate-alla-luce-in-uno-scavo-archeologico


_________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=PROTEZIONE CIVILE, INCONTRO CON GIUSEPPE DI CIAULA=
Il 9 gennaio 2015. Coordinamento, formazione, esercitazioni, sicurezza sono i cardini di una buona protezione civile.Fondamentale un piano dettagliato di intervento, con volontari professionali i quali - quando dovessero verificarsi emergenze - sanno che fare ma non usurpano i compiti dei professionisti. Partecipano il presidente di Italia Giusta secondo la Costituzione, Pasquale De Santis, e Francesca Di Ciaula, della segreteria del movimento.
Riprese video di A.Covella per Italia Giusta/Sudcritica

[v.anche in Sudcritica Modugno]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=PROTEZIONE CIVILE, INCONTRO CON WILLIAM FORMICOLA=
Il 12 dicembre 2014, su ''Stato di salute del territorio italiano e ruolo della protezione civile''.Al centro dell'intervento, le azioni che gli amministratori devono compiere per prevenire, e per intervenire nel verificarsi di emergenze; gli effetti della mano dell'uomo sull'aggravamento dei rischi, i pericoli legati al consumo del territorio e al costruire senza regole. E' intervenuto il presidente di Italia Giusta, Pasquale De Santis.
Riprese video di A.Covella per Italia Giusta/Sudcritica

[in Sudcritica Modugno]

=POLITICA E CONSENSO=

=LA POLITICA
DELLE LOCUSTE=

locuste-madagascar


se si vuole tentare
un recupero
delle regole
che tutelino tutti,

bisognerà scontentare
i gruppetti di interesse
che si concentrano come locuste
intorno al patrimonio pubblico

di  Tina Luciano
__________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=CULTURA, SCUOLA E
TERRITORIO E LA 'NUOVA'
FIERA DEL CROCIFISSO
A MODUGNO=

seminario IG di ciaula longo lobaccaro

Per i Seminari di Italia Giusta
secondo la Costituzione,
incontro - il 21 novembre 2014 -
col musicista dei Radiodervish
Michele Lobaccaro
e con Francesca Di Ciaula
e Valentina Longo.
Su politiche culturali a
Modugno, sul successo
della 'nuova' Fiera
del
Crocifisso inaugurata
con l'amministrazione
Magrone
e sull'importanza
delle relazioni
tra scuola e territorio.

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=ECONOMIA E UE.
CI VORREBBE KEYNES
MA E' TROPPO
DI SINISTRA=

keynes-main-photo


Ilquadro
macroeconomico

dell’Europa
dovrebbe suggerire
la ripresa di politiche economiche
poggiate sulle argomentazioni
della cosiddetta sintesi postkeynesiana.
Invece, ciò è ancora molto lontano
dall’essere preso in considerazione
dalle istituzioni europee

di  Mino Magrone

____________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=LE SCELTE FISCALI DELLA GIUNTA MAGRONE PER PROTEGGERE I CETI MENO ABBIENTI=
Incontro con Dino Banchino.

Per i seminari di Italia Giusta secondo la Costituzione, incontro con l'assessore al Bilancio dell'amministrazione comunale di Modugno guidata da Nicola Magrone.Banchino ha parlato delle scelte fiscali fatte dalla giunta, tutte improntate all'art.53 della Costituzione italiana, per il quale il sistema tributario nel nostro Paese "è informato a criteri di progressività”.
Per questo, per il 2014 a Modugno non si è pagata la TASI, preferendo scaricare il peso maggiore della contribuzione dei cittadini sull'Irpef. Sono intervenuti Pasquale De Santis, presidente di Italia Giusta secondo la Costituzione, e Nicola Magrone.

[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=MODUGNO, LA GIUNTA MAGRONE E L'AIUTO AI PIU' DEBOLI=
Incontro con Rosa Scardigno

Per i seminari di Italia Giusta secondo la Costituzione, incontro con l'assessore ai servizi sociali dell'amministrazione comunale di Modugno guidata da Nicola Magrone.Al centro dell'intervento dell'assessore, gli sforzi per ricostituire servizi disastrati (Ufficio di Piano, in primis), le necessità cui assolvere senza arbitrio, la descrizione di un lavoro interrotto a poco più di un anno dall'insediamento, quando avrebbe potuto dare aiuti più congrui.

[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

=DISCUSSIONI=

=MODUGNO.
CON ITALIA GIUSTA
PER ROMPERE
L'AGGLOMERATO
DI POTERE=

logo italia giusta internet


Da queste parti
smuovere la stagnazione
di poteri è stato
un azzardo
ed una scelta
 coraggiosa.
E tuttavia la dimostrazione
che un movimento possa spezzare

un meccanismo consolidato
c'è stata.
[...] Che si possano tentare
scelte politiche limpide e nette,
l'esperienza amministrativa
modugnese ce lo insegna

di  Francesca Di Ciaula
____________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=MODUGNO, LA NUOVA FIERA DEL CROCIFISSO=
Incontro con Tina Luciano -
"Queste sono le ragioni e le modalità della nuova configurazione della Fiera del Crocifisso......da un lato riannodare i fili con il centro della città, dall’altro garantire la sicurezza in un sito che, oltre ad essere isolato non garantiva nemmeno l’incolumità dei visitatori".

[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

=I LUOGHI=

=BORGO TACCONE.
STORIA PICCOLA
DEL SUD=

taccone7


Borgo Taccone
è questo luogo
dell'assenza,
una storia mancata
di insediamenti rurali.
Eppure non riesci
ad individuare la parola fine
a questa storia.
Il borgo intero sembra piuttosto
un racconto interrotto.

di  Francesca Di Ciaula
______________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=IL MATTONE DI CALVINO.
60 ANNI DOPO=

Credits-LaPresse h partb


“Un sovrapporsi
geometrico di parallelepipedi
e poliedri, spigoli e lati di case,
di qua e di là, tetti, finestre,
muri ciechi per servitù contigue
con solo i finestrini smerigliati
dei gabinetti uno sopra l’altro”.

di  Nicola Sacco
______________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=CRISI. PER SALVARE
L'EUROPA BASTEREBBE
SVEGLIARE IL GIGANTE=

images


Una modesta
frazione

di questo gigante finanziario
narcotizzato e costretto
a stare improduttivo può,
purché l’Europa e la Germania
lo vogliano, finanziare opere
e interventi comuni di sviluppo
e crescita dell’occupazione
di lavoratori in Italia ed in Europa

di  Mino Magrone
______________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=MODUGNO.
LA DIGNITA' POSSIBILE=

francesca4


Questo, il sindaco
di Modugno,
Nicola Magrone,
ha insegnato nel primo anno
di amministrazione a chi
ha voluto comprendere:
a essere chiari,
a pronunciare il nome delle cose
senza timore, pubblicamente,
non in cenacoli all’ombra
di qualche interesse
che non fosse quello
di tutti i cittadini.

di  Francesca Di Ciaula

____________________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=TAMARO, IL GRANDE NEMICO
E' IL NIENTE. O LO E'
PIUTTOSTO IL NICHILISMO?=

rotoletti010


L'angoscia e il disagio
non sono soltanto
sentimenti dei giovani,
sono invece
di noi tutti
in quanto mortali
destinati a finire,
al niente

di  Mino Magrone

_______________

[Leggi tutto]

Sudcritica Modugno

=GUASTO A PASSAGGIO A LIVELLO MODUGNO. IL SINDACO, SITUAZIONE ASSURDA CHE SI RIPETE= 5 aprile 2014 - Dice Nicola Magrone: "Prendero' le opportune iniziative per l'attuazione puntuale di intese precise sui compiti i di Fal e Rete Ferroviaria Italiana. Quello che serve e' scongiurare ulteriori situazioni di grave pericolo".[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

=DISCUSSIONI=

=“La grande bellezza”?=

la grande bellezza


Finché continua
l’umana avventura
in questa valle,
ci sarà scienza, arte,
religione
e l’apocalisse del pensiero
lasciamola ai meno dotati.
Non ci riguarda.

di  Pippo De Liso

_______________

[Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=JOBS ACT, LAVORO

SENZA DIRITTI

E SENZA DIFESE=

CGIL crisi

 
l’Europa solidifica
interessi preminenti
anche sottraendo
ai Paesi
a sovranità nazionale
le tradizioni politiche
e i documenti storici d’identità.
L’Italia è in prima fila con la cessione
della Costituzione e la fiammata
di follia collettiva del cambiamento
a tutti i costi, soprattutto in peggio

di  Pippo De Liso

_______________

[ Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=Per far ripartire l'Italia

non serve stravolgere

la Costituzione=

costituzione

Proposta, da parte di un attivista

di Italia Giusta, di una piccola

guida pratica, aperta a suggerimenti,

per orientarsi tra i temi

di stretta attualità politica

di  Nicola Sacco

_______________

[ Leggi tutto]

Sudcritica Modugno

=RACCOLTA DIFFERENZIATA A MODUGNO, SUDCRITICA INTERVISTA L'ASSESSORE = 17 marzo 2014 - Puoi seguire l'intervista anche alla pagina di Sudcritica Modugno.Tra breve, finalmente, anche a Modugno (e per l'intero Aro del quale Modugno è capofila) ci sarà un bando di gara per una vera raccolta differenziata. Con l'aiuto e la collaborazione di tutti i cittadini dovrà portare al traguardo 'rifiuti zero'. L'assessore comunale Tina Luciano spiega a Sudcritica come accadrà.

Riprese e post produzione di Alberto Covella

Per discutere con il Movimento Italia Giusta secondo la Costituzione, questi gli indirizzi:
sede: via X marzo 88 - 70026 MODUGNO
posta elettronica: [email protected]
[email protected]
rivista: www.sudcritica.it

=DISCUSSIONI=

Larroganza

della Rai

In nessun altro

Paese europeo

si assiste al pagamento

di un canone obbligatorio

a fronte di una pubblicità

invadente e accentratrice

di  Pippo De Liso

_______________

[ Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

Il documento

alternativo

"Il sindacato

è un'altra cosa"

per il XVII Congresso

della Cgil

 

di  Pippo De Liso

__________________

[ Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

Una sinistra

nata piccolo-borghese

 

di  Franco Schettini

__________________

a mio avviso il nostro “marxismo” altro non è stato che riformismo piccolo borghese, nemmeno socialdemocratico

Il 15 giugno del 1975 Pasolini scriveva, dopo le effimere vittorie delle sinistre, che “l’Italia è nel suo insieme ormai un Paese spoliticizzato, un corpo morto i cui riflessi non sono che meccanici. L’Italia cioè non sta vivendo altro che un processo di adattamento alla propria degradazione”.

[ Leggi tutto]

Contro la violenza sulle donne

MAGRONE, PALMINA E LE SUE PAROLE HANNO CAMBIATO LA MIA VITA
Casacalenda, 16 novembre 2013 - intervista di Maurizio Cavaliere. Magrone ricorda il giorno in cui palmina martinelli gli parlò in punto di morte, rivelandogli i nomi dei suoi aguzzini. La 14enne di fasano morì data alle fiamme nel novembre 1981, si era rifiutata di prostituirsi.

=LA VIOLENZA ESIBITA=

di Francesca Di Ciaula

____________________

violenza2 [ Leggi tutto]  

DON TONINO BELLO - LA COSCIENZA E IL POTERE

IL POTERE, LA LEGGE, LA COSCIENZA
Don Tonino Bello ricordato dal sindaco di Modugno, Nicola Magrone, a Mola di Bari, il 16 ottobre 2013, con l'assessore regionale Guglielmo Minervini e don Gianni De Robertis.La speranza nel patto tra deboli, se non per rovesciare il potere almeno per attenuarne l'abuso. Tornare alle origini di don Tonino Bello è tornare alle origini del nostro popolo, cioè la Costituzione. Secondo il sindaco di Modugno, oggi la costituzione non deve essere modificata.

cronache dall'interno

=IL SINDACO DI MODUGNO NICOLA MAGRONE E LA SUA GIUNTA INCONTRANO I CITTADINI=
26 settembre 2013 - Filmato integrale dell'incontroPer la prima volta nella vita amministrativa di Modugno, l’amministrazione parla con i cittadini in un incontro pubblico.

Riprese e post produzione di Alberto Covella

Per discutere con il Movimento Italia Giusta secondo la Costituzione, questi gli indirizzi:
sede: via X marzo 88 - 70026 MODUGNO
posta elettronica: [email protected]
[email protected]
rivista: www.sudcritica.it

Newsletter

Grazie per esserti iscritto alla newsletter di Sudcritica. Stay tuned :)
Banner

Contattaci

Da (email)
Oggetto
Inserire questo testokuttydde
 No SPAM
   
 

Chi è online

 14 visitatori online