Home Cronaca =MODUGNO. IL COMUNE DICE NO A BIOCHEMTEX=
=MODUGNO. IL COMUNE DICE NO A BIOCHEMTEX= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Domenica 25 Ottobre 2015 06:55

 

CRESCENTINO

 

PERCHELA BIOCHEMTEX

 

NON DEVE INSEDIARSI A MODUGNO

le Osservazioni del Comune in sede di conferenza dei servizi
per la sottoposizione ad Aia del progetto

 

1.       Con istanza del 21.12.2011, la Società CHEMTEX Italia S.p.A. ha presentato istanza di accesso al programma di investimento, di cui all’avviso approvato dalla Giunta regionale pugliese con delibera n. 2153 del 14.11.2008.

         In particolare, con la suddetta istanza è stato presentato il “progetto definitivo per euro 51.328.249,13 di cui euro 43.072.152,13 riguardanti investimenti in attivi materiali ed euro 8.256.097,00 riguardanti investimento in ricerca e sviluppo”.

2.       Con deliberazione di G.r. (Giunta Regionale, ndr) n. 2263 del 13.11.2012, pubblicata sul BURP n. 171 del 28.11.2012, “sulla base delle risultanze della fase istruttoria svolta dalla Società Puglia Sviluppo S.p.A”, è stata approvata la proposta di progetto definitivo “come di seguito specificato”: ”CHEMTEX ITALIA S.p.A.: programma di investimento in Attivi materiali da realizzarsi negli anni 2013-2014, per un importo complessivo ammissibile di Euro 37.678.441,91 comportante un onere a carico della finanza pubblica di euro 10.470.000,00 ed un programma di investimento in Ricerca e Sviluppo da realizzarsi negli anni 2012-2014, per un importo complessivo ammissibile di Euro 7.106.070,00 comportante un onere a carico della finanza pubblica di Euro 2.775.914,63 e con la previsione di realizzare nell’esercizio a regime un incremento occupazionale non inferiore a 51 unità lavorative (ULA).

3.       Ora, dalla disamina della “relazione finale di ammissibilità del progetto definitivo per il Contratto di programma proposto” predisposta da Puglia Sviluppo ed allegata alla suindicata deliberazione di G.r., si evince che il programma proposto dalla CHEMTEX S.p.A. riguardava “investimenti per attivi materiali” e “investimenti per ricerca industriale e sviluppo”, con la previsione di realizzare una “unità produttiva” nel Comune di Modugno e l’assunzione di personale con un range di incremento da “49 (fase di accesso) a 51 unità (progetto definitivo)”.

         In particolare, ivi si afferma, tra l’altro, che:

-      “ il programma di investimenti proposto – denominato Progetto MOGHI - intende validare su scala industriale la tecnologia di conversione della lignina in un prodotto denominato refermote composto principalmente da BTX”;

-      “L’intervento prevede la realizzazione di una nuova attività produttiva nel Comune di Modugno – Via Fabrizio de Andrè n. 18 (ex c.da Fondo Cornole 117/E) rappresentata dai seguenti investimenti: Attivi materiali: realizzazione di un impianto dimostrativo su scala industriale per la produzione di 1.000 ton/anno di BTX a partire da lignina; Ricerca e sviluppo: attività finalizzate all’ottimizzazione della tecnologia di conversione di lignina a BTX sia dal punto di vista tecnico, sia a livello economico e ambientale (miglioramento delle condizioni di processo)”;

-      al riguardo si precisa che il progetto di ricerca e sviluppo “sarà svolto presso le strutture di laboratorio (chimico e di analisi) che comunque serviranno principalmente l’area di produzione”;

-      l’iniziativa della Chemtex Italia S.p.A., coerentemente con quanto definito in fase di accesso prevede investimenti inquadrabili nei seguenti codici ATECO 2007: C 20.16.0 “Fabbricazione di materie plastiche in forme primarie”; M 72.19.09 “ricerca e sviluppo sperimentale nel campo delle scienze naturali e nell’ingegneria”;

-      il progetto prevede la realizzazione di un “impianto dimostrativo industriale per la produzione di 1.000 ton/anno di reformate da lignina”, la cui “capacità produttiva” è indicata specificamente nella tabella redatta dalla Chemtex s.p.A. e riportata a pag. 38495 del BURP: in calce a tale tabella si precisa che “la comprensione delle stime elaborate in termini di capacità produttiva di composti aromatii ed alifatici, non può prescindere dalla circostanza che l’impianto dimostrativo di Modugno rappresenti il risultato dello scale up del processo di conversione della lignina attualmente impiegato presso il Centro R&D di Sharon center (Ohio/US) dove, l’unità pilota attiva, è in grado di processare 2,4 Kg/h di lignina (circa 19,2 ton/anno) e di produrre 0,7 Kg/h (…)”. In definitiva l’impianto a realizzarsi a Modugno altro non è che l’applicazione su scala industriale di un processo già ricercato e sperimentato altrove;

-      il progetto “MOGHI”, ossia quello proposto dalla CHEMTEX S.p.A., si sostanzia “nella creazione di una nuova unità produttiva”.

4.       In conclusione, dalla relazione istruttoria predisposta da Puglia Sviluppo si evince che la CHEMTEX ha chiesto l’ammissione ai programmi di “aiuto” regionali, previsti dal reg. reg. n. 9/2008, per l’investimento volto alla realizzazione di un impianto produttivo basato sull’utilizzo di una tecnologia innovativa sperimentata e sviluppata presso altro impianto-pilota esistente negli USA e frutto della ricerca già avviata in impianti in proprietà della stessa proponente, e un minimo aiuto per le attività di ricerca e sviluppo da svolgersi all’interno del laboratorio da realizzarsi sempre nell’indicato impianto industriale comunque a “servizio” dell’area di produzione, attività di ricerca, in ogni caso, svolta non già per la “sperimentazione” di una nuova tecnologia, ma per l’ “ottimizzazione” (come sopra precisato) della tecnologia già sperimentata altrove di conversione della lignina in BTX.

5.  Che il progetto di investimento consista nella realizzazione di un impianto industriale di produzione, lo si evince sia dall’entità della misura di “aiuto” richiesto dalla proponente con riferimento ai c.d. “attivi materiali”, superiore di circa 6 volte quello richiesto per l’attività di ricerca e sviluppo, sia dall’aiuto concesso dalla stessa Regione con la citata deliberazione di G.r. n. 2263/2012, pari ad € 37.678.441,91 per l’investimento in attivi materiali e “appena” € 7.106.070,00 per l’investimento in ricerca e sviluppo.

6.  Del resto, non può certo trascurarsi che il programma di investimento, inerente al progetto industriale presentato dalla CHEMTEX S.p.A., rientra – e in quanto tale è stato preso in considerazione dalla Regione Puglia e di poi da quest’ultima ritenuto “ammissibile” - tra quelli disciplinati dal Titolo VI del reg. reg. n. 9/2008, afferente agli “aiuti di programmi di investimento promossi da Grandi Imprese da concedere attraverso Contratti di programmi regionali”.

   Ora, se ai sensi dell’art. 48, co. 3, del citato Titolo VI, reg. reg. n.9/2008, “per progetto industriale si intende un’iniziativa imprenditoriale finalizzata alla produzione di beni e/o servizi per la cui realizzazione sono necessari uno o più investimenti produttivi”, il successivo art. 49 precisa al comma 2° che “possono essere agevolati i programmi di investimento volti: a. alla realizzazione di nuove attività produttive; b. all’ampliamento di unità produttive esistenti; c. alla diversificazione della produzione di un’unità produttiva in nuovi prodotti aggiuntivi; d. ad un cambiamento fondamentale del processo di produzione complessivo di un’unità produttiva esistente”.

     Il citato articolo, in definitiva, non contempla tra gli investimenti proposti dalle Grandi Imprese, suscettibili di essere ammessi a finanziamenti regionali, quelli inerenti alle attività di ricerca e sviluppo.

     Ne discende, dunque, che il programma di investimenti della CHEMTEX S.p.A., così come presentato ed ammesso dalla Regione Puglia con la succitata deliberazione giuntale, non può che essere un progetto industriale volto alla realizzazione di una nuova attività produttiva: qualsiasi altra tipologia di attività (ad. es. soltanto ricerca, sviluppo e sperimentazione) non rientra tra quelle ammissibili ai sensi della normativa regolamentare succitata.

     Ma, del resto, siffatta qualificazione del progetto presentato dalla CHEMTEX S.p.A. risulta chiaramente sia dalla relazione istruttoria predisposta da Puglia Sviluppo, sia dalla misura delle agevolazioni concesse ex art. 42 e ss. reg. reg. n. 9/2008 per l’appunto afferente in misura cospicua gli investimenti in “attivi materiali”.

7.       Nell’ambito dell’istruttoria del programma di investimento “CHEMTEX”, espletata da Puglia Sviluppo, con nota del 18.10.2012, prot. n. AOO – 089 – 0008502, è altresì intervenuta l’ “Autorità ambientale regionale – assessorato all’Ecologia – Area politiche per la riqualificazione, la tutela e la sicurezza ambientale e per l’attuazione di opere pubbliche” che ha reso “le risultanze della valutazione effettuata sulla sostenibilità ambientale relativamente alla proposta di intervento presentata da Chemtex S.p.A.”.

     In particolare, con la suindicata nota, l’Autorità ambientale della Regione Puglia ha sì espresso parere favorevole “in merito alla sostenibilità ambientale dell’iniziativa presentata”, ma di fatto subordinandolo al rispetto dell’adempimento di alcune prescrizioni.

8.       Prima di individuare nel dettaglio le singole prescrizioni dettate dalla citata Autorità, occorre però evidenziare che l’istruttoria da questa compiuta è gravemente viziata in nuce, giacchè essa si fonda sull’asserita – ma nient’affatto motivata - “coerenza” della proposta industriale “con la destinazione dell’area interessata (Modugno (BA) – via F. Andrè n. 18 – c.da Forno Cornola n. 117/E)”. Or, al di là del fatto che l’indicata Autorità non ha alcuna specifica competenza in merito alla valutazione sotto il profilo urbanistico del progetto in questione, spettando quest’ultima esclusivamente al Comune interessato, ossia, nel caso di specie, al Comune di Modugno, mai interpellato sul punto, giova evidenziare che, come risulta dal parere reso dall’Ufficio Assetto del Territorio del Comune di Modugno e prodotto in senso alla Conferenza di servizi indetta dalla Regione Puglia, l’indicato progetto è del tutto incompatibile, sotto il profilo urbanistico, con la destinazione impressa dal PRG all’area ove dovrebbe essere realizzato, oltre che contrastante con i vincoli insistenti su tale area.

     A ben vedere siffatta circostanza è di assoluta rilevanza, oltre che di per sé sola sufficiente, non solo a non consentire la realizzazione del progetto industriale così come proposto dalla CHEMTEX S.p.a. nell’area individuata nel territorio di Modugno, ma soprattutto ad invalidare la relazione di sostenibilità ambientale resa dalla suddetta Autorità regionale nell’ambito dell’istruttoria espletata da Puglia sviluppo, oltre che l’istruttoria condotta da Puglia Sviluppo che essa recepisce, sotto il profilo della sostenibilità dell’intervento, e, infine, la deliberazione di G.r. n. 2263 del 13.11.2012 di ammissione ai finanziamenti regionali di che trattasi, essendo quest’ultima basata proprio sulle indicate relazioni istruttorie.

     In definitiva, il Contratto di Sviluppo sottoscritto tra Chemtex S.p.A. e Puglia Sviluppo non avrebbe dovuto essere stipulato.

     Siffatta circostanza dovrà essere contestata alla Regione Puglia e a Puglia Sviluppo per l’adozione dei provvedimenti di competenza.

9.       A tale rilevante erroneità si aggiunge anche quella relativa ad un difetto di “percezione” dell’Autorità regionale in merito al progetto di ricerca industriale “CHEMTEX”, avendo essa definito quest’ultimo “la validazione di una tecnologia con potenziali sperimentazioni in ambiti di interesse regionale (possibilità di utilizzare diverse tipologie di biomasse e nello specifico biomasse rivenienti da stralci di potatura o comunque dalla gestione di biomassa residua nel territorio pugliese; integrazione con impianti di produzione di idrogeno, contribuendo al riequilibrio della rete di trasmissione e contrastando la variabilità tipica delle FER)” sebbene nel progetto industriale presentato dalla Chemtex S.p.a. non risulta affatto che esso possa “utilizzare diverse tipologie di biomasse” men che meno “biomasse rivenienti da stralci di potatura o comunque” “gestire biomassa residua nel territorio pugliese; integrazione con impianti di produzione di idrogeno”.

     Ma, a siffatta erronea percezione segue il rilascio del parere favorevole da parte dell’Autorità regionale della “valutazione favorevole” “subordinata all’integrazione nella sperimentazione dell’utilizzo di diverse tipologie di biomasse e, specificamente, biomasse rivenienti da stralci di potatura o comunque dalla gestione di biomassa residua nel territorio pugliese; integrazione con impianti di produzione di idrogeno”: prescrizione, quest’ultima, mai adempiuta dalla CHEMTEX tant’è che essa nei successivi elaborati tecnici dichiara di voler utilizzare solo lignina.

10.       L’Autorità regionale conclude la sua valutazione, resa con la citata nota del 18.10.2012, questa volta correttamente, precisando che, comunque, prima della messa in esercizio dell’intervento oggetto di finanziamento dovrà essere acquisito quanto di seguito indicato: ”in considerazione del fatto che l’attività in oggetto si configura come soggetta ad A.I.A. ai sensi del d.lgs. 152/06 (Allegato VIII punto 4.1.a) dovrà essere acquisita l’Autorizzazione Integrata ambientale”; “autorizzazione di competenza provinciale in ordine allo smaltimento delle acque meteoriche di prima pioggia e di lavaggio aree esterne”.

11.       A distanza di circa due anni la CHEMTEX S.p.A., nelle more divenuta BIOCHEMTEX S.p.A., si è attivata per ottenere l’AIA, presentando la prima istanza nel mese di agosto 2014 alla Provincia, e, all’esito della dichiarazione di incompetenza di quest’ultima, alla Regione Puglia.

     Non risulta agli atti che la BIOCHEMTEX abbia proceduto a pubblicare sui quotidiani l’avviso relativo al procedimento AIA che qui ci occupa.

12.       La Regione Puglia, precisamente l’Ufficio Servizio rischio industriale, dopo aver richiesto, con nota del 29.10.2014, chiarimenti alla BIOCHEMTEX ed aver ricevute nuove relazioni tecniche, addirittura sostitutive delle precedenti, richiede all’Ufficio VIA (v. nota prot. n. 4606 del 19.11.2014) di “esprimere un parere relativamente a 1. applicabilità dell’articolo 23 della legge regionale 18/12 che stabilisce la competenza AIA e VIA della Regione Puglia per progetti finanziati con fondi strutturali; 2. Eventuale assoggettamento della proposta progettuale alla disciplina VIA in funzione delle caratteristiche dimensionali (con particolare riferimento alle quantità di materie prime indicate)”.

13.       Vero è che tale parere non viene reso dall’Ufficio VIA all’Ufficio rischio industriale. Infatti, pervengono soltanto una nota mail della BIOCHEMTEX (mail del 2.3.2015) che richiama una nota di Puglia Sviluppo del 10.2.2015 e la citata valutazione di sostenibilità ambientale resa dall’Autorità ambientale nel 2012, all’evidenza erronea, ma soprattutto ormai datata rispetto alle implementazione che il progetto della BIOCHEMETEX ha subito nel corso degli ultimi anni. A quanto pare soltanto in data 6.5.2015 si esprime l’ufficio ecologia con nota prot. n. 6151.

14.       Sta di fatto che, con nota prot. n. AOO – 169 del 18.5.2015, il Servizio rischio industriale – Ufficio AIA comunica, tra gli altri, al Comune di Modugno l’avvio del procedimento di cui agli artt. 29 ter e 29 quater del d. lgs. n. 152/06.

15.       Viene indetta dalla Regione Puglia la conferenza di servizi nell’ambito del procedimento AIA con contestuale convocazione degli Enti interessati, tra i quali, il Comune di Modugno e invito a rendere osservazioni/pareri.

16.       In data 24.9.2015 il Comune di Modugno ha reso il suo parere negativo sulla scorta delle osservazioni tecnico-scientifiche redatte da consulente all’uopo incaricato e del parere reso dalla Responsabile del Servizio Assetto del territorio afferente l’incompatibilità urbanistica del progetto presentato dalla BIOCHEMTEX, stante il suo contrasto con la destinazione di zona e la insistenza di vincoli sull’area interessata dall’intervento costruttivo: parere negativo al quale integralmente si rinvia e per il cui accoglimento si insiste.

17.       Senonchè, in seno alla Conferenza di Servizi, la Regione Puglia, dopo aver essa stessa non solo avviato il procedimento di AIA, ma addirittura indetto la conferenza di servizi, ha affermato, ma per nulla motivato, che “dalla lettura approfondita, da parte dell’Ufficio AIA, della documentazione a corredo della domanda di AIA, fra cui l’istanza, la relazione tecnica, nonchè la scheda di valutazione Contratti di Programmi (allegata alla nota dell’Autorità Ambientale prot. n. 8502 del 18/10/12 – ossia quella sopra citata, n.d.r.) l’installazione in esame sarebbe definibile per la ricerca, lo sviluppo e la sperimentazione di nuovi processiper la quale ai sensi dell’allegato VIII alla parte seconda del d.lgs. 152/2006 e smi non vi è assoggettamento al Titolo III bis concernente l’Autorizzazione integrata ambientale”.

18.       Trattasi, invero, di una affermazione apodittica, sganciata da qualsivoglia specifica motivazione, ma assolutamente erronea per le seguenti ragioni:

19.       L’Allegato VIII alla parte seconda richiamato dalla Regione (ora allegato 5 quater) dispone al punto A che “le installazioni, gli impianti o le parti di impianti utilizzati per la ricerca, lo sviluppo e la sperimentazione di nuovi prodotti e processi non rientrano nel Titolo III bis alla parte II”.

     Or, trattandosi di una “deroga”, ossia di una norma “eccezionale” alla “regola generale” è da interpretare restrittivamente (art. 14 c.d. preleggi): onde la deroga si applica soltanto alle installazioni e agli impianti o alle parti di esso utilizzati per la ricerca e per lo sviluppo e per la sperimentazione di nuovi prodotti e processi.

     A ben vedere come risulta dai documenti sopra evidenziati e, in particolare, dalla relazione istruttoria predisposta da Puglia Sviluppo e dalla delibera di G.r. del 2012 di ammissione ai finanziamenti regionali del progetto industriale CHEMTEX, esso, così come descritto, valutato ed ammesso al Contratto di Sviluppo, è un impianto di produzione (altrimenti, come sopra rilevato, non era neppure ammissibile ai finanziamenti regionali ex reg. reg. n. 9/08); l’attività di ricerca e sviluppo concernerà tutt’al più l’ottimizzazione di una tecnologia già sperimentata altrove, precisamente presso lo Sharon Center sito in Ohio/USA.

E’ la stessa BIOCHEMTEX a dichiarare, seppur nel tentativo di “aggiustare il tiro”, che il progetto industriale presentato si distingue in due progetti:

- il PROGETTO A consistente nella realizzazione di un impianto dimostrativo della tecnologia PROESA con finalità produttive come si evince dalla relazione tecnica olre che dalla scheda allegata alla deliberazione di G.r. Puglia del 2012;

- il PROGETTO B (di entità più modesta) con finalità di “ricerca e sviluppo sperimentale del processo”.

     In definitiva il progetto industriale proposto dalla BIOCHEMTEX non rientra appieno nella deroga prevista dal citato Allegato VIII ora 5 quater, giacchè comunque prevede la realizzazione e l’attivazione di un impianto di produzione e non già di un impianto ove si svolgono esclusivamente ricerca, sviluppo e sperimentazione di nuovi prodotti e processi.

     Si ribadisce un impianto di tal guisa non avrebbe potuto e, comunque, dovuto preso in considerazione nell’ambito del programma di aiuti regionali di cui al reg. n. 9/2008.

     Del pari non può trascurarsi che con la scheda di sostenibilità ambientale del 18.10.2012, per giunta richiamata dalla Regione in seno alla Conferenza di Servizi, l’Autorità ambientale regionale ha imposto “prima della messa in esercizio dell’intervento oggetto di finanziamento” l’acquisizione dell’AIA: si tratta, dunque, di una prescrizione divenuta ormai infungibile, tant’è che la stessa BIOCHEMTEX, senza nulla eccepire al riguardo, nell’evidente consapevolezza della correttezza di siffatta prescrizione, ha chiesto l’avvio del procedimento AIA.

20.       A ciò aggiungasi che, sia per la tipologia dell’attività e della tecnologia che la BIOCHEMTEX intende avviare nell’ambito del suindicato progetto industriale sia per l’assenza nell’ordinamento giuridico vigente di una definizione di impianto “di ricerca, sviluppo e sperimentazione”, occorre necessariamente far riferimento alla norma di cui all’art. 211 del d.lgs. n.152/2006, che individua gli impianti di ricerca e sperimentazione alle seguenti condizioni “a) le attività di gestione degli impianti non comportino utile economico;

b) gli impianti abbiano una potenzialità non superiore a 5 tonnellate al giorno, salvo deroghe giustificate dall'esigenza di effettuare prove di impianti caratterizzati da innovazioni, che devono però essere limitate alla durata di tali prove”. Trattasi, con particolare riferimento a quest’ultima precisazione, di condizioni non rispettate dal progetto de quo, che prevede una potenzialità giornaliera, continua nel tempo, di gran lunga superiore a quella prevista dalla norma suindicata.

*****

Rebus sic stantibus, il Comune di Modugno, nel rinviare a tutto quanto già dedotto e concluso con il parere negativo reso il 24.9.2015, al quale integralmente si riporta, alla luce di quanto sopra evidenziato, precisa quanto segue:

-     in via preliminare, il progetto CHEMTEX non doveva essere neppure ammesso ai finanziamenti regionali, giacchè, contrastante sia con la destinazione di zona impressa dal PRG vigente nel Comune di Modugno all’area sulla quale tale progetto dovrebbe essere realizzato sia con i vincoli urbanistici su tale area insistenti;

-      il progetto CHEMTEX per tali ragioni non è assentibile anche nell’ambito della valutazione ambientale dello stesso;

-      si tratta di un progetto rientrante tra quelli per i quali il Codice dell’Ambiente prevede la VIA o l’AIA;

-      la Regione Puglia, previa specificazione delle motivazioni fattuali e giuridiche che l’hanno indotta ad escludere l’assoggettabilità a VIA per tale progetto, è tenuta ad istruire il procedimento AIA già avviato ed a concluderlo con un provvedimento espresso, stante quantomeno la pacifica assoggettabilità ad Autorizzazione integrata ambientale dell’indicato programma.

[Il testo delle Osservazioni è dell'Assessore all'assetto del territorio avv. Francesca Benedetto con la collaborazione dell'Assessore all'Ambiente Tina Luciano. E' stato depositato alla Conferenza dei servizi dal Sindaco Nicola Magrone e dal Responsabile dell'Ufficio Ambiente Maria Magrone]

 

 

 

 


 

Ultimo aggiornamento Domenica 25 Ottobre 2015 18:30
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sudcritica Flash

==MARIO MARANGI, PER L'EXTRAVERGINE DI PUGLIA 'CREARE RETE' TRA I PRODUTTORI=Le ‪‎difficoltà‬ ma anche le grandi ‪opportunità‬ dei ‪‎produttori‬ ‪‎oleari‬ che puntano all'‪‎innovazione‬ e alla ‪‎qualità‬, in ‪Puglia‬ come a Modugno‬.
‪‎Investire‬ nell'‪olivicoltura‬ significa anche ‪valorizzare‬ il ‪territorio‬ e il tessuto‬ ‪sociale‬.
Ecco le ‪sfide‬ che affrontiamo noi ‪giovani‬ ‪‎imprenditori‬ ‎agricoli‬.
[v.in Sudcritica Modugno]

Sudcritica Flash

=IL COMUNE DI MODUGNO ABBATTE IL 'MURO'. LO ACQUISTO' COME OPERA D'ARTE, LO DISTRUGGE COME BAGNO FATISCENTE=
di Francesca Di Ciaula.Il 2 febbraio scorso, in piazza Romita Vescovo, un tempo adibita a mercato del pesce, sono iniziati i lavori di demolizione della parete adiacente ai bagni pubblici.
La motivazione è presto detta: sicurezza e salvaguardia della pubblica incolumità, fatiscenza delle strutture. Il tutto per una spesa di 35 000,00 €.
La parete ricoperta di marmo nero, fu costruita a ridosso della chiesa seicentesca delle Monacelle in pieno centro storico, per nascondere un bagno pubblico, alla vista di chi sostava nella piazzetta. Una visione dai contrasti indicibili. Un monolite scuro e dietro la parete chiara dell'antica chiesetta. L'antico e il nuovo, maldestro tentativo di dare dignità al piastrellato che ha invaso il paese, eppure opera pubblica. La modernità imposta per capriccio o arbitrio, il marmo contro la pietra povera antica. Oggi ulteriore denaro pubblico è stato impiegato per distruggere quel manufatto a nessuno mai piaciuto per la sua manifesta volgarità.

[v.leggi tutto in Sudcritica Modugno]

Sudcritica Flash

=ITALIA GIUSTA, IL COMUNE DI MODUGNO BLOCCHI LO 'SFRATTO' DELL’ISTITUTO DEL NASTRO AZZURRO=
di Tina Luciano.

Il movimento Italia Giusta secondo la Costituzione sollecita il Commissario prefettizio a Modugno perché blocchi lo ‘sfratto’ dell’Istituto Nastro Azzurro fino a quando sarà pronta la nuova sede ad esso destinata, in locali comunali che oggi ospitano i Servizi sociali.Il Museo e le Associazioni combattentistiche raccolte nell’Istituto custodiscono oggi le poche tracce esistenti di una memoria collettiva di Modugno, perse le quali va definitivamente in frantumi l’identità dell’intera città.
Un luogo della memoria va protetto e tutelato: insistere nel volerlo ‘sfrattare’ ha il sapore iconoclasta della provocazione, del voler far apparire come insensibile al bene pubblico una pubblica amministrazione che deve invece avere a cuore unicamente le esigenze sociali.

[v.anche in Sudcritica Modugno]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=CONSUMO DI SUOLO E COMUNITA' SENZA IDENTITA'. INCONTRO CON GIUSEPPE MILANO=
Il 23 gennaio 2015. Sono intervenuti Pasquale De Santis e Nicola Magrone."Contro il mostruoso consumo di suolo in tutta Italia, serve una mobilitazione dei cittadini, una coscientizzazione che ci faccia capire che la cementificazione costante ha un forte impatto sociale, significa alienazione, perdita di coesione della comunità, significa che non esiste più un'identità delle nostre città. Sentiamo spesso dire che si vuole 'costruire il futuro': ma lo si dice a vuoto, mentre si perpetuano questi atteggiamenti di noncuranza e di malapolitica. Costruire il futuro significa cominciare a far le cose per bene ogni giorno nelle nostre città. Quel che è successo a Modugno lo sapete voi, non ho titolo per parlarne ma parlano i fatti. Basta col dire che edilizia e urbanistica vanno visti come motore dello sviluppo, se poi sappiamo che servono per creare solo lo sviluppo di pochi... basta!"

Riprese video di A.Covella per Italia Giusta/Sudcritica

[v.anche in Sudcritica Modugno]

=DISCUSSIONI=

=SOVRANITA' NAZIONALE
MONETARIA
E DEBITO PUBBLICO=

Serafino Pulcini/
Mino Magrone

Monete-antiche-riportate-alla-luce-in-uno-scavo-archeologico


_________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=PROTEZIONE CIVILE, INCONTRO CON GIUSEPPE DI CIAULA=
Il 9 gennaio 2015. Coordinamento, formazione, esercitazioni, sicurezza sono i cardini di una buona protezione civile.Fondamentale un piano dettagliato di intervento, con volontari professionali i quali - quando dovessero verificarsi emergenze - sanno che fare ma non usurpano i compiti dei professionisti. Partecipano il presidente di Italia Giusta secondo la Costituzione, Pasquale De Santis, e Francesca Di Ciaula, della segreteria del movimento.
Riprese video di A.Covella per Italia Giusta/Sudcritica

[v.anche in Sudcritica Modugno]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=PROTEZIONE CIVILE, INCONTRO CON WILLIAM FORMICOLA=
Il 12 dicembre 2014, su ''Stato di salute del territorio italiano e ruolo della protezione civile''.Al centro dell'intervento, le azioni che gli amministratori devono compiere per prevenire, e per intervenire nel verificarsi di emergenze; gli effetti della mano dell'uomo sull'aggravamento dei rischi, i pericoli legati al consumo del territorio e al costruire senza regole. E' intervenuto il presidente di Italia Giusta, Pasquale De Santis.
Riprese video di A.Covella per Italia Giusta/Sudcritica

[in Sudcritica Modugno]

=POLITICA E CONSENSO=

=LA POLITICA
DELLE LOCUSTE=

locuste-madagascar


se si vuole tentare
un recupero
delle regole
che tutelino tutti,

bisognerà scontentare
i gruppetti di interesse
che si concentrano come locuste
intorno al patrimonio pubblico

di  Tina Luciano
__________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=CULTURA, SCUOLA E
TERRITORIO E LA 'NUOVA'
FIERA DEL CROCIFISSO
A MODUGNO=

seminario IG di ciaula longo lobaccaro

Per i Seminari di Italia Giusta
secondo la Costituzione,
incontro - il 21 novembre 2014 -
col musicista dei Radiodervish
Michele Lobaccaro
e con Francesca Di Ciaula
e Valentina Longo.
Su politiche culturali a
Modugno, sul successo
della 'nuova' Fiera
del
Crocifisso inaugurata
con l'amministrazione
Magrone
e sull'importanza
delle relazioni
tra scuola e territorio.

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=ECONOMIA E UE.
CI VORREBBE KEYNES
MA E' TROPPO
DI SINISTRA=

keynes-main-photo


Ilquadro
macroeconomico

dell’Europa
dovrebbe suggerire
la ripresa di politiche economiche
poggiate sulle argomentazioni
della cosiddetta sintesi postkeynesiana.
Invece, ciò è ancora molto lontano
dall’essere preso in considerazione
dalle istituzioni europee

di  Mino Magrone

____________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=LE SCELTE FISCALI DELLA GIUNTA MAGRONE PER PROTEGGERE I CETI MENO ABBIENTI=
Incontro con Dino Banchino.

Per i seminari di Italia Giusta secondo la Costituzione, incontro con l'assessore al Bilancio dell'amministrazione comunale di Modugno guidata da Nicola Magrone.Banchino ha parlato delle scelte fiscali fatte dalla giunta, tutte improntate all'art.53 della Costituzione italiana, per il quale il sistema tributario nel nostro Paese "è informato a criteri di progressività”.
Per questo, per il 2014 a Modugno non si è pagata la TASI, preferendo scaricare il peso maggiore della contribuzione dei cittadini sull'Irpef. Sono intervenuti Pasquale De Santis, presidente di Italia Giusta secondo la Costituzione, e Nicola Magrone.

[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=MODUGNO, LA GIUNTA MAGRONE E L'AIUTO AI PIU' DEBOLI=
Incontro con Rosa Scardigno

Per i seminari di Italia Giusta secondo la Costituzione, incontro con l'assessore ai servizi sociali dell'amministrazione comunale di Modugno guidata da Nicola Magrone.Al centro dell'intervento dell'assessore, gli sforzi per ricostituire servizi disastrati (Ufficio di Piano, in primis), le necessità cui assolvere senza arbitrio, la descrizione di un lavoro interrotto a poco più di un anno dall'insediamento, quando avrebbe potuto dare aiuti più congrui.

[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

=DISCUSSIONI=

=MODUGNO.
CON ITALIA GIUSTA
PER ROMPERE
L'AGGLOMERATO
DI POTERE=

logo italia giusta internet


Da queste parti
smuovere la stagnazione
di poteri è stato
un azzardo
ed una scelta
 coraggiosa.
E tuttavia la dimostrazione
che un movimento possa spezzare

un meccanismo consolidato
c'è stata.
[...] Che si possano tentare
scelte politiche limpide e nette,
l'esperienza amministrativa
modugnese ce lo insegna

di  Francesca Di Ciaula
____________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=MODUGNO, LA NUOVA FIERA DEL CROCIFISSO=
Incontro con Tina Luciano -
"Queste sono le ragioni e le modalità della nuova configurazione della Fiera del Crocifisso......da un lato riannodare i fili con il centro della città, dall’altro garantire la sicurezza in un sito che, oltre ad essere isolato non garantiva nemmeno l’incolumità dei visitatori".

[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

=I LUOGHI=

=BORGO TACCONE.
STORIA PICCOLA
DEL SUD=

taccone7


Borgo Taccone
è questo luogo
dell'assenza,
una storia mancata
di insediamenti rurali.
Eppure non riesci
ad individuare la parola fine
a questa storia.
Il borgo intero sembra piuttosto
un racconto interrotto.

di  Francesca Di Ciaula
______________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=IL MATTONE DI CALVINO.
60 ANNI DOPO=

Credits-LaPresse h partb


“Un sovrapporsi
geometrico di parallelepipedi
e poliedri, spigoli e lati di case,
di qua e di là, tetti, finestre,
muri ciechi per servitù contigue
con solo i finestrini smerigliati
dei gabinetti uno sopra l’altro”.

di  Nicola Sacco
______________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=CRISI. PER SALVARE
L'EUROPA BASTEREBBE
SVEGLIARE IL GIGANTE=

images


Una modesta
frazione

di questo gigante finanziario
narcotizzato e costretto
a stare improduttivo può,
purché l’Europa e la Germania
lo vogliano, finanziare opere
e interventi comuni di sviluppo
e crescita dell’occupazione
di lavoratori in Italia ed in Europa

di  Mino Magrone
______________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=MODUGNO.
LA DIGNITA' POSSIBILE=

francesca4


Questo, il sindaco
di Modugno,
Nicola Magrone,
ha insegnato nel primo anno
di amministrazione a chi
ha voluto comprendere:
a essere chiari,
a pronunciare il nome delle cose
senza timore, pubblicamente,
non in cenacoli all’ombra
di qualche interesse
che non fosse quello
di tutti i cittadini.

di  Francesca Di Ciaula

____________________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=TAMARO, IL GRANDE NEMICO
E' IL NIENTE. O LO E'
PIUTTOSTO IL NICHILISMO?=

rotoletti010


L'angoscia e il disagio
non sono soltanto
sentimenti dei giovani,
sono invece
di noi tutti
in quanto mortali
destinati a finire,
al niente

di  Mino Magrone

_______________

[Leggi tutto]

Sudcritica Modugno

=GUASTO A PASSAGGIO A LIVELLO MODUGNO. IL SINDACO, SITUAZIONE ASSURDA CHE SI RIPETE= 5 aprile 2014 - Dice Nicola Magrone: "Prendero' le opportune iniziative per l'attuazione puntuale di intese precise sui compiti i di Fal e Rete Ferroviaria Italiana. Quello che serve e' scongiurare ulteriori situazioni di grave pericolo".[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

=DISCUSSIONI=

=“La grande bellezza”?=

la grande bellezza


Finché continua
l’umana avventura
in questa valle,
ci sarà scienza, arte,
religione
e l’apocalisse del pensiero
lasciamola ai meno dotati.
Non ci riguarda.

di  Pippo De Liso

_______________

[Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=JOBS ACT, LAVORO

SENZA DIRITTI

E SENZA DIFESE=

CGIL crisi

 
l’Europa solidifica
interessi preminenti
anche sottraendo
ai Paesi
a sovranità nazionale
le tradizioni politiche
e i documenti storici d’identità.
L’Italia è in prima fila con la cessione
della Costituzione e la fiammata
di follia collettiva del cambiamento
a tutti i costi, soprattutto in peggio

di  Pippo De Liso

_______________

[ Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=Per far ripartire l'Italia

non serve stravolgere

la Costituzione=

costituzione

Proposta, da parte di un attivista

di Italia Giusta, di una piccola

guida pratica, aperta a suggerimenti,

per orientarsi tra i temi

di stretta attualità politica

di  Nicola Sacco

_______________

[ Leggi tutto]

Sudcritica Modugno

=RACCOLTA DIFFERENZIATA A MODUGNO, SUDCRITICA INTERVISTA L'ASSESSORE = 17 marzo 2014 - Puoi seguire l'intervista anche alla pagina di Sudcritica Modugno.Tra breve, finalmente, anche a Modugno (e per l'intero Aro del quale Modugno è capofila) ci sarà un bando di gara per una vera raccolta differenziata. Con l'aiuto e la collaborazione di tutti i cittadini dovrà portare al traguardo 'rifiuti zero'. L'assessore comunale Tina Luciano spiega a Sudcritica come accadrà.

Riprese e post produzione di Alberto Covella

Per discutere con il Movimento Italia Giusta secondo la Costituzione, questi gli indirizzi:
sede: via X marzo 88 - 70026 MODUGNO
posta elettronica: [email protected]
[email protected]
rivista: www.sudcritica.it

=DISCUSSIONI=

Larroganza

della Rai

In nessun altro

Paese europeo

si assiste al pagamento

di un canone obbligatorio

a fronte di una pubblicità

invadente e accentratrice

di  Pippo De Liso

_______________

[ Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

Il documento

alternativo

"Il sindacato

è un'altra cosa"

per il XVII Congresso

della Cgil

 

di  Pippo De Liso

__________________

[ Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

Una sinistra

nata piccolo-borghese

 

di  Franco Schettini

__________________

a mio avviso il nostro “marxismo” altro non è stato che riformismo piccolo borghese, nemmeno socialdemocratico

Il 15 giugno del 1975 Pasolini scriveva, dopo le effimere vittorie delle sinistre, che “l’Italia è nel suo insieme ormai un Paese spoliticizzato, un corpo morto i cui riflessi non sono che meccanici. L’Italia cioè non sta vivendo altro che un processo di adattamento alla propria degradazione”.

[ Leggi tutto]

Contro la violenza sulle donne

MAGRONE, PALMINA E LE SUE PAROLE HANNO CAMBIATO LA MIA VITA
Casacalenda, 16 novembre 2013 - intervista di Maurizio Cavaliere. Magrone ricorda il giorno in cui palmina martinelli gli parlò in punto di morte, rivelandogli i nomi dei suoi aguzzini. La 14enne di fasano morì data alle fiamme nel novembre 1981, si era rifiutata di prostituirsi.

=LA VIOLENZA ESIBITA=

di Francesca Di Ciaula

____________________

violenza2 [ Leggi tutto]  

DON TONINO BELLO - LA COSCIENZA E IL POTERE

IL POTERE, LA LEGGE, LA COSCIENZA
Don Tonino Bello ricordato dal sindaco di Modugno, Nicola Magrone, a Mola di Bari, il 16 ottobre 2013, con l'assessore regionale Guglielmo Minervini e don Gianni De Robertis.La speranza nel patto tra deboli, se non per rovesciare il potere almeno per attenuarne l'abuso. Tornare alle origini di don Tonino Bello è tornare alle origini del nostro popolo, cioè la Costituzione. Secondo il sindaco di Modugno, oggi la costituzione non deve essere modificata.

cronache dall'interno

=IL SINDACO DI MODUGNO NICOLA MAGRONE E LA SUA GIUNTA INCONTRANO I CITTADINI=
26 settembre 2013 - Filmato integrale dell'incontroPer la prima volta nella vita amministrativa di Modugno, l’amministrazione parla con i cittadini in un incontro pubblico.

Riprese e post produzione di Alberto Covella

Per discutere con il Movimento Italia Giusta secondo la Costituzione, questi gli indirizzi:
sede: via X marzo 88 - 70026 MODUGNO
posta elettronica: [email protected]
[email protected]
rivista: www.sudcritica.it

Newsletter

Grazie per esserti iscritto alla newsletter di Sudcritica. Stay tuned :)
Banner

Contattaci

Da (email)
Oggetto
Inserire questo testoiynfmmft
 No SPAM