Home Cronaca =LA CEMENTERIA DEI RIMORSI E DEI MORTI terza parte - di Nicola Magrone=
=LA CEMENTERIA DEI RIMORSI E DEI MORTI terza parte - di Nicola Magrone= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Venerdì 23 Settembre 2011 14:28

quartiere

si dovrebbe decidere qui, non tra di loro

______________________________

CHE NE FACCIAMO

DELLA STERMINATA AREA DELLA CEMENTERIA?

LA DOMANDA SULLA QUALE SI FANNO LE GIUNTE

E SI PERDONO DIGNITA’ E DIRITTI DEI CITTADINI

 

di Nicola Magrone

________________

Stabilito, dunque (v. la prima e la seconda parte di questa inchiesta), che il problema amianto nell’area della ex cementeria di Modugno non è affatto risolto, a dispetto delle parole reticenti e apparentemente rassicuranti dell’ex sindaco di Modugno delle quali si è detto nella seconda parte di questa inchiesta, va, ancora e indilazionabilmente, stabilito quale sarà la destinazione di quell’area una volta “bonificata compiutamente”.

La questione è decisiva non solo in sé essendo del tutto naturale che ci si ponga il problema del che cosa metterci lì, palazzoni, giardini, fabbriche, campi sportivi o chioschi di gelati. Enzo Romito, consigliere comunale da molti anni e attualmente, e Pino Mele, consigliere comunale fino a maggio scorso, mi hanno riferito che tempo fa circolò un dvd contenente un progetto di realizzazione di ben 2000 vani di abitazioni in quell’area e me ne hanno dato copia; il progetto era stato commissionato dal comune di Modugno al Politecnico di Milano e distribuito ai consiglieri comunali. Ufficialmente non si è saputo più nulla di questo progetto;  non ne conosco nemmeno i costi. Sta di fatto che spinte più o meno sotterranee agiscono, ora più che mai, per l’utilizzazione urbanistica di quell’area, insomma per piazzarvi insediamenti edilizi.

Già questa prospettiva, dunque, dà al problema della destinazione dell’area un significato che può rivelarsi fatale per la vivibilità del paese, già drammaticamente compromessa.

Ma non è solo questo, che pure basterebbe a sollecitare l’attenzione della comunità intera: la destinazione di quell’area incide direttamente sul tipo e sulle modalità della sua bonifica. L’abbiamo già sottolineato, in questa ricerca, con le parole della stessa Italcementi dinanzi al Tar Puglia: “Le procedure di cui al D.m. 471/1999 sono applicabili esclusivamente nell’ipotesi di superamento o di pericolo concreto e attuale dei valori di concentrazione limite accettabili. Tali valori sono specificamente determinati sulla base della destinazione d’uso del sito da bonificare (siti ad uso verde pubblico, privato e residenziale - siti ad uso commerciale ed industriale)”.

Sottolineata, dunque, l’importanza fondamentale (e per l’assetto urbanistico del paese e per la salute pubblica) della destinazione dell’area, bisogna segnalare che, sul punto, hanno parlato, e chiarissimamente, i Giudici del Consiglio di Stato con una decisione depositata in segreteria il 19 giugno 2007.

E’ necessario rivisitare quella decisione e su di essa fondare ogni prospettiva di utilizzazione dell’area.

Vediamola:

 

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N.3300/2007 Reg. Dec. N. 4330 Reg. Ric.

Anno 1999

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la seguente

DECISIONE

sul ricorso in appello n. 4330/1999, proposto

da

Prefabbricati Pascazio & C. s.a.s., Pascazio Angela, Cirone Angela, Trentadue Tommaso, Trentadue Giustina, Lombardedil s.r.l., rappresentati e difesi dagli avv.ti Michele Leone e Giovanni Notaristefano ed elettivamente domiciliati in Roma, Corso Trieste n. 88, presso lo studio dell’avv. Giorgio Recchia;

CONTRO

Comune di Modugno rappresentato e difeso dall’avv. Diego Maulucci ed elettivamente domiciliato in Roma, via L. Mantegazza, 24 (Cav. Luigi Gardin),

E NEI CONFRONTI DI

Regione Puglia, rappresentata e difesa dall’avv. Teresa Sacchetti, elettivamente domiciliata in Roma, Via Sesto Rufo n. 23 (studio Moscarini);

per la riforma

della sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia, Bari, Sez. I, n. 141 del 28 febbraio 1998;

Visto il ricorso con i relativi allegati;

Visti gli atti di costituzione del Comune di Modugno e della Regione Puglia;

Viste le memorie prodotte dalle parti a sostegno delle rispettive difese;

Visti gli atti tutti della causa;

Data per letta, alla pubblica udienza del 13.3.2007 la relazione del Consigliere Bruno Mollica;

Uditi, altresì, l’avv. Merla su delega dell’avv. Notaristefano e l’avv. Colagrande su delega dell’avv. Sacchetti […]

 

Di che cosa si trattava, cosa era accaduto? Lo spiega la decisione del Consiglio di Stato:

 

F A T T O

La Prefabbricati Pascazio e C. S.a.s. e gli altri ricorrenti indicati in epigrafe sono proprietari di aree nel territorio del Comune di Modugno destinate dal previgente programma di fabbricazione a zona agricola e parco urbano; il successivo p.r.g. destinava i suoli, compresi nei comparti edificati A/50, A/51, A/52, A/53, a zona di espansione residenziale privata e/o pubblica.

 

E allora? Di che cosa si dolevano i proprietari dei suoli nell’area cementeria?  Il piano regolatore generale non prevedeva e consentiva già per conto suo l’espansione residenziale privata e/pubblica dell’area?

Il fatto è che dal 1990 la situazione non era più quella delineata dal piano regolatore generale perché:

 

Con deliberazioni consiliari 25.6.1990 n. 44, 26.6.1990 n. 45 e 12.9.1990 n. 81 (di chiarimenti), veniva stabilita la trasformazione a parco urbano senza il beneficio del 20% di edificabilità del suolo dell’ex ferriera e veniva accolta l’osservazione n. 5 con la specificazione “che debbono intendersi eliminati tutti i comparti ivi compreso il n. A/52 ”; “ tale osservazione veniva rigettata dal S.U.R. con relazione n.17/94; con parere n. 30/94 il C.U.R. prendeva peraltro atto dell’accoglimento dell’osservazione da parte del Comune, pur rilevando che le osservazioni dei progettisti “meritano una attenta valutazione da parte dell’Amministrazione comunale … alla luce della possibile dismissione della cementeria.

Con delibera 2.8.1994 n. 5110 la Regione approvava il piano regolatore con modifiche d’ufficio; con delibere 8.3.1995 n. 130 e 3.5.1995 n. 370 la Commissione straordinaria del Comune prendeva atto dell’accoglimento dell’osservazione n.5; con delibera giuntale 21.11.1995 n. 5105 la Regione provvedeva alla definitiva approvazione del piano.

Avverso tale deliberazione gli interessati proponevano ricorso dinanzi al T.A.R. per la Puglia che, con sentenza n. 141 del 28 febbraio 1998, respingeva il gravame, impugnata in questa sede.

Gli appellanti, premessa una dettagliata illustrazione dello stato dei luoghi interessati dalla procedura oggetto di causa, deducono l’erroneità della sentenza di T.A.R. e ne chiedono l’annullamento sulla base delle seguenti censure:

Violazione di legge: artt. 9 e 10 L. 17.8.1942 n. 1150 - art. 16 L. reg. 31.5.1980 n. 56 - norme e principi generali in materia di pianificazione urbanistica e di partecipazione dei privati al procedimento amministrativo.
Eccesso di potere: omessa ed insufficiente considerazione dei presupposti - travisamento dei fatti - difetto di istruttoria - manifesta illogicità ed ingiustizia.
Eccesso di potere: difetto di motivazione anche in riguardo alla pretermissione dell’interesse pubblico - omessa ed insufficiente considerazione dei presupposti - travisamento dei fatti - difetto di istruttoria - manifesta illogicità ed ingiustizia.
Eccesso di potere: contraddittorietà palese - difetto di motivazione - omessa ed insufficiente considerazione dei presupposti - travisamento dei fatti - difetto di istruttoria - manifesta illogicità ed ingiustizia.
Eccesso e sviamento di potere: contraddittorietà palese - difetto di motivazione - omessa ed insufficiente considerazione dei presupposti - travisamento dei fatti - difetto di istruttoria - manifesta illogicità ed ingiustizia.
Eccesso e sviamento di potere: in relazione all’applicazione degli artt. 216 e 217 T.U. 27.7.1934 n. 1265 - contraddittorietà palese - difetto di motivazione - omessa ed insufficiente considerazione dei presupposti - travisamento dei fatti - difetto di istruttoria - manifesta illogicità ed ingiustizia.

In conclusione, sostengono gli appellanti che le argomentazioni del Tribunale amministrativo muovono da un presupposto travisato e, comunque, ove ravvisabile, carente dei requisiti di razionalità, logicità e non contraddittorietà che devono improntare l’esercizio della discrezionalità amministrativa nell’attività di pianificazione urbanistica.

Resistono la Regione Puglia ed il Comune di Modugno.

In memorie difensive depositate in vista dell’udienza di discussione gli appellanti insistono su fatti ulteriori costituiti dalla sopravvenuta inequivoca dismissione della cementeria; la Regione sulla riscontrata diffusa presenza di amianto sulle aree in cui era situata la cementeria,

[si conferma per l’ennesima volta l’opportunistico comportamento dell’amministrazione di Modugno che non obietta nulla alle ultime osservazioni dei ricorrenti; mentre la Regione insiste nelle sue tesi, il comune di Modugno non ha niente da replicare; ndr]

Alla pubblica udienza del 13 marzo 2007 la causa è stata ritenuta in decisione.

A farla breve, Prefabbricati Pascazio & C. s.a.s., Pascazio Angela, Cirone Angela, Trentadue Tommaso, Trentadue Giustina, Lombardedil s.r.l. - ricorrenti (contro la sentenza del Tar del 1998) -  erano proprietari “di aree nel territorio del Comune di Modugno destinate dal previgente programma di fabbricazione a zona agricola e parco urbano”. Essi si dolevano, dunque, del fatto che il successivo p.r.g., che destinava i suoli, compresi nei comparti edificati A/50, A/51, A/52, A/53, a zona di espansione residenziale privata e/o pubblica e che però le deliberazioni consiliari 25.6.1990 n. 44, 26.6.1990 n. 45 e 12.9.1990 n. 81 (di chiarimenti), avevano “stabilito la trasformazione a parco urbano, senza il beneficio del 20% di edificabilità, del suolo dell’ex ferriera”.

I “ricorrenti”, semplicemente e brutalmente, nell’area della cementeria volevano costruire. Punto.

Il Consiglio di Stato dette torto ai “ricorrenti”.

Vediamo qui perché, con le parole del Consiglio di Stato. La vicenda ci servirà a capire perché ancora oggi ci si dimena sulla destinazione di quell’area.

 

“1.- Gli appellanti si dolgono della avvenuta trasformazione della destinazione delle aree di cui sono proprietari, nel territorio del Comune di Modugno, da zona di espansione residenziale privata e/o pubblica a parco urbano (destinazione urbanistica prevista nel previgente p.d.f.) senza il beneficio del 20% di edificabilità del suolo dell’ex ferriera; ciò, per effetto del procedimento indicato nella pregressa esposizione in fatto e dell’accoglimento dell’osservazione n. 5.

2.- Può prescindersi dall’esame della eccezione di carenza d’interesse, essendo il ricorso infondato nel merito (cfr., sulla stessa questione, dec. n. 5931/2006).

3.- Sostengono gli appellanti col primo motivo che, con l’accoglimento dell’osservazione n. 5 - con la quale l’Amministrazione, paventando implicazioni di inquinamento ambientale da parte della esistente cementeria, proponeva di restituire alla zona C inclusa nei comparti A/50, A/51 e A/53 la destinazione agricola a parco urbano (ed estendendo la prescrizione anche al comparto A/52) - si è operato uno stravolgimento in radice delle previsioni dei progettisti (che avevano localizzato nell’area di proprietà degli odierni appellanti la nuova zona omogenea di espansione C4 - edilizia pubblica e privata), stralciando tout court buona parte delle aree da destinare ai nuovi insediamenti residenziali necessari al soddisfacimento delle esigenze rivenienti dalla proiezione di sviluppo demografico, avuto riguardo, anche, alla realizzazione della nuova stazione ferroviaria; con ciò sarebbero integrati i presupposti di una variante sostanziale al piano in itinere, con conseguente necessità di ripubblicazione del piano anche ai fini dell’intervento partecipativo degli interessati.

L’assunto [dei ricorrenti; ndr] non può essere condiviso.

Osserva invero il Collegio, alla stregua di orientamento giurisprudenziale consolidato, e ripercorrendo l’iter argomentativo di cui alla precitata decisione n. 5931/06, che la ripubblicazione del piano è in effetti necessaria (in uno con l’apporto partecipativo degli interessati), laddove, in qualunque momento della procedura che porta alla sua approvazione, si sia determinata una rielaborazione complessiva del piano stesso; per tale deve intendersi, peraltro, un mutamento delle caratteristiche essenziali del piano e dei criteri che alla sua impostazione presiedono (cfr., tra le tante, da ultimo, Sez. IV, 10 agosto 2004 n. 5492, 5 settembre 2003 n. 4977 e 25 novembre 2003 n. 7782).

Orbene, su un piano generale, va rilevato che, dalla documentazione versata in atti, risulta che le modifiche di cui trattasi si muovono nella linea della più compiuta definizione delle scelte urbanistiche in ragione della valutazione di profili ambientali nella zona oggetto di conformazione, e non a livello di “profonda deviazione” dai criteri posti a base del piano stesso (cfr. Sez. IV, n.5492/2004 cit.); su un livello più particolare, va osservato poi che l’introdotta prescrizione, se può apparire penalizzante per gli interessi della proprietà degli appellanti, non riveste, ex se, ad avviso del Collegio, quel carattere di essenziale innovazione delle caratteristiche e dei criteri fondamentali del piano che, sola, può costituire presupposto per la rinnovazione delle indicate formalità.

[insomma, le modifiche al piano regolatore contrastano con gli interessi economici dei privati ma non con le finalità di tutela dell’interesse pubblico; ndr]

4. - L’impugnata sentenza [del Tar Puglia; ndr] viene censurata, con gli ulteriori motivi di gravame, anche con riferimento alle argomentazioni svolte per il rigetto dei restanti cinque motivi del ricorso di primo grado in quanto il Tribunale non avrebbe in sostanza rilevato che l’Amministrazione ha esercitato il proprio potere discrezionale di pianificazione del territorio senza la necessaria attenta ed esatta rappresentazione delle situazioni di fatto, la doverosa assunzione di determinazioni logiche e non contraddittorie, nonché senza una adeguata rappresentazione degli interessi pubblici e privati.

4.1. - Sostengono gli interessati che, in sede di valutazione del rischio di inquinamento ambientale prodotto dal cementificio, l’Amministrazione ha omesso di considerare la circostanza della avvenuta chiusura dei forni della Cemensud e, soprattutto, la manifesta contraddittorietà tra il mutamento di destinazione dell’area a parco urbano e gli indirizzi programmatici approvati dal Consiglio comunale.

Correlativamente, il giudice di primo grado avrebbe omesso di sindacare, sotto il consentito profilo dell’errore di fatto e della grave e manifesta illogicità e contraddittorietà:

a) la chiusura e la dismissione dei forni della Cemensud, ipotetica fonte di inquinamento;

b)  la contraddittorietà e l’illogicità manifesta tra l’accoglimento dell’osservazione n. 5 (e la conseguente eliminazione dei comparti A/50, A/51, A/52 e 53) e il mantenimento della destinazione residenziale per i comparti A/46, A/47, A/48 e C12, posti nella medesima zona della cementeria;

c) l’irrazionalità della osservazione n. 5;

d) la nuova destinazione urbanistica dell’area occupata dalla cementeria e dalla cava, in parte a zona D, con basso indice di copertura, in parte a parco urbano e, in parte, ad area di salvaguardia ambientale.

[qui sarebbe interessante sapere in forza di quali ragioni l’amministrazione comunale procedette alla triplice previsione di aree interne alla ‘zona della cementeria’; ndr]

Aspetti di illogicità e contraddittorietà che, ad avviso degli appellanti, avrebbero un rilievo perfino marginale rispetto allo iato ancor più stridente tra l’accoglimento dell’osservazione e la precedente localizzazione nella medesima area della nuova stazione ferroviaria e degli alloggi per i ferrovieri; contraddittoria sarebbe, in definitiva, la stessa destinazione a parco urbano di un’area che si assume potenzialmente insalubre.

I rilievi esposti non possono essere condivisi.

Va escluso ogni profilo di contrasto fra il mutamento di destinazione dell’area e gli indirizzi programmatici del Comune.

Seguendo l’iter argomentativo degli appellanti va osservato che:

- risulta in atti che la Cemensud non aveva cessato del tutto l’attività e che residuavano comunque adempimenti connessi alla fase finale del processo produttivo; in ogni caso non poteva ragionevolmente escludersi, aprioristicamente, la possibilità di ripresa dell’attività potenzialmente inquinante, inoltre, come condivisibilmente rilevato dal primo giudice, significativi fenomeni di inquinamento acustico e ambientale erano riferibili al brillamento delle mine e al trasporto e scarico del materiale nei capannoni;

- la precedente localizzazione, nella medesima area, della stazione ferroviaria e degli alloggi per i ferrovieri non preclude la successiva ritipizzazione dell’area in base alla avvenuta considerazione dei predetti elementi di inquinamento ambientale; il che esclude l’attribuzione di ogni valenza, sul piano della razionalità delle scelte, al paventato “rischio di periferizzazione” della nuova stazione ferroviaria;

- la stessa destinazione a parco appare in linea con la esigenza della introduzione di un’area a verde tra abitato e fonti di inquinamento;

- parimenti, in linea col delineato intervento di abbattimento del fenomeno inquinante si colloca la destinazione dei suoli occupati dalla cementeria e dalla cava ad area di salvaguardia ambientale ed a parco (e, in parte, a basso indice di copertura);

- la specificità della prescrizione, inerente ad una particolare area del territorio, e la rilevata assenza di “profonda deviazione” dai criteri posti a base del piano escludono, ex se, profili di contrasto con l’impostazione generale ed il disegno urbano del piano stesso; ne discende, anche, la inconfigurabilità di profili di contraddittorietà ed illogicità con riguardo alla eliminazione di alcuni comparti rispetto al mantenimento di altri.

4 .2- Gli appellanti assumono che l’Amministrazione avrebbe disatteso senza adeguatamente   motivare, le raccomandazioni degli organi tecnici.

In realtà, risulta in atti l’avvenuta considerazione delle indicazioni tecniche e, in particolare, il recepimento del parere C.U.R. (il piano è approvato alle condizioni di cui al parere C.U.R. n. 30/94 e lo stesso C.U.R. condivide parte dei rilievi S.U.R.: il che è evidente indice dell’avvenuta considerazione); altra questione è quella relativa al profilo della motivazione, non utilmente dedotto ove si ponga mente ai noti limiti derivanti dall’ampio grado di discrezionalità delle scelte pianificatorie.

4.3.- Sul punto della motivazione insistono gli appellanti in riferimento ad un preteso affidamento sull’edificabilità delle aree.

Va osservato, da un lato, che la pretesa ad una giustificazione analitica delle scelte trova limite nella stessa impostazione di fondo del piano in funzione, per tali aree, della realizzazione di una zona “intermedia” quale “filtro verde”; dall’altro, che correttamente il giudice di prime cure rileva che il riassetto organico del territorio non può essere vincolato dalle frammentarie determinazioni precedentemente adottate dall’Amministrazione.

4.4.- In ordine all’argomentazione secondo cui non compete all’Amministrazione comunale la verifica della compatibilità degli insediamenti produttivi con la tutela della salute e dell’ambiente in funzione di limite all’attività edilizia, condivisibilmente il primo giudice rileva che la possibilità di programmazione dell’assetto del territorio tenendo conto di fattori inquinanti o di mero disagio per la popolazione ben può convivere, senza entrare in rapporto di esclusione reciproca, con i poteri-doveri dell’autorità sanitaria in materia; in altri termini, l’esclusione della vocazione edificatoria di una data zona e la previsione di un’area a verde in ragione della presenza di rischio di inquinamento ambientale non appare ragionevolmente estranea all’ambito della funzione pianificatoria.

5.- Quanto esposto rende ragione della infondatezza dell’appello, restando altresì irrilevante, ai fini per cui è causa, la sopravvenienza di “nuovi eventi”, di cui è cenno in memoria 2 febbraio 2007.

Ciò non senza ulteriormente ribadire, da ultimo, che nella prospettazione degli appellanti sono in massima parte ravvisabili elementi che trovano nel contempo limite nell’ampio grado di discrezionalità che caratterizza le scelte amministrative nella materia che ne occupa, ove non viziate da profili di irrazionalità o illogicità (nella specie, non configurabili).

6.- Il ricorso va in conclusione respinto.

Le spese seguono la soccombenza e si liquidano in dispositivo.

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione IV),

definitivamente pronunciando sul ricorso in appello indicato in epigrafe, lo rigetta.

Condanna gli appellanti al pagamento delle spese di giudizio, che si liquidano in complessivi euro 4.000,00 (quattromila/00), oltre accessori come per legge in favore, in pari misura, della Regione Puglia e del Comune di Modugno.

Ordina che la presente decisione sia eseguita dall’Autorità amministrativa.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio del 13 marzo 2007 con l’intervento deisignori:

L'ESTENSORE Bruno Mollica  IL PRESIDENTE Stenio Riccio

 

La decisione del Consiglio di Stato è così tradotta in massime; nel nostro caso, e giustamente, a futura memoria, cioè a memoria nostra.

Queste le “massime” elaborate sulla scorta della decisione del Consiglio di Stato appena evocata:

 

URBANISTICA E EDILIZIA - INQUINAMENTO AMBIENTALE - Funzione pianificatoria dell’Amministrazione comunale - Governo del territorio - Verifica di fattori inquinanti o di mero disagio per la popolazione - Competenza - Sussistenza - Fattispecie.

La possibilità di programmazione dell’assetto del territorio tenendo conto di fattori inquinanti o di mero disagio per la popolazione ben può convivere, senza entrare in rapporto di esclusione reciproca, con i poteri-doveri dell’autorità sanitaria in materia; in altri termini, l’esclusione della vocazione edificatoria di una data zona e la previsione di un’area a verde in ragione della presenza di rischio di inquinamento ambientale non appare ragionevolmente estranea all’ambito della funzione pianificatoria. Fattispecie: competenza dell’Amministrazione comunale alla verifica della compatibilità degli insediamenti produttivi con la tutela della salute e dell’ambiente in funzione di limite all’attività edilizia. Pres. Riccio - Est. Mollica - Prefabbricati Pascazio & C. s.a.s. ed altri (avv.ti Leone e Notaristefano) c. Comune di Modugno (avv. Maulucci) e Regione Puglia, (avv. Sacchetti) - (conferma T.A.R. Puglia, Bari, Sez. I, n. 141 del 28/02/1998). CONSIGLIO DI STATO Sez. IV, 19/06/2007 (C.c. 13/03/2007), Sentenza n. 3300


URBANISTICA E EDILIZIA - Pianificazione urbanistica - Ripubblicazione del piano - Presupposti - Rielaborazione complessiva - Mutamento delle caratteristiche essenziali - Fattispecie.

In materia di pianificazione urbanistica, la ripubblicazione del piano è necessaria, laddove, in qualunque momento della procedura che porta alla sua approvazione, si sia determinata una rielaborazione complessiva dello stesso. Per rielaborazione complessiva deve intendersi, un mutamento delle caratteristiche essenziali del piano e dei criteri che alla sua impostazione presiedono (cfr., C.d.S. Sez. IV, 10 agosto 2004 n. 5492, 5 settembre 2003 n. 4977 e 25 novembre 2003 n. 7782). Nella specie, la ripubblicazione del piano non è stata ritenuta necessaria, in quanto, dalla documentazione versata in atti, risultava che le modifiche apportate si muovevano nella linea della più compiuta definizione delle scelte urbanistiche in ragione della valutazione di profili ambientali nella zona oggetto di conformazione, e non a livello di “profonda deviazione” dai criteri posti a base del piano stesso. Pres. Riccio - Est. Mollica - Prefabbricati Pascazio & C. s.a.s. ed altri (avv.ti Leone e Notaristefano) c. Comune di Modugno (avv. Maulucci) e Regione Puglia, (avv. Sacchetti) - (conferma T.A.R. Puglia, Bari, Sez. I, n. 141 del 28/02/1998). CONSIGLIO DI STATO Sez. IV, 19/06/2007 (C.c. 13/03/2007), Sentenza n. 3300


URBANISTICA E EDILIZIA - Violazione dell’affidamento sull’edificabilità delle aree - Motivazione analitica delle scelte amministrative - Necessità - Limite.

E’ illegittima la pretesa di una giustificazione analitica delle scelte amministrative - giustificata dalla violazione dell’affidamento sull’edificabilità delle aree in funzione, della realizzazione di una zona “intermedia” quale “filtro verde”-, quando il riassetto organico del territorio è stato vincolato dalle frammentarie determinazioni precedentemente adottate dall’Amministrazione. Pres. Riccio - Est. Mollica - Prefabbricati Pascazio & C. s.a.s. ed altri (avv.ti Leone e Notaristefano) c. Comune di Modugno (avv. Maulucci) e Regione Puglia, (avv. Sacchetti) - (conferma T.A.R. Puglia, Bari, Sez. I, n. 141 del 28/02/1998). CONSIGLIO DI STATO Sez. IV, 19/06/2007 (C.c. 13/03/2007), Sentenza n. 330."

 

Non ritengo necessari commenti di sorta.

 

NELLL’AREA DELLA CEMENTERIA DI MODUGNO CI VA UN PARCO

E’ UN DIRITTO DELLA COMUNITA’

VA CHIAMATO “PARCO PINUCCIO LOIACONO”:

E’ UN DOVERE E UN DIRITTO DELLE PERSONE PERBENE

 

Finisce qui questa mia non facile ricerca. Molte cose vanno esplorate più a fondo; va infranto il muro di omertà e di silenzi interessati sull’intera vicenda. Pochi, pochissimi, ne vogliono parlare, molti, tutti, a quattrocchi ti dicono: “E’ giusto, lì deve andare un parco”, “è giusto, chiamiamolo Parco Pinuccio Loiacono”.

Ignoro quali altre carte sono disperse negli uffici comunali e negli studi professionali, cercherò di averle; so che bisogna insistere perché parco sia. Nei miei comizi elettorali di maggio 2011 ho assunto l’impegno morale di condurre una gratuita opera di ricerca e di informazione, del tutto anomala in un paese di consulenti di partito lautamente compensati. Mi servo della rivista di Italia Giusta secondo la Costituzione, Sudcritica.it, il luogo superstite della libertà in un paese orrido per viverci, ammutolito socialmente e intellettualmente, occupato da cricche assatanate di potere, quello delle periferie della Nazione, il peggiore. Tremila cittadini mi hanno dato il loro voto ma io non sono nemmeno entrato in consiglio comunale grazie ad un patto mercantile Pd/Udc. Al mio posto hanno preferito un pluriindagato. Nessun problema: fuori di lì si sta meglio, si sta bene: si può dire meglio e ad alta voce che lì, dov’era la cementeria e dov’è la sua carcassa, ci va un parco. Condividi, Pinuccio Loiacono?

 

Nota

Non è detto che nel prossimo futuro non si renda necessario un ritorno su questi problemi o un approfondimento. Certo, se questo avverà non avverrà su sollecitazione dell'amministrazione comunale, arroccata nella sua orribile e incupita solitudine di stampo cileno. Avverrà semmai per sollecitazione dei cittadini ai quali non è possibile chiedere di subire ogni sorta di violenza ambientale. Se avverrà, io, noi, saremo presenti. Per dirla con uno slogan, non abbiamo paura dei cileni da operetta. Nessuna.

 

Tutti i diritti riservati a Sudcritica.it L'articolo e le immagini possono essere ripresi per specifiche citazioni solo alla condizione che se ne indichi la fonte. bambin_per_titoli

Ultimo aggiornamento Sabato 24 Settembre 2011 22:42
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sudcritica Flash

==MARIO MARANGI, PER L'EXTRAVERGINE DI PUGLIA 'CREARE RETE' TRA I PRODUTTORI=Le ‪‎difficoltà‬ ma anche le grandi ‪opportunità‬ dei ‪‎produttori‬ ‪‎oleari‬ che puntano all'‪‎innovazione‬ e alla ‪‎qualità‬, in ‪Puglia‬ come a Modugno‬.
‪‎Investire‬ nell'‪olivicoltura‬ significa anche ‪valorizzare‬ il ‪territorio‬ e il tessuto‬ ‪sociale‬.
Ecco le ‪sfide‬ che affrontiamo noi ‪giovani‬ ‪‎imprenditori‬ ‎agricoli‬.
[v.in Sudcritica Modugno]

Sudcritica Flash

=IL COMUNE DI MODUGNO ABBATTE IL 'MURO'. LO ACQUISTO' COME OPERA D'ARTE, LO DISTRUGGE COME BAGNO FATISCENTE=
di Francesca Di Ciaula.Il 2 febbraio scorso, in piazza Romita Vescovo, un tempo adibita a mercato del pesce, sono iniziati i lavori di demolizione della parete adiacente ai bagni pubblici.
La motivazione è presto detta: sicurezza e salvaguardia della pubblica incolumità, fatiscenza delle strutture. Il tutto per una spesa di 35 000,00 €.
La parete ricoperta di marmo nero, fu costruita a ridosso della chiesa seicentesca delle Monacelle in pieno centro storico, per nascondere un bagno pubblico, alla vista di chi sostava nella piazzetta. Una visione dai contrasti indicibili. Un monolite scuro e dietro la parete chiara dell'antica chiesetta. L'antico e il nuovo, maldestro tentativo di dare dignità al piastrellato che ha invaso il paese, eppure opera pubblica. La modernità imposta per capriccio o arbitrio, il marmo contro la pietra povera antica. Oggi ulteriore denaro pubblico è stato impiegato per distruggere quel manufatto a nessuno mai piaciuto per la sua manifesta volgarità.

[v.leggi tutto in Sudcritica Modugno]

Sudcritica Flash

=ITALIA GIUSTA, IL COMUNE DI MODUGNO BLOCCHI LO 'SFRATTO' DELL’ISTITUTO DEL NASTRO AZZURRO=
di Tina Luciano.

Il movimento Italia Giusta secondo la Costituzione sollecita il Commissario prefettizio a Modugno perché blocchi lo ‘sfratto’ dell’Istituto Nastro Azzurro fino a quando sarà pronta la nuova sede ad esso destinata, in locali comunali che oggi ospitano i Servizi sociali.Il Museo e le Associazioni combattentistiche raccolte nell’Istituto custodiscono oggi le poche tracce esistenti di una memoria collettiva di Modugno, perse le quali va definitivamente in frantumi l’identità dell’intera città.
Un luogo della memoria va protetto e tutelato: insistere nel volerlo ‘sfrattare’ ha il sapore iconoclasta della provocazione, del voler far apparire come insensibile al bene pubblico una pubblica amministrazione che deve invece avere a cuore unicamente le esigenze sociali.

[v.anche in Sudcritica Modugno]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=CONSUMO DI SUOLO E COMUNITA' SENZA IDENTITA'. INCONTRO CON GIUSEPPE MILANO=
Il 23 gennaio 2015. Sono intervenuti Pasquale De Santis e Nicola Magrone."Contro il mostruoso consumo di suolo in tutta Italia, serve una mobilitazione dei cittadini, una coscientizzazione che ci faccia capire che la cementificazione costante ha un forte impatto sociale, significa alienazione, perdita di coesione della comunità, significa che non esiste più un'identità delle nostre città. Sentiamo spesso dire che si vuole 'costruire il futuro': ma lo si dice a vuoto, mentre si perpetuano questi atteggiamenti di noncuranza e di malapolitica. Costruire il futuro significa cominciare a far le cose per bene ogni giorno nelle nostre città. Quel che è successo a Modugno lo sapete voi, non ho titolo per parlarne ma parlano i fatti. Basta col dire che edilizia e urbanistica vanno visti come motore dello sviluppo, se poi sappiamo che servono per creare solo lo sviluppo di pochi... basta!"

Riprese video di A.Covella per Italia Giusta/Sudcritica

[v.anche in Sudcritica Modugno]

=DISCUSSIONI=

=SOVRANITA' NAZIONALE
MONETARIA
E DEBITO PUBBLICO=

Serafino Pulcini/
Mino Magrone

Monete-antiche-riportate-alla-luce-in-uno-scavo-archeologico


_________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=PROTEZIONE CIVILE, INCONTRO CON GIUSEPPE DI CIAULA=
Il 9 gennaio 2015. Coordinamento, formazione, esercitazioni, sicurezza sono i cardini di una buona protezione civile.Fondamentale un piano dettagliato di intervento, con volontari professionali i quali - quando dovessero verificarsi emergenze - sanno che fare ma non usurpano i compiti dei professionisti. Partecipano il presidente di Italia Giusta secondo la Costituzione, Pasquale De Santis, e Francesca Di Ciaula, della segreteria del movimento.
Riprese video di A.Covella per Italia Giusta/Sudcritica

[v.anche in Sudcritica Modugno]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=PROTEZIONE CIVILE, INCONTRO CON WILLIAM FORMICOLA=
Il 12 dicembre 2014, su ''Stato di salute del territorio italiano e ruolo della protezione civile''.Al centro dell'intervento, le azioni che gli amministratori devono compiere per prevenire, e per intervenire nel verificarsi di emergenze; gli effetti della mano dell'uomo sull'aggravamento dei rischi, i pericoli legati al consumo del territorio e al costruire senza regole. E' intervenuto il presidente di Italia Giusta, Pasquale De Santis.
Riprese video di A.Covella per Italia Giusta/Sudcritica

[in Sudcritica Modugno]

=POLITICA E CONSENSO=

=LA POLITICA
DELLE LOCUSTE=

locuste-madagascar


se si vuole tentare
un recupero
delle regole
che tutelino tutti,

bisognerà scontentare
i gruppetti di interesse
che si concentrano come locuste
intorno al patrimonio pubblico

di  Tina Luciano
__________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=CULTURA, SCUOLA E
TERRITORIO E LA 'NUOVA'
FIERA DEL CROCIFISSO
A MODUGNO=

seminario IG di ciaula longo lobaccaro

Per i Seminari di Italia Giusta
secondo la Costituzione,
incontro - il 21 novembre 2014 -
col musicista dei Radiodervish
Michele Lobaccaro
e con Francesca Di Ciaula
e Valentina Longo.
Su politiche culturali a
Modugno, sul successo
della 'nuova' Fiera
del
Crocifisso inaugurata
con l'amministrazione
Magrone
e sull'importanza
delle relazioni
tra scuola e territorio.

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=ECONOMIA E UE.
CI VORREBBE KEYNES
MA E' TROPPO
DI SINISTRA=

keynes-main-photo


Ilquadro
macroeconomico

dell’Europa
dovrebbe suggerire
la ripresa di politiche economiche
poggiate sulle argomentazioni
della cosiddetta sintesi postkeynesiana.
Invece, ciò è ancora molto lontano
dall’essere preso in considerazione
dalle istituzioni europee

di  Mino Magrone

____________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=LE SCELTE FISCALI DELLA GIUNTA MAGRONE PER PROTEGGERE I CETI MENO ABBIENTI=
Incontro con Dino Banchino.

Per i seminari di Italia Giusta secondo la Costituzione, incontro con l'assessore al Bilancio dell'amministrazione comunale di Modugno guidata da Nicola Magrone.Banchino ha parlato delle scelte fiscali fatte dalla giunta, tutte improntate all'art.53 della Costituzione italiana, per il quale il sistema tributario nel nostro Paese "è informato a criteri di progressività”.
Per questo, per il 2014 a Modugno non si è pagata la TASI, preferendo scaricare il peso maggiore della contribuzione dei cittadini sull'Irpef. Sono intervenuti Pasquale De Santis, presidente di Italia Giusta secondo la Costituzione, e Nicola Magrone.

[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=MODUGNO, LA GIUNTA MAGRONE E L'AIUTO AI PIU' DEBOLI=
Incontro con Rosa Scardigno

Per i seminari di Italia Giusta secondo la Costituzione, incontro con l'assessore ai servizi sociali dell'amministrazione comunale di Modugno guidata da Nicola Magrone.Al centro dell'intervento dell'assessore, gli sforzi per ricostituire servizi disastrati (Ufficio di Piano, in primis), le necessità cui assolvere senza arbitrio, la descrizione di un lavoro interrotto a poco più di un anno dall'insediamento, quando avrebbe potuto dare aiuti più congrui.

[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

=DISCUSSIONI=

=MODUGNO.
CON ITALIA GIUSTA
PER ROMPERE
L'AGGLOMERATO
DI POTERE=

logo italia giusta internet


Da queste parti
smuovere la stagnazione
di poteri è stato
un azzardo
ed una scelta
 coraggiosa.
E tuttavia la dimostrazione
che un movimento possa spezzare

un meccanismo consolidato
c'è stata.
[...] Che si possano tentare
scelte politiche limpide e nette,
l'esperienza amministrativa
modugnese ce lo insegna

di  Francesca Di Ciaula
____________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=MODUGNO, LA NUOVA FIERA DEL CROCIFISSO=
Incontro con Tina Luciano -
"Queste sono le ragioni e le modalità della nuova configurazione della Fiera del Crocifisso......da un lato riannodare i fili con il centro della città, dall’altro garantire la sicurezza in un sito che, oltre ad essere isolato non garantiva nemmeno l’incolumità dei visitatori".

[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

=I LUOGHI=

=BORGO TACCONE.
STORIA PICCOLA
DEL SUD=

taccone7


Borgo Taccone
è questo luogo
dell'assenza,
una storia mancata
di insediamenti rurali.
Eppure non riesci
ad individuare la parola fine
a questa storia.
Il borgo intero sembra piuttosto
un racconto interrotto.

di  Francesca Di Ciaula
______________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=IL MATTONE DI CALVINO.
60 ANNI DOPO=

Credits-LaPresse h partb


“Un sovrapporsi
geometrico di parallelepipedi
e poliedri, spigoli e lati di case,
di qua e di là, tetti, finestre,
muri ciechi per servitù contigue
con solo i finestrini smerigliati
dei gabinetti uno sopra l’altro”.

di  Nicola Sacco
______________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=CRISI. PER SALVARE
L'EUROPA BASTEREBBE
SVEGLIARE IL GIGANTE=

images


Una modesta
frazione

di questo gigante finanziario
narcotizzato e costretto
a stare improduttivo può,
purché l’Europa e la Germania
lo vogliano, finanziare opere
e interventi comuni di sviluppo
e crescita dell’occupazione
di lavoratori in Italia ed in Europa

di  Mino Magrone
______________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=MODUGNO.
LA DIGNITA' POSSIBILE=

francesca4


Questo, il sindaco
di Modugno,
Nicola Magrone,
ha insegnato nel primo anno
di amministrazione a chi
ha voluto comprendere:
a essere chiari,
a pronunciare il nome delle cose
senza timore, pubblicamente,
non in cenacoli all’ombra
di qualche interesse
che non fosse quello
di tutti i cittadini.

di  Francesca Di Ciaula

____________________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=TAMARO, IL GRANDE NEMICO
E' IL NIENTE. O LO E'
PIUTTOSTO IL NICHILISMO?=

rotoletti010


L'angoscia e il disagio
non sono soltanto
sentimenti dei giovani,
sono invece
di noi tutti
in quanto mortali
destinati a finire,
al niente

di  Mino Magrone

_______________

[Leggi tutto]

Sudcritica Modugno

=GUASTO A PASSAGGIO A LIVELLO MODUGNO. IL SINDACO, SITUAZIONE ASSURDA CHE SI RIPETE= 5 aprile 2014 - Dice Nicola Magrone: "Prendero' le opportune iniziative per l'attuazione puntuale di intese precise sui compiti i di Fal e Rete Ferroviaria Italiana. Quello che serve e' scongiurare ulteriori situazioni di grave pericolo".[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

=DISCUSSIONI=

=“La grande bellezza”?=

la grande bellezza


Finché continua
l’umana avventura
in questa valle,
ci sarà scienza, arte,
religione
e l’apocalisse del pensiero
lasciamola ai meno dotati.
Non ci riguarda.

di  Pippo De Liso

_______________

[Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=JOBS ACT, LAVORO

SENZA DIRITTI

E SENZA DIFESE=

CGIL crisi

 
l’Europa solidifica
interessi preminenti
anche sottraendo
ai Paesi
a sovranità nazionale
le tradizioni politiche
e i documenti storici d’identità.
L’Italia è in prima fila con la cessione
della Costituzione e la fiammata
di follia collettiva del cambiamento
a tutti i costi, soprattutto in peggio

di  Pippo De Liso

_______________

[ Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=Per far ripartire l'Italia

non serve stravolgere

la Costituzione=

costituzione

Proposta, da parte di un attivista

di Italia Giusta, di una piccola

guida pratica, aperta a suggerimenti,

per orientarsi tra i temi

di stretta attualità politica

di  Nicola Sacco

_______________

[ Leggi tutto]

Sudcritica Modugno

=RACCOLTA DIFFERENZIATA A MODUGNO, SUDCRITICA INTERVISTA L'ASSESSORE = 17 marzo 2014 - Puoi seguire l'intervista anche alla pagina di Sudcritica Modugno.Tra breve, finalmente, anche a Modugno (e per l'intero Aro del quale Modugno è capofila) ci sarà un bando di gara per una vera raccolta differenziata. Con l'aiuto e la collaborazione di tutti i cittadini dovrà portare al traguardo 'rifiuti zero'. L'assessore comunale Tina Luciano spiega a Sudcritica come accadrà.

Riprese e post produzione di Alberto Covella

Per discutere con il Movimento Italia Giusta secondo la Costituzione, questi gli indirizzi:
sede: via X marzo 88 - 70026 MODUGNO
posta elettronica: [email protected]
[email protected]
rivista: www.sudcritica.it

=DISCUSSIONI=

Larroganza

della Rai

In nessun altro

Paese europeo

si assiste al pagamento

di un canone obbligatorio

a fronte di una pubblicità

invadente e accentratrice

di  Pippo De Liso

_______________

[ Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

Il documento

alternativo

"Il sindacato

è un'altra cosa"

per il XVII Congresso

della Cgil

 

di  Pippo De Liso

__________________

[ Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

Una sinistra

nata piccolo-borghese

 

di  Franco Schettini

__________________

a mio avviso il nostro “marxismo” altro non è stato che riformismo piccolo borghese, nemmeno socialdemocratico

Il 15 giugno del 1975 Pasolini scriveva, dopo le effimere vittorie delle sinistre, che “l’Italia è nel suo insieme ormai un Paese spoliticizzato, un corpo morto i cui riflessi non sono che meccanici. L’Italia cioè non sta vivendo altro che un processo di adattamento alla propria degradazione”.

[ Leggi tutto]

Contro la violenza sulle donne

MAGRONE, PALMINA E LE SUE PAROLE HANNO CAMBIATO LA MIA VITA
Casacalenda, 16 novembre 2013 - intervista di Maurizio Cavaliere. Magrone ricorda il giorno in cui palmina martinelli gli parlò in punto di morte, rivelandogli i nomi dei suoi aguzzini. La 14enne di fasano morì data alle fiamme nel novembre 1981, si era rifiutata di prostituirsi.

=LA VIOLENZA ESIBITA=

di Francesca Di Ciaula

____________________

violenza2 [ Leggi tutto]  

DON TONINO BELLO - LA COSCIENZA E IL POTERE

IL POTERE, LA LEGGE, LA COSCIENZA
Don Tonino Bello ricordato dal sindaco di Modugno, Nicola Magrone, a Mola di Bari, il 16 ottobre 2013, con l'assessore regionale Guglielmo Minervini e don Gianni De Robertis.La speranza nel patto tra deboli, se non per rovesciare il potere almeno per attenuarne l'abuso. Tornare alle origini di don Tonino Bello è tornare alle origini del nostro popolo, cioè la Costituzione. Secondo il sindaco di Modugno, oggi la costituzione non deve essere modificata.

cronache dall'interno

=IL SINDACO DI MODUGNO NICOLA MAGRONE E LA SUA GIUNTA INCONTRANO I CITTADINI=
26 settembre 2013 - Filmato integrale dell'incontroPer la prima volta nella vita amministrativa di Modugno, l’amministrazione parla con i cittadini in un incontro pubblico.

Riprese e post produzione di Alberto Covella

Per discutere con il Movimento Italia Giusta secondo la Costituzione, questi gli indirizzi:
sede: via X marzo 88 - 70026 MODUGNO
posta elettronica: [email protected]
[email protected]
rivista: www.sudcritica.it

Newsletter

Grazie per esserti iscritto alla newsletter di Sudcritica. Stay tuned :)
Banner

Contattaci

Da (email)
Oggetto
Inserire questo testovbtsknfu
 No SPAM