Home Politica =MODUGNO, L'AREA DELLA CEMENTERIA SARA' VERDE PUBBLICO=
=MODUGNO, L'AREA DELLA CEMENTERIA SARA' VERDE PUBBLICO= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Venerdì 24 Gennaio 2014 10:31
CEMENTERIA MAPPA2

UNA SVOLTA STORICA PER MODUGNO.
L'AREA DELLA EX CEMENTERIA SARA’ A VERDE PUBBLICO, PAROLA DI CONSIGLIO;
COME CHIEDONO DA ANNI I CITTADINI,
ITALIA GIUSTA E NICOLA MAGRONE

Il consiglio comunale ha approvato l’atto di indirizzo presentato dai consiglieri di maggioranza.
La minoranza, dopo aver presentato proprie mozioni e tentato di proporre emendamenti, tutti respinti, ha votato alla fine la mozione della maggioranza.

 

 

 

La mozione approvata all'unanimità:

In un sito contaminato, si è svolta per dieci anni (2003-2013) una bonifica affidata esclusivamente all'azienda senza l'approvazione di un piano generale e con controlli solo parziali. Da oggi,

programmare e coordinare indagini e analisi, in particolare sul suolo, il sottosuolo, la cava e la falda acquifera nella ex cementeria e avviare l'istruttoria per gli atti da sottoporre al Consiglio Comunale, entro il 30 aprile, per la variante allo Strumento Urbanistico Generale.

IL DOCUMENTO

Ecco il testo dell'atto di indirizzo sollecitato dal sindaco Nicola Magrone, proposto da 14 consiglieri di maggioranza e approvato all'unanimità dal consiglio comunale di Modugno:

I consiglieri: Valentina Longo, Massimo Angiulli, Nicola Catucci, Nicola Loiacono, Lorenzo Gianvecchio, Giuseppe Lacalamita, Giuseppe Pascazio, Matteo Brunetta, Raffaele Spizzico, Giovanna Bellino, Antonio Alfonsi, Pietro De Benedictis, Anna Rosa Occhiofino, Vito Libero

 

“premesso che:

 

Il complesso industriale di proprietà Italgen (gruppo Italcementi), ubicato in via Cesare Battisti, a Modugno, che prima degli interventi di demolizione degli anni tra il 2009 e il 2013 aveva all’incirca una superficie coperta di circa 16.000 mq. per 15 m di altezza), è inserito sin dagli anni Novanta, ai sensi del DM 6 settembre 1994, nell’elenco delle industrie insalubri di cui all’art. 216 del T.u. delle leggi sanitarie – ‘Amianto: industria insalubre di 1° classe di cui al punto 9 dell’elenco B come prodotti e materiale che lo contengono sia nella produzione che nell’impiego’ ed è considerato sito contaminato ai sensi dell’art.242 dlgs 152/2006 (Testo unico delle leggi ambientali);

 

l’amianto, a causa della possibilità che le sue fibre si disperdano nell'ambiente e vengano inalate, è altamente cancerogeno e costituisce perciò una grave minaccia per la salute, anche nei territori circostanti al luogo nel quale si trovano i manufatti in asbesto;

 

dal gennaio 1999 lo stabilimento ha cessato la produzione, prima restando in attività come centro di consegna, tramite il parziale uso dei fabbricati che avevano costituito sino ad allora gli impianti della cementeria, e poi perdendo negli anni anche questa funzione;

 

dal 1999 al 2002 Italcementi ha avviato singoli piani di lavoro (riguardanti la sicurezza nei luoghi di lavoro), inviati a Spesal e Asl Bari 4, per cominciare a smantellare singole parti del complesso nonostante che la qualifica di industria insalubre prima e di sito contaminato poi prevedesse la pianificazione di lavori riguardanti l’intera area, anche e soprattutto in vista dell’adozione delle misure più adeguate per la bonifica stessa;

 

il 29 novembre 2002, nonostante i lavori in corso da parte di Italcementi per eliminare - a dire dell’azienda - le situazioni di rischio derivanti dalla presenza di amianto a matrice friabile viene inviata alla Procura della Repubblica di Bari dal Servizio controllo ambiente della Provincia di Bari una relazione dettagliata dalla quale emergeva con chiarezza che numerosi impianti e reparti, nastro trasportatore, condotte pluviali, molini per la macinazione, sala caldaie, rivestimenti, intonaci, grandi vasche di lavorazione, contenevano tutti amianto in notevolissime quantità e che, inoltre, “tutti i capannoni visitati” erano “igienicamente inaccessibili” proprio a causa dell’amianto sgretolato, e dunque altamente pericoloso;

 

in seguito ad una nota della Regione Puglia-assessorato all’ambiente contenente disposizioni in materia di bonifica di siti contaminati da amianto, nel maggio 2003 Italcementi ha redatto un piano di caratterizzazione dell’area che attesta la presenza di amianto in notevolissime quantità (la superficie interessata dall’amianto, solo sommando quanto viene dichiarato dall’azienda nelle varie schede prodotte, risulta pari a circa 8.500 metri quadrati), ulteriormente accresciute dalla presenza in forme massicce di rivestimenti e intonaci a base di amianto e, tra l’altro, di oltre 12.000 metri quadrati di guaina contenente amianto; il piano di caratterizzazione è stato alla base di una bonifica che negli anni (dal 2003 al 2013) è stata articolata secondo tempi e modalità individuate esclusivamente dall’azienda, nonostante che, in diverse relazioni compiute da organi di controllo (Provincia 2002, Arpa 2003 e 2005, Provincia 2010, solo per esempio) si sia continuata a rilevare, a dispetto delle priorità rilevate da Italcementi, la presenza di amianto in matrice friabile (e quindi ad alto rischio per la salute) e a sollecitare nuovi piani di caratterizzazione (Arpa 2005: “Le nostre analisi hanno mostrato la presenza di amianto disperso a terra nell’interno ed all’esterno dei capannoni nello stabilimento Italcementi di Modugno, per il quale si era già evidenziato, con relazione prot. N. 294 del 10 febbraio 2003, ‘la diffusa presenza di notevolissime quantità di amianto, per gran parte in matrice friabile ed in avanzato stato di degrado’ e di ‘elevate quantità di cemento-amianto’, con conseguente necessità di ‘un’accurata e sollecita opera di bonifica da effettuarsi secondo  le procedure previste  dalla normativa in materia, che consista nella rimozione e smaltimento di tutto l’amianto e nella bonifica delle parti di impianto che, trovandosi a contatto con materiali friabili e degradati, possano essere stati contaminati’. Conclude l’Arpa: “Il nuovo sopralluogo, quindi, ha confermato la situazione già rilevata in precedenza, senza apprezzabili cambiamenti e con la conseguente necessità di adempiere a quanto già indicato”);

 

nel 2008, una ricerca commissionata dal Comune di Modugno al Politecnico di Milano (Associazione Temporanea di Imprese costituita tra Politecnico di Milano (mandataria), ACB Consulting S.r.l., Studio Legale Associato in associazione con DLA Piper Rudnick Gray Cary e Scenari Immobiliari Istituto Indipendente di Studi e Ricerche S.r.l) per la riqualificazione urbanistica dell’area, rilevava, alle pagine da 136 a 137 dello studio, che “il cementificio situato nell’area oggetto di studio di fattibilità e contenente prodotti a base di asbesto può costituire un grave rischio per la salute pubblica non solo nelle immediate vicinanze dello stabilimento parzialmente dismesso ma anche per tutta la popolazione di Modugno” e che “è importante rilevare che, data l’estesa superficie del cementificio, i quantitativi elevati di materiale contenente amianto ed il pessimo stato di conservazione dell’intero stabilimento, le  fibre volatili rilasciate potrebbero aver contaminato anche il suolo o la falda acquifera sotterranea. Di conseguenza, nonostante sussistano ancora molti dubbi e molte perplessità sulla potenziale pericolosità dell’amianto all’interno del sistema digerente, vengono consigliate delle analisi tramite carotaggio del terreno al fine di stabilirne la possibile percentuale di contaminazione e nel caso siano particolarmente elevate intraprendere delle azioni preventive secondo il principio di cautela”

 

a seguito dell'adozione della deliberazione G.C. n.31/2011 ad oggetto: "PO FESR 2007- 2013 - Azione 7.1.1. "Piani integrati e sviluppo urbano di città medio/grandi e Azione 7.2.1. "Piani integrati di sviluppo territoriale" nel luglio 2011 è stato presentato alla Regione Puglia il Documento Programmatico per la Rigenerazione Urbana (DPRU) per ottenere fondi europei, progetto ammesso a finanziamento per € 2.987.000 euro il 20 settembre 2011. Nel provvedimento relativo è scritto: B.1.5 Ambito 5 [...]Tale zona, che si estende verso il territorio di Bitetto, costituisce una vera e propria “polveriera ecologica” per la presenza di manufatti in amianto, seppur risulti un recente intervento di prima bonifica. Per di più la presenza della ferrovia che taglia l’ambito a metà costituisce un ulteriore elemento che rende sempre più complesso il processo di bonifica e riqualificazione dell’area. (...) I costi di rigenerazione, intesa come riqualificazione ambientale e di bonifica, risultano in linea iniziale essere inquantificabili, data la vastità dell’area da bonificare e le condizioni precarie dei manufatti..";

 

Italcementi risulta affittuaria ed esercente (dal 1994) della cava di calcare denominata ‘Matracco’ nell’area adiacente alla proprietà Italcementi;

 

che anche per la cava, come risulta dall’ispezione di Arpa nel maggio 2005 (prot.33050 del 14.06.2005, Comune di Modugno), è stata rilevata la necessità di un piano di caratterizzazione (“si è notata, inoltre, la presenza di materiali non a base di amianto dispersi nell’area suddetta, verosimilmente derivanti dal passato ciclo lavorativo (polvere e globuli nerastri di tipo carbonioso, parzialmente sommersi dall’acqua, nella zona della ex cava; cumuli di materiale di tipo gessoso nella parte retrostante lo stabilimento); tale situazione merita quindi una specifica caratterizzazione, come già precisato nella precedente relazione, con le procedure previste dal DM 471/99”);

 

che nella cava stessa hanno avuto in parte collocazione impianti della cementeria, come quello di frantumazione (fabbricato e passerella), contaminati da amianto e che le problematiche idrogeologiche e idrauliche della cava sono state tra le negatività che hanno contribuito all’esito “interlocutorio negativo” per la procedura di valutazione di impatto ambientale per la installazione, chiesta da Italgen, in quella sede, di una centrale a gas naturale da 800 megawatt.

 

Rilevato che

 

complessivamente, dunque, non c’è stato un piano unitario e complessivo per la cosiddetta “bonifica” dell’ex cementificio Italgen;

 

si può affermare che i dati di presenza dell’amianto nell’area presentati dall’azienda (nell’unico piano di caratterizzazione del 2003) non siano di fatto mai stati riscontrati in forme ufficiali, benché nel 2004 (nota prot.17744 del 1.04.2004) il sindaco di Modugno abbia approvato il piano di bonifica presentato da Italcementi nel 2003;

 

il piano di caratterizzazione presentato dall’azienda per la Cava nel 2006 è stato respinto dal Comune di Modugno - giudicato successivamente dal Tar non più competente perché intervenuto frattanto il Decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, Norme in materia ambientale - ma su di esso non si è mai espressa la Regione Puglia, divenuta frattanto l’ente competente ad approvare i documenti progettuali di bonifica, tramite la convocazione di apposite conferenze di servizi (art.242, comma 7 Dlgs 152/2006).

 

il 13 marzo 2007 il Consiglio di Statodecise su un ricorso che era stato fatto negli anni precedenti da alcuni proprietari di fondi limitrofi all’area della cementeria e della ferrovia contro il Comune di Modugno che aveva cambiato destinazione d’uso all’area dove si trovavano i loro terreni. Gli appellanti infatti si dolevano “della avvenuta trasformazione della destinazione delle aree di cui sono proprietari, nel territorio del Comune di Modugno, da zona di espansione residenziale privata e/o pubblica a parco urbano (destinazione urbanistica prevista nel previgente p.d.f.) senza il beneficio del 20% di edificabilità” e lamentavano che, in quell’area adiacente a cementeria e ferrovia, nel 1194 “l’Amministrazione, paventando implicazioni di inquinamento ambientale da parte della esistente cementeria”, aveva stralciato “tout court buona parte delle aree da destinare ai nuovi insediamenti residenziali necessari al soddisfacimento delle esigenze rivenienti dalla proiezione di sviluppo demografico”, doglianze ancora maggiori dopo che dal 1999 la cementeria era in via di dismissione.Il Consiglio di Stato dette torto ai “ricorrenti”. Scrivendo, tra l’altro: “la stessa destinazione a parco appare in linea con la esigenza della introduzione di un’area a verde tra abitato e fonti di inquinamento;- parimenti, in linea col delineato intervento di abbattimento del fenomeno inquinante si colloca la destinazione dei suoli occupati dalla cementeria e dalla cava ad area di salvaguardia ambientale ed a parco (e, in parte, a basso indice di copertura);- la specificità della prescrizione, inerente ad una particolare area del territorio, e la rilevata assenza di “profonda deviazione” dai criteri posti a base del piano escludono, ex se, profili di contrasto con l’impostazione generale ed il disegno urbano del piano stesso; ne discende, anche, la inconfigurabilità di profili di contraddittorietà ed illogicità con riguardo alla eliminazione di alcuni comparti rispetto al mantenimento di altri”.

 

Considerato che:

 

- in data 22.10.2013 il comune di Modugno, con nota prot.n.52251/2013 a firma del Sindaco e dell'Assessore all'ambiente, ha inoltrata specifica istanza all'ARPA PUGLIA tesa ad ottenere la caratterizzazione dell'area interessata dalla ex cementeria, con particolare riferimento al sottosuolo, del cd. "lago" e della falda;

 

- in riscontro alla succitata richiesta l'ARPA PUGLIA con nota prot.n.62328 del 6.12.2013 rispondeva affermando, in contrasto con la propria precedente Relazione del 2005 in premessa menzionata, che "le indagini eseguite sin dall'anno 2005 non hanno mai evidenziato contaminazioni del suolo di fibre di amianto";

 

- conseguentemente, in esito a quanto sopra riscontrato, con nota prot.n.357 del 7.01.2014, sempre a firma del Sindaco e dell'Assessore all'Ambiente, veniva ribadita la richiesta del comune di Modugno di "una nuova caratterizzazione di tutta l'area della cementeria, anche per il fondato timore che le operazioni di rimozione di manufatti di cemento-amianto, in gran parte effettuate tra il 2009 ed il 2013, abbiano lasciato fibre di amianto sul terreno e nel laghetto della cava";

 

Dato atto che ad oggi, l'ARPA PUGLIA non ha riscontrato la richiesta di cui sopra;

 

Preso atto che:

 

- alla luce di quanto sopra, all'atto dell'insediamento dell'attuale amministrazione è risultato prioritario effettuare un attento monitoraggio ed una analisi dello stato dei luoghi e dell'area interessata dagli interventi di bonifica occorsi negli ultimi anni e, soprattutto, verificare lo stato delle procedure in essere, al fine di poter valutare le azioni opportune di controllo e di vigilanza;

 

- allo scopo è stato effettuato dall'Assessore all'ambiente, unitamente agli uffici competenti, all'indomani del conferimento della delega e sino a pochi giorni fa, un primo screening in ordine alla ricostruzione della cosiddetta “bonifica” dell’ex cementificio Italgen, cercando di mettere insieme fogli e fascicoli dispersi in vari armadi e uffici del Comune di Modugno (il fascicolo relativo al 2009 risulta mancante). Lo screening ha evidenziato la mancanza di un piano unitario e complessivo dell’opera realizzata: dal 2009 alla prima metà del 2013 - periodo di intensificazione dei lavori - e anche negli anni precedenti, i lavori svolti sono stati gestiti, tra piani di lavoro, Dia e Scia, come una normale demolizione di manufatti di cemento (con 5 tra DIA e SCIA dal 2009). I piani di lavoro, le caratterizzazioni, i bilanci del materiale smaltito, presi singolarmente restituiscono fotografie parziali e incomplete mentre, messi insieme compongono un “puzzle”di una situazione più complessa e più grave, meritevole di interventi organici e definitivi. La suddivisione dal 2009 in 5 tranches del lavoro, come evinto dall'analisi delle pratiche in atti, diluisce, dirada, disperde, elementi rilevanti e utili che avrebbero dovuto far concludere già diverso tempo fa che in quel sito vi è stata e vi è presenza di amianto in straordinarie quantità, come da anni segnalato dal Tar Puglia e dal Politecnico di Milano, come sopra illustrato. Anche le società che si sono occupate di smantellare e smaltire l’amianto sono state diverse sempre: Camassambiente SPA, CONSECO SERVICE e Protex;

 

- tramite piani di lavoro, dunque, caratterizzazioni e bilanci del materiale smaltito presi singolarmente, fotografie parziali e incomplete, nella ricostruzione dell’assessore risulterebbe lo smaltimento sinora di circa 200 tonnellate di amianto e materiali contenenti amianto. A questo proposito giova tuttavia ricordare che mancano i dati della Scia 2012, per la quale non è ancora stata prodotta la nota di ultimazione, e quelli conclusivi della Dia 2009 per la quale risultano ancora da bonificare i manufatti in cemento amianto presenti all'interno della cava (fabbricato e passerella).

 

Valutata, la necessità, alla luce di quanto emerso e sopra evidenziato di dotarsi di una Relazione Tecnica a firma dell'attuale responsabile del Servizio A.T., soprattutto al fine di programmare e coordinare le future azioni da intraprendere, con particolare riferimento al sottosuolo-cava ed alla falda, fornendo specifico indirizzo in tal senso;

 

Constatato che, in linea con le azioni fino ad ora intraprese dalla coalizione espressione della attuale maggioranza consiliare e per rendere concreto quanto contenuto nel Programma di Mandato presentato al C.C. con deliberazione C.C. n.9 del 2.10.2013, esecutiva, occorre indirizzare l'organo esecutivo e con esso il Responsabile del Servizio A.T. verso azioni e attività istruttorie precise;"

 

Tutto ciò premesso,

 

PROPONGONO

 

L'adozione del seguente provvedimento,

 

IL CONSIGLIO COMUNALE

 

Fatta propria la relazione dei consiglieri come sopra riportata, che qui si intende richiamare parte integrante e sostanziale;

 

Visti:

 

- la L.R.n.56/1986 e la successiva L.R.20/2001;

 

- il D.P.R. dell'8/08/1994 in attuazione della L.257/1992;

 

- il D.M.14/05/1996, in particolare l'allegato I "Normative e metodologie tecniche per la valutazione del rischio, il controllo e la bonifica di siti dismessi";

 

- il D.M. n.471/1999;

 

- il D.lgs.22/1997 ed il successivo D.Lgs. 152/2006;

 

- la sentenza recente del Consiglio di Stato - sez.IV n.4828/2012;

 

- il vigente P.R.G.;

 

- il D.Lgs. 267/2000;

 

- lo Statuto Comunale;

 

Dato atto che, costituendo atto di mero indirizzo non necessita di pareri ex art.49 D.Lgs.267/2000;

 

Con duplice e separata votazione, anche in ordine alla immediata eseguibilità della presente deliberazione, espressa in forma palese per appello nominale, con il seguente esito:

 

P_____________ V_________________ F_____________ C_____________ A___________

 

DELIBERA

 

1) Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;

 

2) Confermare la necessità di effettuare ulteriori indagini e analisi che si indirizzino, questa volta, anche al suolo ed al sottosuolo ed in particolare al cd. "lago" e/0 cava, nonchè alla falda, come da richiesta all'ARPA e, in caso di mancato o tardivo riscontro da parte di quest'ultima, senza escludere il ricorso alla magistratura, attraverso richiesta alla Italcementi o, in ultima analisi, per mezzo di conferimento di incarico ad iniziativa del comune di Modugno, salvo rivalsa sulla Società;

 

3) Manifestare, da ultimo, ma non per ultimo, la volontà di destinare l'area interessata a verde, attraverso adozione e successiva approvazione di una variante allo Strumento Urbanistico Generale;

 

4) Fornire, conseguentemente, i seguenti indirizzi al Responsabile del Servizio Assetto del Territorio, affinché provveda:

 

a) a redigere una Relazione Tecnica, che tenga conto dello stato dei luoghi a seguito degli interventi di bonifica occorsi dal 2009 ad oggi, soprattutto al fine di programmare e coordinare le future azioni da intraprendere, con particolare riferimento al sottosuolo-cava ed alla falda;

 

c) all'avvio dell'istruttoria finalizzata alla predisposizione degli atti necessari da sottoporre al Consiglio Comunale, entro il 30.04 p.v., per la variante allo Strumento Urbanistico Generale, in ossequio al punto 2) del presente dispositivo;

4) Dichiarare con separata ed unanime votazione, la presente immediatamente eseguibile.

 


Ultimo aggiornamento Venerdì 24 Gennaio 2014 15:51
 

Commenti  

 
+1 #1 Guest 2014-01-24 17:22
Grazie consiglio comunale di Modugno.
Grazie dott. Nicola Magrone, finalmente Sindaco di Modugno. - Pasquino
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sudcritica Flash

==MARIO MARANGI, PER L'EXTRAVERGINE DI PUGLIA 'CREARE RETE' TRA I PRODUTTORI=Le ‪‎difficoltà‬ ma anche le grandi ‪opportunità‬ dei ‪‎produttori‬ ‪‎oleari‬ che puntano all'‪‎innovazione‬ e alla ‪‎qualità‬, in ‪Puglia‬ come a Modugno‬.
‪‎Investire‬ nell'‪olivicoltura‬ significa anche ‪valorizzare‬ il ‪territorio‬ e il tessuto‬ ‪sociale‬.
Ecco le ‪sfide‬ che affrontiamo noi ‪giovani‬ ‪‎imprenditori‬ ‎agricoli‬.
[v.in Sudcritica Modugno]

Sudcritica Flash

=IL COMUNE DI MODUGNO ABBATTE IL 'MURO'. LO ACQUISTO' COME OPERA D'ARTE, LO DISTRUGGE COME BAGNO FATISCENTE=
di Francesca Di Ciaula.Il 2 febbraio scorso, in piazza Romita Vescovo, un tempo adibita a mercato del pesce, sono iniziati i lavori di demolizione della parete adiacente ai bagni pubblici.
La motivazione è presto detta: sicurezza e salvaguardia della pubblica incolumità, fatiscenza delle strutture. Il tutto per una spesa di 35 000,00 €.
La parete ricoperta di marmo nero, fu costruita a ridosso della chiesa seicentesca delle Monacelle in pieno centro storico, per nascondere un bagno pubblico, alla vista di chi sostava nella piazzetta. Una visione dai contrasti indicibili. Un monolite scuro e dietro la parete chiara dell'antica chiesetta. L'antico e il nuovo, maldestro tentativo di dare dignità al piastrellato che ha invaso il paese, eppure opera pubblica. La modernità imposta per capriccio o arbitrio, il marmo contro la pietra povera antica. Oggi ulteriore denaro pubblico è stato impiegato per distruggere quel manufatto a nessuno mai piaciuto per la sua manifesta volgarità.

[v.leggi tutto in Sudcritica Modugno]

Sudcritica Flash

=ITALIA GIUSTA, IL COMUNE DI MODUGNO BLOCCHI LO 'SFRATTO' DELL’ISTITUTO DEL NASTRO AZZURRO=
di Tina Luciano.

Il movimento Italia Giusta secondo la Costituzione sollecita il Commissario prefettizio a Modugno perché blocchi lo ‘sfratto’ dell’Istituto Nastro Azzurro fino a quando sarà pronta la nuova sede ad esso destinata, in locali comunali che oggi ospitano i Servizi sociali.Il Museo e le Associazioni combattentistiche raccolte nell’Istituto custodiscono oggi le poche tracce esistenti di una memoria collettiva di Modugno, perse le quali va definitivamente in frantumi l’identità dell’intera città.
Un luogo della memoria va protetto e tutelato: insistere nel volerlo ‘sfrattare’ ha il sapore iconoclasta della provocazione, del voler far apparire come insensibile al bene pubblico una pubblica amministrazione che deve invece avere a cuore unicamente le esigenze sociali.

[v.anche in Sudcritica Modugno]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=CONSUMO DI SUOLO E COMUNITA' SENZA IDENTITA'. INCONTRO CON GIUSEPPE MILANO=
Il 23 gennaio 2015. Sono intervenuti Pasquale De Santis e Nicola Magrone."Contro il mostruoso consumo di suolo in tutta Italia, serve una mobilitazione dei cittadini, una coscientizzazione che ci faccia capire che la cementificazione costante ha un forte impatto sociale, significa alienazione, perdita di coesione della comunità, significa che non esiste più un'identità delle nostre città. Sentiamo spesso dire che si vuole 'costruire il futuro': ma lo si dice a vuoto, mentre si perpetuano questi atteggiamenti di noncuranza e di malapolitica. Costruire il futuro significa cominciare a far le cose per bene ogni giorno nelle nostre città. Quel che è successo a Modugno lo sapete voi, non ho titolo per parlarne ma parlano i fatti. Basta col dire che edilizia e urbanistica vanno visti come motore dello sviluppo, se poi sappiamo che servono per creare solo lo sviluppo di pochi... basta!"

Riprese video di A.Covella per Italia Giusta/Sudcritica

[v.anche in Sudcritica Modugno]

=DISCUSSIONI=

=SOVRANITA' NAZIONALE
MONETARIA
E DEBITO PUBBLICO=

Serafino Pulcini/
Mino Magrone

Monete-antiche-riportate-alla-luce-in-uno-scavo-archeologico


_________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=PROTEZIONE CIVILE, INCONTRO CON GIUSEPPE DI CIAULA=
Il 9 gennaio 2015. Coordinamento, formazione, esercitazioni, sicurezza sono i cardini di una buona protezione civile.Fondamentale un piano dettagliato di intervento, con volontari professionali i quali - quando dovessero verificarsi emergenze - sanno che fare ma non usurpano i compiti dei professionisti. Partecipano il presidente di Italia Giusta secondo la Costituzione, Pasquale De Santis, e Francesca Di Ciaula, della segreteria del movimento.
Riprese video di A.Covella per Italia Giusta/Sudcritica

[v.anche in Sudcritica Modugno]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=PROTEZIONE CIVILE, INCONTRO CON WILLIAM FORMICOLA=
Il 12 dicembre 2014, su ''Stato di salute del territorio italiano e ruolo della protezione civile''.Al centro dell'intervento, le azioni che gli amministratori devono compiere per prevenire, e per intervenire nel verificarsi di emergenze; gli effetti della mano dell'uomo sull'aggravamento dei rischi, i pericoli legati al consumo del territorio e al costruire senza regole. E' intervenuto il presidente di Italia Giusta, Pasquale De Santis.
Riprese video di A.Covella per Italia Giusta/Sudcritica

[in Sudcritica Modugno]

=POLITICA E CONSENSO=

=LA POLITICA
DELLE LOCUSTE=

locuste-madagascar


se si vuole tentare
un recupero
delle regole
che tutelino tutti,

bisognerà scontentare
i gruppetti di interesse
che si concentrano come locuste
intorno al patrimonio pubblico

di  Tina Luciano
__________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=CULTURA, SCUOLA E
TERRITORIO E LA 'NUOVA'
FIERA DEL CROCIFISSO
A MODUGNO=

seminario IG di ciaula longo lobaccaro

Per i Seminari di Italia Giusta
secondo la Costituzione,
incontro - il 21 novembre 2014 -
col musicista dei Radiodervish
Michele Lobaccaro
e con Francesca Di Ciaula
e Valentina Longo.
Su politiche culturali a
Modugno, sul successo
della 'nuova' Fiera
del
Crocifisso inaugurata
con l'amministrazione
Magrone
e sull'importanza
delle relazioni
tra scuola e territorio.

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=ECONOMIA E UE.
CI VORREBBE KEYNES
MA E' TROPPO
DI SINISTRA=

keynes-main-photo


Ilquadro
macroeconomico

dell’Europa
dovrebbe suggerire
la ripresa di politiche economiche
poggiate sulle argomentazioni
della cosiddetta sintesi postkeynesiana.
Invece, ciò è ancora molto lontano
dall’essere preso in considerazione
dalle istituzioni europee

di  Mino Magrone

____________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=LE SCELTE FISCALI DELLA GIUNTA MAGRONE PER PROTEGGERE I CETI MENO ABBIENTI=
Incontro con Dino Banchino.

Per i seminari di Italia Giusta secondo la Costituzione, incontro con l'assessore al Bilancio dell'amministrazione comunale di Modugno guidata da Nicola Magrone.Banchino ha parlato delle scelte fiscali fatte dalla giunta, tutte improntate all'art.53 della Costituzione italiana, per il quale il sistema tributario nel nostro Paese "è informato a criteri di progressività”.
Per questo, per il 2014 a Modugno non si è pagata la TASI, preferendo scaricare il peso maggiore della contribuzione dei cittadini sull'Irpef. Sono intervenuti Pasquale De Santis, presidente di Italia Giusta secondo la Costituzione, e Nicola Magrone.

[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=MODUGNO, LA GIUNTA MAGRONE E L'AIUTO AI PIU' DEBOLI=
Incontro con Rosa Scardigno

Per i seminari di Italia Giusta secondo la Costituzione, incontro con l'assessore ai servizi sociali dell'amministrazione comunale di Modugno guidata da Nicola Magrone.Al centro dell'intervento dell'assessore, gli sforzi per ricostituire servizi disastrati (Ufficio di Piano, in primis), le necessità cui assolvere senza arbitrio, la descrizione di un lavoro interrotto a poco più di un anno dall'insediamento, quando avrebbe potuto dare aiuti più congrui.

[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

=DISCUSSIONI=

=MODUGNO.
CON ITALIA GIUSTA
PER ROMPERE
L'AGGLOMERATO
DI POTERE=

logo italia giusta internet


Da queste parti
smuovere la stagnazione
di poteri è stato
un azzardo
ed una scelta
 coraggiosa.
E tuttavia la dimostrazione
che un movimento possa spezzare

un meccanismo consolidato
c'è stata.
[...] Che si possano tentare
scelte politiche limpide e nette,
l'esperienza amministrativa
modugnese ce lo insegna

di  Francesca Di Ciaula
____________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=MODUGNO, LA NUOVA FIERA DEL CROCIFISSO=
Incontro con Tina Luciano -
"Queste sono le ragioni e le modalità della nuova configurazione della Fiera del Crocifisso......da un lato riannodare i fili con il centro della città, dall’altro garantire la sicurezza in un sito che, oltre ad essere isolato non garantiva nemmeno l’incolumità dei visitatori".

[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

=I LUOGHI=

=BORGO TACCONE.
STORIA PICCOLA
DEL SUD=

taccone7


Borgo Taccone
è questo luogo
dell'assenza,
una storia mancata
di insediamenti rurali.
Eppure non riesci
ad individuare la parola fine
a questa storia.
Il borgo intero sembra piuttosto
un racconto interrotto.

di  Francesca Di Ciaula
______________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=IL MATTONE DI CALVINO.
60 ANNI DOPO=

Credits-LaPresse h partb


“Un sovrapporsi
geometrico di parallelepipedi
e poliedri, spigoli e lati di case,
di qua e di là, tetti, finestre,
muri ciechi per servitù contigue
con solo i finestrini smerigliati
dei gabinetti uno sopra l’altro”.

di  Nicola Sacco
______________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=CRISI. PER SALVARE
L'EUROPA BASTEREBBE
SVEGLIARE IL GIGANTE=

images


Una modesta
frazione

di questo gigante finanziario
narcotizzato e costretto
a stare improduttivo può,
purché l’Europa e la Germania
lo vogliano, finanziare opere
e interventi comuni di sviluppo
e crescita dell’occupazione
di lavoratori in Italia ed in Europa

di  Mino Magrone
______________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=MODUGNO.
LA DIGNITA' POSSIBILE=

francesca4


Questo, il sindaco
di Modugno,
Nicola Magrone,
ha insegnato nel primo anno
di amministrazione a chi
ha voluto comprendere:
a essere chiari,
a pronunciare il nome delle cose
senza timore, pubblicamente,
non in cenacoli all’ombra
di qualche interesse
che non fosse quello
di tutti i cittadini.

di  Francesca Di Ciaula

____________________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=TAMARO, IL GRANDE NEMICO
E' IL NIENTE. O LO E'
PIUTTOSTO IL NICHILISMO?=

rotoletti010


L'angoscia e il disagio
non sono soltanto
sentimenti dei giovani,
sono invece
di noi tutti
in quanto mortali
destinati a finire,
al niente

di  Mino Magrone

_______________

[Leggi tutto]

Sudcritica Modugno

=GUASTO A PASSAGGIO A LIVELLO MODUGNO. IL SINDACO, SITUAZIONE ASSURDA CHE SI RIPETE= 5 aprile 2014 - Dice Nicola Magrone: "Prendero' le opportune iniziative per l'attuazione puntuale di intese precise sui compiti i di Fal e Rete Ferroviaria Italiana. Quello che serve e' scongiurare ulteriori situazioni di grave pericolo".[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

=DISCUSSIONI=

=“La grande bellezza”?=

la grande bellezza


Finché continua
l’umana avventura
in questa valle,
ci sarà scienza, arte,
religione
e l’apocalisse del pensiero
lasciamola ai meno dotati.
Non ci riguarda.

di  Pippo De Liso

_______________

[Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=JOBS ACT, LAVORO

SENZA DIRITTI

E SENZA DIFESE=

CGIL crisi

 
l’Europa solidifica
interessi preminenti
anche sottraendo
ai Paesi
a sovranità nazionale
le tradizioni politiche
e i documenti storici d’identità.
L’Italia è in prima fila con la cessione
della Costituzione e la fiammata
di follia collettiva del cambiamento
a tutti i costi, soprattutto in peggio

di  Pippo De Liso

_______________

[ Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=Per far ripartire l'Italia

non serve stravolgere

la Costituzione=

costituzione

Proposta, da parte di un attivista

di Italia Giusta, di una piccola

guida pratica, aperta a suggerimenti,

per orientarsi tra i temi

di stretta attualità politica

di  Nicola Sacco

_______________

[ Leggi tutto]

Sudcritica Modugno

=RACCOLTA DIFFERENZIATA A MODUGNO, SUDCRITICA INTERVISTA L'ASSESSORE = 17 marzo 2014 - Puoi seguire l'intervista anche alla pagina di Sudcritica Modugno.Tra breve, finalmente, anche a Modugno (e per l'intero Aro del quale Modugno è capofila) ci sarà un bando di gara per una vera raccolta differenziata. Con l'aiuto e la collaborazione di tutti i cittadini dovrà portare al traguardo 'rifiuti zero'. L'assessore comunale Tina Luciano spiega a Sudcritica come accadrà.

Riprese e post produzione di Alberto Covella

Per discutere con il Movimento Italia Giusta secondo la Costituzione, questi gli indirizzi:
sede: via X marzo 88 - 70026 MODUGNO
posta elettronica: [email protected]
[email protected]
rivista: www.sudcritica.it

=DISCUSSIONI=

Larroganza

della Rai

In nessun altro

Paese europeo

si assiste al pagamento

di un canone obbligatorio

a fronte di una pubblicità

invadente e accentratrice

di  Pippo De Liso

_______________

[ Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

Il documento

alternativo

"Il sindacato

è un'altra cosa"

per il XVII Congresso

della Cgil

 

di  Pippo De Liso

__________________

[ Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

Una sinistra

nata piccolo-borghese

 

di  Franco Schettini

__________________

a mio avviso il nostro “marxismo” altro non è stato che riformismo piccolo borghese, nemmeno socialdemocratico

Il 15 giugno del 1975 Pasolini scriveva, dopo le effimere vittorie delle sinistre, che “l’Italia è nel suo insieme ormai un Paese spoliticizzato, un corpo morto i cui riflessi non sono che meccanici. L’Italia cioè non sta vivendo altro che un processo di adattamento alla propria degradazione”.

[ Leggi tutto]

Contro la violenza sulle donne

MAGRONE, PALMINA E LE SUE PAROLE HANNO CAMBIATO LA MIA VITA
Casacalenda, 16 novembre 2013 - intervista di Maurizio Cavaliere. Magrone ricorda il giorno in cui palmina martinelli gli parlò in punto di morte, rivelandogli i nomi dei suoi aguzzini. La 14enne di fasano morì data alle fiamme nel novembre 1981, si era rifiutata di prostituirsi.

=LA VIOLENZA ESIBITA=

di Francesca Di Ciaula

____________________

violenza2 [ Leggi tutto]  

DON TONINO BELLO - LA COSCIENZA E IL POTERE

IL POTERE, LA LEGGE, LA COSCIENZA
Don Tonino Bello ricordato dal sindaco di Modugno, Nicola Magrone, a Mola di Bari, il 16 ottobre 2013, con l'assessore regionale Guglielmo Minervini e don Gianni De Robertis.La speranza nel patto tra deboli, se non per rovesciare il potere almeno per attenuarne l'abuso. Tornare alle origini di don Tonino Bello è tornare alle origini del nostro popolo, cioè la Costituzione. Secondo il sindaco di Modugno, oggi la costituzione non deve essere modificata.

cronache dall'interno

=IL SINDACO DI MODUGNO NICOLA MAGRONE E LA SUA GIUNTA INCONTRANO I CITTADINI=
26 settembre 2013 - Filmato integrale dell'incontroPer la prima volta nella vita amministrativa di Modugno, l’amministrazione parla con i cittadini in un incontro pubblico.

Riprese e post produzione di Alberto Covella

Per discutere con il Movimento Italia Giusta secondo la Costituzione, questi gli indirizzi:
sede: via X marzo 88 - 70026 MODUGNO
posta elettronica: [email protected]
[email protected]
rivista: www.sudcritica.it

Newsletter

Grazie per esserti iscritto alla newsletter di Sudcritica. Stay tuned :)
Banner

Contattaci

Da (email)
Oggetto
Inserire questo testoifewyjlh
 No SPAM