Home
Sudcritica
=QUINTA FESTA DI ITALIA GIUSTA SECONDO LA COSTITUZIONE= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Martedì 14 Ottobre 2014 21:17

Modugno, 26 settembre 2014

In onore di Elisa Springer, con le parole della musica;

nel vento, ma è musica

 

Con Nicola Magrone, Pasquale De Santis e il quartetto “New Guitar Style”

(Emanuele Ercole, Gaetano Depalma, Nicola Porfido e Mirko Loconsole).

Riprese di Alberto Covella per Italia Giusta/Sudcritica

Ultimo aggiornamento Martedì 14 Ottobre 2014 21:35
 
=MODUGNO. GLI EFFETTI DELLO SCIOGLIMENTO FORZATO DEL CONSIGLIO COMUNALE= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Lunedì 13 Ottobre 2014 23:33

architettura

MA Modugno LA VOGLIONO murata viva?


In tutta la Puglia si è votato per eleggere i consigli provinciali

e a Bari , dove la Città Metropolitana sostituisce la Provincia, per la composizione del Consiglio Metropolitano.

A Modugno? Niente.

di  Nicola Sacco

 

 

 

 

LE OSSERVAZIONI CRITICHE E LE PROPOSTE

del Movimento Italia Giusta secondo la Costituzione. IL RISCHIO DEL CAOS

di Giovanna Longo Crispo

Ultimo aggiornamento Giovedì 16 Ottobre 2014 13:22
 
=art.18 dello Statuto dei lavoratori. Contro gli equilibri di sottoccupazione= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Lunedì 29 Settembre 2014 11:44

lavoro

La disoccupazione va sconfitta percorrendo vie diverse. Sono le vie che conducono all’incremento consistente della domanda effettiva (di beni di consumo e di beni di investimento). Oggi la domanda effettiva è ferma: non può l’offerta e la produzione di beni e di servizi espandersi senza che ci sia una richiesta adeguata

 

di  Mino Magrone

________________

Sul Corriere della sera del 21 settembre scorso, Maurizio Ferrara ci spiegava perché il “sindacato ha torto nel battersi a favore del mantenimento dell’art. 18 visto anche come elemento equilibratore della parte più debole del mercato del lavoro.

Vi si legge: le riforme vanno fatte osservando i problemi concreti della società e non i semafori dell’ideologia. Appare più che chiaro che queste affermazioni possono essere, non senza ragione, ritorte contro l’editorialista del “Corriere. Il quale, forse inconsapevolmente, non si avvede che il delicatissimo argomento del mercato del lavoro ha rappresentato e rappresenta ancora oggi (e chissà per quanti decenni ancora) un tema cruciale sia dell’economia pre-keynesiana (classica e neoclassica) sia di quella keynesiana e post-keynesiana.

Ultimo aggiornamento Martedì 30 Settembre 2014 09:26
 
=ANCORA SULLA PELLE DEGLI OPERAI DELLA OM= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Sabato 20 Settembre 2014 22:06

OM. LE ISTERIE E LE INGIURIE di un ex consigliere.

 

L’ex Consigliere Pd Cramarossa ha scritto su Fb queste testuali (titolo compreso) “considerazioni” sulla vicenda OM:

“BUFFONI, FALSARI, nanoMAZZIERI e microFASCISTI.

Nell'intervista rilasciata a Pino Oro, davo atto della buona fede e dell'impegno dell'ex amministrazione a trovare una soluzione per la spinosa questione OM. Sottolineavo tuttavia che nessuna iniziativa comunale è mai stata scritta nell'agenda della Regione e del Ministero e che alla propaganda non ha corrisposto nessun risultato concreto. Punto.
La cessione del Capannone dalla Kion al Comune, un valore di una 6-8 milioni di euro, e dal comune a chicchessia non rientra in nessun accordo finale. Una provocazione interessante, a cui si sono affezionati assai. E giù con la propaganda.
Allego il verbale dell'accordo Regione/OM/METEC/Sindacati. L'accordo che conta. Si da atto dell'impegno di tutti, comune incluso, ma la soluzione è stata trovata altrove come era naturale che fosse in una vicenda industriale "multinazionale". Al solito, come nel caso dello spostamento del mercato settimanale, con le carte alla mano, si capiscono tante cose. Chi ha concluso qualcosa e chi ha cianciato per un anno e mezzo, con la pretesa di essere credibile e creduto. E comunque alla fine ti becchi un buffone e falsario, come nella migliore tradizione mazziera. Preferisco i fascisti veri che non hanno timore di esibire la loro identità politica a questa sinistretta microfascista e radicalchok del centralismo democratico: facciamo finta di discutere che poi decido io!”.

Cose dell'altro mondo.

Ultimo aggiornamento Sabato 20 Settembre 2014 22:30
 
=MODUGNO. NICOLA MAGRONE PARLA AI CITTADINI= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Giovedì 11 Settembre 2014 11:04

 UNA CITTA’ CHE NON SI ARRENDE E VUOLE LEGALITA’

 Dopo lo scioglimento del consiglio comunale, a causa delle dimissioni
di 13 consiglieri, un incontro pubblico per capire meglio
quel che è accaduto al Comune di Modugno e ad opera di chi.
Quanti hanno ancora fiducia nel futuro della città hanno partecipato.
Qui l’intervento di Nicola Magrone

comizio0809n3

Una piazza gremita come mai era accaduto
in questo paese così distratto, così lacerato
e il discorso del sindaco uscente di Modugno, Nicola Magrone,
in cui si sono alternati toni alti a toni pacati, a raccontare il triste momento
che il paese sta vivendo.
Centrale il richiamo alla dignità dei cittadini
con parole dirette, senza sfumature

di  Francesca Di Ciaula

____________________

 

 Riprese e postproduzione di Alberto Covella per Italia Giusta/Sudcritica

_____________________________________________________________

Ultimo aggiornamento Giovedì 11 Settembre 2014 16:51
 
=COME IL SINDACO MAGRONE ANNUNCIO' IN CONSIGLIO COMUNALE LA QUESTIONE URBANISTICA A MODUGNO= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Martedì 17 Giugno 2014 23:21

.RIPROPONIAMO UN DOCUMENTO NEL QUALE NICOLA MAGRONE INFORMA IL CONSIGLIO COMUNALE DI MODUGNO DELLA QUESTIONE URBANISTICA. SIAMO AL 28 MAGGIO 2014. LE POLEMICHE, GLI INTRIGHI , IL DIVAMPARE DI INTERESSI DI CETO E PERSONALI SEGUIRA' SUBITO DOPO, FINO ALLO SCIOGLIMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DETERMINATO DALLE DIMISSIONI IL 22 AGOSTO 2014 (TRE GIORNI PRIMA DELLA SEDUTA MONOTEMATICA DI CONSIGLIO GIA' CONVOCATA PER IL 25 AGOSTO SUI PROBLEMI URBANISTICI)  DI TREDICI CONSIGLIERI DICHIARATISI "SEMPLICEMENTE" INFASTIDITI DAL "CARATTERACCIO" DEL SINDACO!. L'URBANISTICA, LA SPECULAZIONE EDILIZIA, LE MANI SULLA CITTA' NON C'ENTRANO NIENTE, DIRANNO POI I TREDICI CONGIURATI; QUESTIONE DI CARATTERE, TANTO VALE DIMETTERSI. COSI' SI E' OLTRAGGIATA UNA CITTA'.

 

                                                        COME IL SINDACO MAGRONE ANNUNCIO' IL 28 MAGGIO 2014 IN CONSIGLIO COMUNALE IL DISVELARSI DI UNA QUESTIONE URBANISTICA A MODUGNO. UN APPELLO ALL'UNITA' DEL CONSIGLIO, RIFIUTATO DALLE LOBBY DEL MATTONE CON TONI ED ATTI DA GUERRIGLIA URBANA.

architetturaDAL 1999 AL 2014 A MODUGNO
SI È COSTRUITO
  INVENTANDO E SEGUENDO

NORME ILLEGITTIME

Urgente la necessità
di un sistema di norme certe

 

Magrone: quel che è stato fatto sinora non ci riguarda e non sarà toccato. Da oggi in poi occorre però rimettere sui binari un treno deragliato

 

Riproponiamo IL DOCUMENTO

e le dichiarazioni di Magrone

al Consiglio Comunale del 28 maggio 2014

valgono per oggi.

Quella che segue è la comunicazione del Sindaco di Modugno, Nicola Magrone, al Consiglio Comunale del 28 maggio 2014 intorno alle gravissime anomalie emerse nella gestione del territorio negli anni dal 1999 ad oggi.
La comunicazione del Sindaco illustra nei punti essenziali l’allarmante situazione urbanistica della città; rassicura l’opinione pubblica per quanto riguarda il rischio di coinvolgimento delle realizzazioni urbanistiche già realizzate e pone il problema del presente e del futuro.

Il Sindaco conclude con un appello all’unità delle forse politiche della città, ai professionisti, ai lavoratori, agli imprenditori, agli artigiani, agli intellettuali per affrontare un problema ereditato dal passato e che produce i suoi effetti anche oggi sulla qualità della città e della vita dei cittadini.

Il Sindaco annuncia un suo incontro pubblico con i cittadini e chiede, infine, la convocazione di una seduta monotematica sul tema urbanistico e sulle prospettive di sviluppo sostenibile della città.

Il documento è fondamentale perché invita tutti a scongiurare il rito delle speculazioni e delle strumentalizzazioni di parte, responsabilità individuali e politiche a parte, intorno ad un problema che investe direttamente il futuro della Città.

Movimento Italia Giusta secondo la Costituzione

 

       

Ultimo aggiornamento Sabato 06 Settembre 2014 22:55
 
=MODUGNO E LA CITTA' METROPOLITANA. FUORI DA TUTTO PER LA POLITICA VIOLENTA DELL'INCHINO= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Mercoledì 03 Settembre 2014 10:58

sinkingpre-politici che s’intestano IL CAPOLAVORO strategico dell’affondamento di un consiglio comunale. per che cosa? per assurgere a EROI DELLE PROPRIE CORDATE e confermarsi CULTORI DI UNA CITTà FATTA FUORI DA TUTTO tranne che dalle loro mani

Modugno fuori anche della città metropolitana. Chi si avvantaggia dal disastro modugnese? Risposta: gli autonomisti da pianerottolo, quelli della ‘repubblica indipendente’ di Modugno, fondata sulla legge non scritta (non scritta forse ancora per poco) che istituisce l’identificazione del bene comune con l’interesse privato.

di  Nicola Sacco

______________

Ultimo aggiornamento Sabato 06 Settembre 2014 21:57
 
=MAGRONE: 'LE DIMISSIONI DI 13 CONSIGLIERI? UNA FUGA CHE OLTRAGGIA IL PAESE'= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Venerdì 22 Agosto 2014 16:36

architettura2URBANISTICA MODUGNO. Tredici consiglieri comunali di Modugno si dimettono, per sfuggire alla discussione sulla delibera proposta dal Sindaco per riportare la legalità

 

 

 

Dichiarazione del Sindaco di Modugno, Nicola Magrone, sulle dimissioni
di tredici Consiglieri comunali di Modugno e il conseguente scioglimento del Consiglio

UNA FUGA CHE OLTRAGGIA IL PAESE

Sono dispiaciuto della brutalità del gesto di tredici Consiglieri che disarma e oltraggia per l’ennesima volta la comunità di Modugno. Lunedì 25 agosto si sarebbe tenuta una seduta monotematica del Consiglio comunale sulla questione urbanistica che ha devastato il Paese per ben quindici anni.

Ho proposto, di concerto con la Regione Puglia, una delibera più di un mese fa per la soluzione ed il superamento della scandalosa situazione magroneurbanistica di Modugno, l’avremmo discussa, lunedì prossimo, alla luce del sole e al cospetto della cittadinanza. Tredici Consiglieri hanno preferito darsi alla fuga e buttare la Città nel caos. Mi auguro che qualche Autorità competente valuti questa vicenda e ne tragga le conseguenze istituzionali.

Per quanto mi riguarda, ho fatto il possibile per ridare dignità alla Città di Modugno dopo il naufragio giudiziario della precedente Amministrazione di appena due anni fa.

L’urbanistica è, a Modugno, un cancro che non si riesce a vincere; per parte mia, mi sento parte offesa, insieme alla mia comunità, di un gesto eversivo.
Il mio appello è alla Comunità: di resistere a questi violenti tentativi di occupazione della Città, che vengono impunemente compiuti anche a costo di sfregiarla.
Davvero: una fuga che oltraggia ancora una volta la mia Città.

Una nota di ITALIA GIUSTA SECONDO LA COSTITUZIONE

Ultimo aggiornamento Domenica 24 Agosto 2014 11:35
 
=ISRAELE-PALESTINA. CONTRO LA VOCE ORRENDA DELLA GUERRA= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Mercoledì 13 Agosto 2014 09:00

guerra2

Per scongiurare un nuovo olocausto bisogna ragionare sul grave conflitto arabo-israeliano, senza issare bandiere pro o contro. Impadroniamoci del dramma arabo-israeliano, discutiamolo con competenza e rispetto totale

di  Mino Magrone

________________

Mi auguro di non essere retorico ma quella che, ancora una volta, si sta consumando sotto i nostri occhi fissi sullo schermo televisivo è veramente una tragedia di grandi dimensioni. I morti sono tanti e ciò che sgomenta ancora di più è la determinazione guerriera di entrambi i belligeranti: i palestinesi e gli israeliani. I negoziati indiretti fra israeliani e palestinesi al Cairo, con la mediazione dell'Egitto, riprendono oggi, ultimo giorno prima della scadenza del cessate il fuoco di 72 ore nella Striscia di Gaza. Una fonte della delegazione palestinese ha parlato nelle scorse ore di "progressi". "Ci sono stati progressi, ma non ancora sufficienti a un accordo solido, i negoziati continueranno", ha detto. Ma la pace, tantissime volte, oggi e in passato, è stata violata più o meno arbitrariamente, da ciascuno adducendo le rispettive ragioni.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 13 Agosto 2014 09:12
 
=SENATO, SFREGIATA LA COSTITUZIONE= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Venerdì 08 Agosto 2014 20:05

Il Senato stravolge se stesso

 

E si mette in buone mani

 

Lo riempiranno lorsignori

 

silvio e renzie 92842a3b3db72a4c5ccd4b8263da4fec

Ultimo aggiornamento Venerdì 08 Agosto 2014 20:15
 
=URBANISTICA MODUGNO. UN'ALTRA REPUBBLICA NELLA REPUBBLICA= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Giovedì 07 Agosto 2014 13:06

Ivo Pannaggi Treno in corsa Speeding Train 1922. Oil on canvas

L'illegalità come costume dell'amministrare dentro il paese reale di tutti i cittadini, inclusi - e sono tanti - quei “fessi matricolati” - è l'ex assessore Pierino Losole a scrivere, nel 2007 – solo per i quali “i sani principi sull'inderogabilità delle distanze dai confini non edificati vengono fatti rispettare e imposti

 

di  Francesca Di Ciaula

____________________

 

“A volte ho la sensazione che quel secondo settore - appunto all'Urbanistica e edilizia privata - fosse un'altra Repubblica nella Repubblica”. Così si esprimeva per iscritto nel 2007 durante un' interrogazione consiliare, l'allora assessore alle Attività produttive a Modugno, Pierino Losole. Losole ne parlò al consiglio per ben tre volte ma sindaco, assessori e consiglieri dell'epoca fecero tutti finta di non vedere e non sentire.

Ultimo aggiornamento Giovedì 07 Agosto 2014 14:40
 
=URBANISTICA E POLITICA A MODUGNO. LA PROPOSTA DEL SINDACO MAGRONE= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Venerdì 01 Agosto 2014 17:38

 

balconi sporgenti2ECCO LA PROPOSTA
DI DELIBERA
PER USCIRE DA 15 ANNI
DI ILLEGALITA' EDILIZIA

Modugno è un Comune nel quale si è costruito per 15 anni - dal 1999 al 2014 - con norme illegittime che la Regione Puglia non riconosce come ‘efficaci e vigenti. Lo ribadisce ancora una volta la Regione al Comune di Modugno, con una nuova nota (la quinta nel giro di un paio di mesi)  nella quale dà ragione all’amministrazione Magrone, ripetendo che per la Regione Puglia sono “efficaci e vigenti le norme tecniche di attuazione” approvate con il Piano regolatore generale del 1995.

La Regione condivide l’intero percorso dell’amministrazione Magrone e nell'ultima sua nota - firmata dall'assessore Angela Barbanente, vicepresidente dell'ente regionale, e dai dirigenti del suo assessorato Giuseppe Musicco, dirigente Abusivismo Contenzioso, e Nicola Giordano, dirigente per la pianificazione del Territorio - conclude ancora una volta: bisogna attenersi alle norme del 1995. Sulle attività edilizie nel Comune di Modugno, l’Ente regionale avverte: se non si osservano le norme del ’95 non c’è legalità.
Per questo, il Sindaco Magrone propone ora al Consiglio una delibera che “in un paese civile risolverebbe il problema urbanistica”. Eccola.

Ultimo aggiornamento Venerdì 01 Agosto 2014 18:01
 
=CHE COSA, SECONDO LA REGIONE PUGLIA, SI DEVE FARE PER RISOLVERE LA QUESTIONE URBANISTICA A MODUGNO= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Venerdì 01 Agosto 2014 22:38

architettura

Il 20 giugno scorso il Consiglio comunale di Modugno - dice la Regione - pur "prendendo atto che ‘la Regione Puglia ha fornito indicazioni in merito alle possibili modalità di risoluzione delle problematiche connesse con le anomalie procedurali relative al Piano Regolatore generale comunale e alle sue varianti’, non ha inteso adottare alcun provvedimento in tal senso".
Magrone insiste, dunque, con una proposta di delibera che risolverebbe il problema con criteri di legalità e giustizia

 

 

 

Ultimo aggiornamento Sabato 02 Agosto 2014 12:20
 
=CON O SENZA DIGNITÀ?= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Martedì 22 Luglio 2014 16:34

municipioFinalmente liberi di essere loro stessi 

di  Redazione Sudcritica

_____________________


 


Senza dignità, tradendo il loro stesso nome, dicono “che è falso”. Ebbene un esempio su tutti che valga alla cittadinanza di Modugno a far capire cosa è vero quando loro dicono che è falso… e se mentono sull’elettrodotto del quartiere Cecilia, pensate sull’urbanistica o su altro. Il resto lo si capisce da soli a volerlo capire. Ecco la dichiarazione di 'Adesso! Modugno con dignità': "Per il quartiere Cecilia ci siamo occupati dell’interramento dell’elettrodotto ad alta tensione e abbiamo scoperto che dietro le roboanti affermazioni del sindaco c’era il vuoto assoluto".

Ultimo aggiornamento Mercoledì 23 Luglio 2014 00:48
 
='QUESTIONE URBANISTICA' A MODUGNO. LA RICHIESTA INDECENTE= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Lunedì 21 Luglio 2014 00:21

architettura2dovrebbe chiedere scusa ai suoi elettori per aver barato, dimettersi dalla carica di consigliere e cercare per le prossime elezioni un luogo più consono quel consigliere comunale che ha ottenuto voti per se stesso fingendo di approvare il programma del Sindaco e che oggi, dopo aver raggiunto il suo obiettivo, dichiara di non essersi mai sentito parte del movimento nella cui lista si è candidato ed è stato eletto e di non averne mai condiviso le finalità

di  Gianfranco Pagnelli

_____________________

Ultimo aggiornamento Lunedì 21 Luglio 2014 23:44
 
=ALLARME TRASFORMISMO A MODUGNO. AL SOLITO, LA QUESTIONE URBANISTICA= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Domenica 06 Luglio 2014 11:34

 

“scilipoti” a Modugno

La questione urbanistica a Modugno ha favorito l'emergere di competenze inaspettate tecniche e giuridiche: ognuno crede di potersi avventurare in disquisizioni giuridiche e, appunto, tecniche: ha ragione tizio, ha ragione caio. Nessuno, letteralmente nessuno, ha considerato il problema del sacco edilizio di Modugno favorito se non determinato da atti di pirateria amministrativa culminati nella famosa delibera del Consiglio Comunale di Modugno del 1999 che ha duplicato, triplicato e quadruplicato i volumi e le superfici “utili”. Che si sia trattato di “norme illegittime” è cosa ormai risaputa (all’inizio, si contestava anche questo); il problema è che pezzi di società e di Consiglio comunale intendono non mollare la presa e murare totalmente ogni spicchio di terra al servizio della speculazione più selvaggia.

L’Amministrazione comunale ha preso atto di doverose segnalazioni da parte degli Uffici tecnici rinnovati, ha consultato la Regione, ha approfondito gli aspetti giuridici e tecnici pervenendo alla conclusione fatale: quindici anni non sono bastati a seppellire la Città sotto colate di cemento; resta il tempo del rimedio tempestivo e profondo.

Ecco insorgere ceti professionali e cosiddetti politici per pretendere con la forza che tutto rimanga com’è; sono gli stessi che non rispondono mai alla domanda di civiltà urbana che sale dal paese, fingono di non sapere che la fragilità del tessuto urbano e la sua esposizione a sistematiche inondazioni, la viabilità ridotta a sistema di contorti sentieri accidentati piegati agli interessi speculativi, l’assenza totale di verde, la deportazione di intere comunità in casermoni pagati a caro prezzo, l'abbandono del centro storico (inesauribile riserva di lavoro e di cultura) sono tutte conseguenze del delirio di insediamenti praticato per almeno un quindicennio.

L’Amministrazione comunale non ha finto di non vedere e di non sapere, ha constatato e posto il problema dell’indecenza di un sistema urbanistico intollerabile che disonora intere generazioni di amministratori.

Di qui, esattamente di qui, nasce la “spaccatura” del Paese in almeno due “partiti”: quello dei cementificatori e quello della resistenza in difesa della qualità della vita e del rispetto possibile della natura. Il “partito del cemento”, dunque, ha tutto l’interesse a far fuori l’Amministrazione, con le buone e con le cattive (finora si son viste solo le cattive; ne parleremo).

La comunità tuttavia, per quanto stordita da campagne di terrorismo (“vi toglieranno la casa, vi ridurranno i piani di ogni palazzo, vi butteranno sul lastrico, non vi faranno avere i mutui”, e via profetizzando scenari lugubri), mostra, nonostante questo momento di crisi, di comprendere la posta in gioco: regga o meno “politicamente” l’Amministrazione eletta da appena un anno (gli “scilipoti” sono al lavoro e danno il peggio di sé), la si riconsegni o meno ad un Commissario di Governo e poi alla vecchia guardia del medioevo cittadino, le coscienze individuali e collettive non torneranno indietro. Questa Amministrazione può essere sconfitta nel Palazzo, molto più difficile è sradicarla nella società. Non si torna indietro. [n.m.]

.

Movimento Italia Giusta secondo la Costituzione - Movimento Legalità è libertà - Movimento democratico.

 

 leggi  IL CASO MODUGNO. Il grano e il loglio.

Ultimo aggiornamento Lunedì 07 Luglio 2014 11:54
 
='QUESTIONE URBANISTICA' A MODUGNO. MAGRONE, SERVE UN COMUNE SENTIRE SULLA NECESSITA' DI COSTRUIRE UN APPRODO= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Sabato 28 Giugno 2014 10:17

DAL 1999 AL 2014 A MODUGNO SI E' COSTRUITO CON NORME ILLEGITTIME.per rivista1

UN CONVEGNO PD (25 GIUGNO 2014) SUL TEMA 'URBANISTICA DI QUALITA''
L'INTERVENTO INTRODUTTIVO DEL SINDACO NICOLA MAGRONE

 

Dal 1999 al 2014 nel territorio di Modugno si è costruito seguendo norme non valide perché non approvate - come era invece previsto dalle leggi - dalla Regione Puglia. Le norme non valide furono introdotte con modifiche apportate nel 1999 (con una delibera di Consiglio Comunale) alle norme tecniche attuative del Piano Regolatore Generale Comunale che era stato approvato dalla Regione Puglia nel 1995. L'illegittimità l'ha rilevata la stessa Regione Puglia investita dalla questione delle norme di costruzione in vigore nel Comune di Modugno dal nuovo dirigente comunale al settore Urbanistica, Francesca Sorricaro, nominato dall’amministrazione guidata da Nicola Magrone, in carica da un anno.

In molte parti, le norme del 1999 ritenute dalla Regione non valide hanno modificato il Piano regolatore generale in maniera anche rilevante, per esempio alterando il rapporto tra altezza degli edifici e larghezza stradale, escludendo dal calcolo della complessiva superficie edificabile le superfici di scale esterne e balconi o ancora inserendo in aree destinate ad attività industriali altre destinazioni d’uso come attività commerciali di vendita e distribuzione. In altri casi non hanno tenuto delle prescrizioni della Regione, per esempio riguardo a sopraelevazioni o ristrutturazioni.

Il 25 giugno 2014 si è tenuto a Modugno, per iniziativa del Pd, un convegno sul tema 'L'Urbanistica di qualità', con la partecipazione dell'assessore della Regione Puglia alla Qualità del territorio, Angela Barbanente, del sindaco Nicola Magrone e del consigliere regionale Mario Loizzo.

Ecco l'audio dell'intervento introduttivo della 'questione urbanistica a Modugno' di Nicola Magrone.

 

Magrone spiega come in città si è giunti alla drammatica situazione del settore urbanistica con la scoperta, ratificata dalla Regione Puglia, che per 15 anni a Modugno si è costruito seguendo norme illegittime. L'amministrazione ha ritenuto che in primo luogo dovesse essere ricostituito il corpo di norme che riguardano il Prg (approvato dalla Regione Puglia nel 1995), con le varianti successive (non quelle del '99, mai approvate dalla Regione): il Prg è infatti l'unico strumento urbanistico - secondo la Regione - oggi efficace.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 02 Luglio 2014 00:42
 
='QUESTIONE URBANISTICA' A MODUGNO. I PARERI DEI TECNICI, INVIARE SUBITO ALLA REGIONE PUGLIA LA DELIBERA DEL '99= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Martedì 17 Giugno 2014 23:21

 

DAL 1999 AL 2014 A MODUGNObalconi sporgenti2
SI È COSTRUITO
CON NORME ILLEGITTIME

 

In consiglio comunale si chiede che siano i tecnici a decidere la soluzione della questione urbanistica. Tecnici che in massima parte si sono già espressi. Ecco le loro opinioni nei confronti già compiuti con l'amministrazione comunale

 

Dal 1999 al 2014 nel territorio di Modugno si è costruito seguendo norme non valide perché non approvate – come era invece previsto dalle leggi - dalla Regione Puglia. Le norme non valide furono introdotte con modifiche apportate nel 1999 (con una delibera di Consiglio Comunale) alle norme tecniche attuative del Piano Regolatore Generale Comunale che era stato approvato dalla Regione Puglia nel 1995. L'illegittimità l'ha rilevata la stessa Regione Puglia investita dalla questione delle norme di costruzione in vigore nel Comune di Modugno dal nuovo dirigente comunale al settore Urbanistica, Francesca Sorricaro, nominato dall’amministrazione guidata da Nicola Magrone, in carica da un anno.

In molte parti, le norme del 1999 ritenute dalla Regione non valide hanno modificato il Piano regolatore generale in maniera anche rilevante, per esempio alterando il rapporto tra altezza degli edifici e larghezza stradale, escludendo dal calcolo della complessiva superficie edificabile le superfici di scale esterne e balconi o ancora inserendo in aree destinate ad attività industriali altre destinazioni d’uso come attività commerciali di vendita e distribuzione. In altri casi non hanno tenuto delle prescrizioni della Regione, per esempio riguardo a sopraelevazioni o ristrutturazioni.

Il Sindaco di Modugno, Nicola Magrone, nella seduta del consiglio comunale del 28 maggio 2014,  ha illustrato l’allarmante situazione urbanistica della città; ha rassicurato l’opinione pubblica per quanto riguarda il rischio di coinvolgimento delle realizzazioni urbanistiche già realizzate e ha posto il problema del presente e del futuro, concludendo con un appello all’unità delle forze politiche della città, ai professionisti, ai lavoratori, agli imprenditori, agli artigiani, agli intellettuali per affrontare un problema che è stato ereditato dal passato e che produce i suoi effetti anche oggi sulla qualità della città e della vita dei cittadini.

Nella seduta del 20 giugno del consiglio comunale convocata su richiesta del sindaco per discutere di come risolvere la questione urbanistica, dieci consiglieri di maggioranza e uno dell’Udc - col parere contrario dell’amministrazione - hanno tuttavia scelto di decidere, di fatto, per un rinvio di mesi, approvando la costituzione da parte del Comune di una sorta di commissione di tecnici che dovrebbe in 45 giorni dal suo insediamento (problemi di regolamenti e di ferie esclusi) elaborare proposte tra le quali il consiglio comunale dovrebbe poi scegliere quella che sembrerà la migliore. E' stata bocciata invece la proposta dell’amministrazione, sostenuta da sei consiglieri di maggioranza, compreso il sindaco, di inviare subito le norme del 1999 alla Regione Puglia per concordare la soluzione con la Regione stessa, interlocutore sovraordinato del Comune sulla questione della pianificazione del territorio.

Ultimo aggiornamento Sabato 28 Giugno 2014 10:12
 
='QUESTIONE URBANISTICA' A MODUGNO. L'EMERGENZA LEGALITA' NELLE PAROLE DELL'ASSESSORE REGIONALE BARBANENTE= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Sabato 28 Giugno 2014 10:17

DAL 1999 AL 2014 A MODUGNO SI E' COSTRUITO CON NORME ILLEGITTIME.

UN CONVEGNO PD (25 GIUGNO 2014) SUL TEMA 'URBANISTICA DI QUALITA'
COL SINDACO NICOLA MAGRONE E L'ASSESSORE DELLA REGIONE PUGLIA ANGELA BARBANENTE - IL VIDEO

Nicola Magrone, sindaco di Modugno: Urgente la necessità di un sistema di norme certe. Quel che è stato costruito sinora con quelle norme non ci riguarda e non sarà toccato. Da oggi in poi occorre però rimettere sui binari un treno deragliato

L'assessore Barbanente: "[A Modugno] oggi vige lo strumento urbanistico approvato dalla Regione Puglia nel 1995. Punto. Voi potete presentare all'ufficio tecnico del comune tutti i permessi di costruire che volete, tutte le lottizzazioni che volete, e saranno esaminati sulla base dello strumento urbanistico del 1995". "Qui non e' stato sospeso alcunche', non c'e' stato alcun organo che abbia sospeso un provvedimento di consiglio comunale approvato nel lontano '99 [...] quella delibera aveva contenuti di variante e non ha completato il proprio iter [...] nel momento in cui si e' accertato, senza bisogno di revocare e sospendere alcunche', si e' verificato che quell'atto e' illegittimo. [...]"

       

Ultimo aggiornamento Sabato 28 Giugno 2014 11:19
 
='QUESTIONE URBANISTICA' A MODUGNO: LE RAGIONI DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE NELLE PAROLE DELL'ASSESSORE REGIONALE ANGELA BARBANENTE= PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Giovedì 26 Giugno 2014 00:24

 

angela-barbanenteL’esponente della Regione Puglia a un convegno Pd sulla questione: “Le norme vigenti sono quelle del 1995, le varianti introdotte nel 1999 non hanno efficacia perché la loro approvazione non è stata perfezionata con l’approvazione regionale”

 

Il Sindaco di Modugno, Nicola Magrone, nella seduta del Consiglio Comunale del 28 maggio 2014, intorno alle gravissime anomalie emerse negli ultimi due mesi nella gestione del territorio negli anni dal 1999 ad oggi, illustrò l’allarmante situazione urbanistica della città; rassicurò l’opinione pubblica per quanto riguarda il rischio di coinvolgimento delle realizzazioni urbanistiche già realizzate e pose il problema del presente e del futuro, concludendo con un appello all’unità delle forze politiche della città, ai professionisti, ai lavoratori, agli imprenditori, agli artigiani, agli intellettuali per affrontare un problema ereditato dal passato e che produce i suoi effetti anche oggi sulla qualità della città e della vita dei cittadini.

Nella seduta del 20 giugno del consiglio comunale convocata su richiesta del sindaco per discutere di come risolvere la questione urbanistica, dieci consiglieri di maggioranza e uno dell’Udc - col parere contrario dell’amministrazione - scelsero di decidere per un rinvio di mesi, votando una sorta di commissione di tecnici che dovrebbe in 45 giorni dal suo insediamento (problemi di regolamenti e di ferie esclusi) elaborare proposte tra le quali il consiglio comunale dovrebbe poi scegliere quella che sembrerà la migliore. Fu bocciata invece la proposta dell’amministrazione, sostenuta da sei consiglieri di maggioranza, compreso il sindaco, di inviare subito le norme contestate alla Regione Puglia per concordare la soluzione con la Regione stessa, interlocutore sovraordinato del Comune sulla questione della pianificazione del territorio che già si era espresso per l’ illegittimità delle norme utilizzate a Modugno per 15 anni.

Ieri sera, 25 giugno 2014, l'assessore della Regione Puglia alla pianificazione del territorio, Angela Barbanente, è intervenuta a Modugno a un convegno Pd sulla questione, concordando sulla linea seguita sinora dall'amministrazione comunale. Ecco un ampio stralcio della parte centrale del suo intervento (di seguito la trascrizione):

 

 

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 26 Giugno 2014 08:49
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 7 di 22

Sudcritica Flash

==MARIO MARANGI, PER L'EXTRAVERGINE DI PUGLIA 'CREARE RETE' TRA I PRODUTTORI=Le ‪‎difficoltà‬ ma anche le grandi ‪opportunità‬ dei ‪‎produttori‬ ‪‎oleari‬ che puntano all'‪‎innovazione‬ e alla ‪‎qualità‬, in ‪Puglia‬ come a Modugno‬.
‪‎Investire‬ nell'‪olivicoltura‬ significa anche ‪valorizzare‬ il ‪territorio‬ e il tessuto‬ ‪sociale‬.
Ecco le ‪sfide‬ che affrontiamo noi ‪giovani‬ ‪‎imprenditori‬ ‎agricoli‬.
[v.in Sudcritica Modugno]

Sudcritica Flash

=IL COMUNE DI MODUGNO ABBATTE IL 'MURO'. LO ACQUISTO' COME OPERA D'ARTE, LO DISTRUGGE COME BAGNO FATISCENTE=
di Francesca Di Ciaula.Il 2 febbraio scorso, in piazza Romita Vescovo, un tempo adibita a mercato del pesce, sono iniziati i lavori di demolizione della parete adiacente ai bagni pubblici.
La motivazione è presto detta: sicurezza e salvaguardia della pubblica incolumità, fatiscenza delle strutture. Il tutto per una spesa di 35 000,00 €.
La parete ricoperta di marmo nero, fu costruita a ridosso della chiesa seicentesca delle Monacelle in pieno centro storico, per nascondere un bagno pubblico, alla vista di chi sostava nella piazzetta. Una visione dai contrasti indicibili. Un monolite scuro e dietro la parete chiara dell'antica chiesetta. L'antico e il nuovo, maldestro tentativo di dare dignità al piastrellato che ha invaso il paese, eppure opera pubblica. La modernità imposta per capriccio o arbitrio, il marmo contro la pietra povera antica. Oggi ulteriore denaro pubblico è stato impiegato per distruggere quel manufatto a nessuno mai piaciuto per la sua manifesta volgarità.

[v.leggi tutto in Sudcritica Modugno]

Sudcritica Flash

=ITALIA GIUSTA, IL COMUNE DI MODUGNO BLOCCHI LO 'SFRATTO' DELL’ISTITUTO DEL NASTRO AZZURRO=
di Tina Luciano.

Il movimento Italia Giusta secondo la Costituzione sollecita il Commissario prefettizio a Modugno perché blocchi lo ‘sfratto’ dell’Istituto Nastro Azzurro fino a quando sarà pronta la nuova sede ad esso destinata, in locali comunali che oggi ospitano i Servizi sociali.Il Museo e le Associazioni combattentistiche raccolte nell’Istituto custodiscono oggi le poche tracce esistenti di una memoria collettiva di Modugno, perse le quali va definitivamente in frantumi l’identità dell’intera città.
Un luogo della memoria va protetto e tutelato: insistere nel volerlo ‘sfrattare’ ha il sapore iconoclasta della provocazione, del voler far apparire come insensibile al bene pubblico una pubblica amministrazione che deve invece avere a cuore unicamente le esigenze sociali.

[v.anche in Sudcritica Modugno]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=CONSUMO DI SUOLO E COMUNITA' SENZA IDENTITA'. INCONTRO CON GIUSEPPE MILANO=
Il 23 gennaio 2015. Sono intervenuti Pasquale De Santis e Nicola Magrone."Contro il mostruoso consumo di suolo in tutta Italia, serve una mobilitazione dei cittadini, una coscientizzazione che ci faccia capire che la cementificazione costante ha un forte impatto sociale, significa alienazione, perdita di coesione della comunità, significa che non esiste più un'identità delle nostre città. Sentiamo spesso dire che si vuole 'costruire il futuro': ma lo si dice a vuoto, mentre si perpetuano questi atteggiamenti di noncuranza e di malapolitica. Costruire il futuro significa cominciare a far le cose per bene ogni giorno nelle nostre città. Quel che è successo a Modugno lo sapete voi, non ho titolo per parlarne ma parlano i fatti. Basta col dire che edilizia e urbanistica vanno visti come motore dello sviluppo, se poi sappiamo che servono per creare solo lo sviluppo di pochi... basta!"

Riprese video di A.Covella per Italia Giusta/Sudcritica

[v.anche in Sudcritica Modugno]

=DISCUSSIONI=

=SOVRANITA' NAZIONALE
MONETARIA
E DEBITO PUBBLICO=

Serafino Pulcini/
Mino Magrone

Monete-antiche-riportate-alla-luce-in-uno-scavo-archeologico


_________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=PROTEZIONE CIVILE, INCONTRO CON GIUSEPPE DI CIAULA=
Il 9 gennaio 2015. Coordinamento, formazione, esercitazioni, sicurezza sono i cardini di una buona protezione civile.Fondamentale un piano dettagliato di intervento, con volontari professionali i quali - quando dovessero verificarsi emergenze - sanno che fare ma non usurpano i compiti dei professionisti. Partecipano il presidente di Italia Giusta secondo la Costituzione, Pasquale De Santis, e Francesca Di Ciaula, della segreteria del movimento.
Riprese video di A.Covella per Italia Giusta/Sudcritica

[v.anche in Sudcritica Modugno]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=PROTEZIONE CIVILE, INCONTRO CON WILLIAM FORMICOLA=
Il 12 dicembre 2014, su ''Stato di salute del territorio italiano e ruolo della protezione civile''.Al centro dell'intervento, le azioni che gli amministratori devono compiere per prevenire, e per intervenire nel verificarsi di emergenze; gli effetti della mano dell'uomo sull'aggravamento dei rischi, i pericoli legati al consumo del territorio e al costruire senza regole. E' intervenuto il presidente di Italia Giusta, Pasquale De Santis.
Riprese video di A.Covella per Italia Giusta/Sudcritica

[in Sudcritica Modugno]

=POLITICA E CONSENSO=

=LA POLITICA
DELLE LOCUSTE=

locuste-madagascar


se si vuole tentare
un recupero
delle regole
che tutelino tutti,

bisognerà scontentare
i gruppetti di interesse
che si concentrano come locuste
intorno al patrimonio pubblico

di  Tina Luciano
__________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=CULTURA, SCUOLA E
TERRITORIO E LA 'NUOVA'
FIERA DEL CROCIFISSO
A MODUGNO=

seminario IG di ciaula longo lobaccaro

Per i Seminari di Italia Giusta
secondo la Costituzione,
incontro - il 21 novembre 2014 -
col musicista dei Radiodervish
Michele Lobaccaro
e con Francesca Di Ciaula
e Valentina Longo.
Su politiche culturali a
Modugno, sul successo
della 'nuova' Fiera
del
Crocifisso inaugurata
con l'amministrazione
Magrone
e sull'importanza
delle relazioni
tra scuola e territorio.

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=ECONOMIA E UE.
CI VORREBBE KEYNES
MA E' TROPPO
DI SINISTRA=

keynes-main-photo


Ilquadro
macroeconomico

dell’Europa
dovrebbe suggerire
la ripresa di politiche economiche
poggiate sulle argomentazioni
della cosiddetta sintesi postkeynesiana.
Invece, ciò è ancora molto lontano
dall’essere preso in considerazione
dalle istituzioni europee

di  Mino Magrone

____________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=LE SCELTE FISCALI DELLA GIUNTA MAGRONE PER PROTEGGERE I CETI MENO ABBIENTI=
Incontro con Dino Banchino.

Per i seminari di Italia Giusta secondo la Costituzione, incontro con l'assessore al Bilancio dell'amministrazione comunale di Modugno guidata da Nicola Magrone.Banchino ha parlato delle scelte fiscali fatte dalla giunta, tutte improntate all'art.53 della Costituzione italiana, per il quale il sistema tributario nel nostro Paese "è informato a criteri di progressività”.
Per questo, per il 2014 a Modugno non si è pagata la TASI, preferendo scaricare il peso maggiore della contribuzione dei cittadini sull'Irpef. Sono intervenuti Pasquale De Santis, presidente di Italia Giusta secondo la Costituzione, e Nicola Magrone.

[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=MODUGNO, LA GIUNTA MAGRONE E L'AIUTO AI PIU' DEBOLI=
Incontro con Rosa Scardigno

Per i seminari di Italia Giusta secondo la Costituzione, incontro con l'assessore ai servizi sociali dell'amministrazione comunale di Modugno guidata da Nicola Magrone.Al centro dell'intervento dell'assessore, gli sforzi per ricostituire servizi disastrati (Ufficio di Piano, in primis), le necessità cui assolvere senza arbitrio, la descrizione di un lavoro interrotto a poco più di un anno dall'insediamento, quando avrebbe potuto dare aiuti più congrui.

[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

=DISCUSSIONI=

=MODUGNO.
CON ITALIA GIUSTA
PER ROMPERE
L'AGGLOMERATO
DI POTERE=

logo italia giusta internet


Da queste parti
smuovere la stagnazione
di poteri è stato
un azzardo
ed una scelta
 coraggiosa.
E tuttavia la dimostrazione
che un movimento possa spezzare

un meccanismo consolidato
c'è stata.
[...] Che si possano tentare
scelte politiche limpide e nette,
l'esperienza amministrativa
modugnese ce lo insegna

di  Francesca Di Ciaula
____________________

 [Leggi tutto]

I SEMINARI DI ITALIA GIUSTA

=MODUGNO, LA NUOVA FIERA DEL CROCIFISSO=
Incontro con Tina Luciano -
"Queste sono le ragioni e le modalità della nuova configurazione della Fiera del Crocifisso......da un lato riannodare i fili con il centro della città, dall’altro garantire la sicurezza in un sito che, oltre ad essere isolato non garantiva nemmeno l’incolumità dei visitatori".

[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

=I LUOGHI=

=BORGO TACCONE.
STORIA PICCOLA
DEL SUD=

taccone7


Borgo Taccone
è questo luogo
dell'assenza,
una storia mancata
di insediamenti rurali.
Eppure non riesci
ad individuare la parola fine
a questa storia.
Il borgo intero sembra piuttosto
un racconto interrotto.

di  Francesca Di Ciaula
______________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=IL MATTONE DI CALVINO.
60 ANNI DOPO=

Credits-LaPresse h partb


“Un sovrapporsi
geometrico di parallelepipedi
e poliedri, spigoli e lati di case,
di qua e di là, tetti, finestre,
muri ciechi per servitù contigue
con solo i finestrini smerigliati
dei gabinetti uno sopra l’altro”.

di  Nicola Sacco
______________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=CRISI. PER SALVARE
L'EUROPA BASTEREBBE
SVEGLIARE IL GIGANTE=

images


Una modesta
frazione

di questo gigante finanziario
narcotizzato e costretto
a stare improduttivo può,
purché l’Europa e la Germania
lo vogliano, finanziare opere
e interventi comuni di sviluppo
e crescita dell’occupazione
di lavoratori in Italia ed in Europa

di  Mino Magrone
______________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=MODUGNO.
LA DIGNITA' POSSIBILE=

francesca4


Questo, il sindaco
di Modugno,
Nicola Magrone,
ha insegnato nel primo anno
di amministrazione a chi
ha voluto comprendere:
a essere chiari,
a pronunciare il nome delle cose
senza timore, pubblicamente,
non in cenacoli all’ombra
di qualche interesse
che non fosse quello
di tutti i cittadini.

di  Francesca Di Ciaula

____________________

 [Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=TAMARO, IL GRANDE NEMICO
E' IL NIENTE. O LO E'
PIUTTOSTO IL NICHILISMO?=

rotoletti010


L'angoscia e il disagio
non sono soltanto
sentimenti dei giovani,
sono invece
di noi tutti
in quanto mortali
destinati a finire,
al niente

di  Mino Magrone

_______________

[Leggi tutto]

Sudcritica Modugno

=GUASTO A PASSAGGIO A LIVELLO MODUGNO. IL SINDACO, SITUAZIONE ASSURDA CHE SI RIPETE= 5 aprile 2014 - Dice Nicola Magrone: "Prendero' le opportune iniziative per l'attuazione puntuale di intese precise sui compiti i di Fal e Rete Ferroviaria Italiana. Quello che serve e' scongiurare ulteriori situazioni di grave pericolo".[Leggi tutto in Sudcritica Modugno]

=DISCUSSIONI=

=“La grande bellezza”?=

la grande bellezza


Finché continua
l’umana avventura
in questa valle,
ci sarà scienza, arte,
religione
e l’apocalisse del pensiero
lasciamola ai meno dotati.
Non ci riguarda.

di  Pippo De Liso

_______________

[Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=JOBS ACT, LAVORO

SENZA DIRITTI

E SENZA DIFESE=

CGIL crisi

 
l’Europa solidifica
interessi preminenti
anche sottraendo
ai Paesi
a sovranità nazionale
le tradizioni politiche
e i documenti storici d’identità.
L’Italia è in prima fila con la cessione
della Costituzione e la fiammata
di follia collettiva del cambiamento
a tutti i costi, soprattutto in peggio

di  Pippo De Liso

_______________

[ Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

=Per far ripartire l'Italia

non serve stravolgere

la Costituzione=

costituzione

Proposta, da parte di un attivista

di Italia Giusta, di una piccola

guida pratica, aperta a suggerimenti,

per orientarsi tra i temi

di stretta attualità politica

di  Nicola Sacco

_______________

[ Leggi tutto]

Sudcritica Modugno

=RACCOLTA DIFFERENZIATA A MODUGNO, SUDCRITICA INTERVISTA L'ASSESSORE = 17 marzo 2014 - Puoi seguire l'intervista anche alla pagina di Sudcritica Modugno.Tra breve, finalmente, anche a Modugno (e per l'intero Aro del quale Modugno è capofila) ci sarà un bando di gara per una vera raccolta differenziata. Con l'aiuto e la collaborazione di tutti i cittadini dovrà portare al traguardo 'rifiuti zero'. L'assessore comunale Tina Luciano spiega a Sudcritica come accadrà.

Riprese e post produzione di Alberto Covella

Per discutere con il Movimento Italia Giusta secondo la Costituzione, questi gli indirizzi:
sede: via X marzo 88 - 70026 MODUGNO
posta elettronica: [email protected]
[email protected]
rivista: www.sudcritica.it

=DISCUSSIONI=

Larroganza

della Rai

In nessun altro

Paese europeo

si assiste al pagamento

di un canone obbligatorio

a fronte di una pubblicità

invadente e accentratrice

di  Pippo De Liso

_______________

[ Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

Il documento

alternativo

"Il sindacato

è un'altra cosa"

per il XVII Congresso

della Cgil

 

di  Pippo De Liso

__________________

[ Leggi tutto]

=DISCUSSIONI=

Una sinistra

nata piccolo-borghese

 

di  Franco Schettini

__________________

a mio avviso il nostro “marxismo” altro non è stato che riformismo piccolo borghese, nemmeno socialdemocratico

Il 15 giugno del 1975 Pasolini scriveva, dopo le effimere vittorie delle sinistre, che “l’Italia è nel suo insieme ormai un Paese spoliticizzato, un corpo morto i cui riflessi non sono che meccanici. L’Italia cioè non sta vivendo altro che un processo di adattamento alla propria degradazione”.

[ Leggi tutto]

Contro la violenza sulle donne

MAGRONE, PALMINA E LE SUE PAROLE HANNO CAMBIATO LA MIA VITA
Casacalenda, 16 novembre 2013 - intervista di Maurizio Cavaliere. Magrone ricorda il giorno in cui palmina martinelli gli parlò in punto di morte, rivelandogli i nomi dei suoi aguzzini. La 14enne di fasano morì data alle fiamme nel novembre 1981, si era rifiutata di prostituirsi.

=LA VIOLENZA ESIBITA=

di Francesca Di Ciaula

____________________

violenza2 [ Leggi tutto]  

DON TONINO BELLO - LA COSCIENZA E IL POTERE

IL POTERE, LA LEGGE, LA COSCIENZA
Don Tonino Bello ricordato dal sindaco di Modugno, Nicola Magrone, a Mola di Bari, il 16 ottobre 2013, con l'assessore regionale Guglielmo Minervini e don Gianni De Robertis.La speranza nel patto tra deboli, se non per rovesciare il potere almeno per attenuarne l'abuso. Tornare alle origini di don Tonino Bello è tornare alle origini del nostro popolo, cioè la Costituzione. Secondo il sindaco di Modugno, oggi la costituzione non deve essere modificata.

cronache dall'interno

=IL SINDACO DI MODUGNO NICOLA MAGRONE E LA SUA GIUNTA INCONTRANO I CITTADINI=
26 settembre 2013 - Filmato integrale dell'incontroPer la prima volta nella vita amministrativa di Modugno, l’amministrazione parla con i cittadini in un incontro pubblico.

Riprese e post produzione di Alberto Covella

Per discutere con il Movimento Italia Giusta secondo la Costituzione, questi gli indirizzi:
sede: via X marzo 88 - 70026 MODUGNO
posta elettronica: [email protected]
[email protected]
rivista: www.sudcritica.it

Newsletter

Grazie per esserti iscritto alla newsletter di Sudcritica. Stay tuned :)
Banner

Contattaci

Da (email)
Oggetto
Inserire questo testozquhnmdn
 No SPAM
   
 

Chi è online

 100 visitatori online